closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Elezioni dopo le riforme? Se cambia il bicameralismo devono cambiare le camere

È ripreso in commissione affari costituzionali l’iter del progetto di riforma costituzionale per la modifica del senato (e del titolo V, cui nessuno sembra prestare particolare attenzione). Si parte dalla proposta del governo, destinata a significativi ritocchi dagli emendamenti presentati dai relatori, alla quale si è cercato di garantire la maggioranza (anche stretta, dopo avere sacrificato moltissimo alle larghe intese) in commissione a suon di rimozioni e sostituzioni di senatori. L’idea - si sa - è di fare in fretta: dopo la commissione, l’aula, dove la nuova scadenza (dopo quella del 25 maggio e quella del 10 giugno) è fine...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.