closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«El gran movimento», nella città l’incubo dell’operaio e la sua redenzione

Venezia 78. Nella sezione Orizzonti il film di Kiro Russo, sinfonia della metropoli in altitudine tra malattia, cura e credenze ancestrali

Una scena da «El gran movimiento»

Una scena da «El gran movimiento»

Secondo lungometraggio del regista boliviano (nato nel 1984) Kiro Russo, già molto premiato col suo esordio Viejo Calavera (2016), El gran movimiento, al di là di quello che sarà il palmarès, è già il vincitore della sezione Orizzonti, di cui almeno tra quelli visti è l'unico a proporre un lavoro di ricerca che sorprende il proprio soggetto con una costante ricerca formale. E questo in una tendenza che predilige invece storie di sceneggiatura, senza troppe sorprese – se si esclude il magnifico Atlantide di Yuri Ancarani già recensito su queste pagine - in cui ogni elemento deve trovare la casella...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.