closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Eiichi Yamamoto, il Sol Levante tra delirio e meló

Giappone. A ottant’anni se ne va un maestro dell’animazione nipponica, attivo sulla scena per oltre mezzo secolo

Eiichi Yamamoto

Eiichi Yamamoto

La notizia è stata resa pubblica solamente lo scorso sabato, nel corso di una proiezione speciale del lungometraggio animato Kanashimi no Beradonna (Belladonna of Sadness, 1973), ma in realtà il regista e animatore giapponese Eiichi Yamamoto se n’è andato, a ottant’anni, lo scorso sette settembre. Frase fatta e spesso abusata anche da chi qui scrive, ma che corrisponde ancora una volta al vero, con Yamamoto se ne va un altro protagonista dell’animazione del Sol Levante che ha attraversato lo sviluppo e l’evoluzione del medium dal dopoguerra in avanti. Se in patria e in Occidente è giustamente ricordato per la trilogia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.