closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Egitto, tre anni di carcere per aver scioperato

Il Cairo. Trentadue operai condannati alla prigione dopo un presidio lungo 55 giorni: chiedevano un risarcimento per la famiglia di un compagno morto in servizio

Il presidio dei lavoratori del cementificio egiziano Torah

Il presidio dei lavoratori del cementificio egiziano Torah

Sono stati condannati a tre anni i 32 operai egiziani del cementificio Torah del gruppo tedesco HeidelbergCement (di cui abbiamo parlato su queste pagine il primo giugno). I lavoratori avevano dato il via ad presidio lungo 55 giorni dopo che la direzione dello stabilimento aveva negato il risarcimento alla famiglia di un lavoratore morto in servizio. Il 22 maggio la polizia aveva attaccato il sit-in e 32 operai erano stati arrestati con varie accuse: resistenza a pubblico ufficiale, aggressione di un poliziotto e ostruzione alla giustizia. Secondo quanto riportato dal loro avvocato, Haitham Mohamedein, la difesa ha tempo dieci giorni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.