closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Egitto e Regeni: si alza la solita voce nel solito silenzio

La voce esile, ma quanto mai ferma, di Paola Regeni si è fatta sentire con forza in queste ore, ed era vibrante di uno sdegno controllato. Tanto più perché, questa volta, quella voce non si alzava per una vicenda così intima e, allo stesso tempo, così universale come la tortura e l’assassinio del figlio, ma al fine di salvare la vita di un’altra donna. E, insieme alla sua, si è udita la voce di Alessandra Ballerini, legale della famiglia Regeni, e di tante altre buone cause. Oggi in gioco c’è la vita di Amal Fathy, arrestata qualche giorno fa in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi