closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Effetto Mose, il Pd sbanda

Tangenti. Il partito in ordine sparso su Orsoni. E slittano sia il ddl anticorruzione che il dl sui poteri di Cantone

Il Mose di Venezia

Il Mose di Venezia

“Se le accuse saranno provate, il Pd ne trarrà le conseguenze. Come è stato fatto nel caso Genovese”. Le parole di Maria Elena Boschi a Porta a Porta sono sufficientemente chiare. Ma sono anche l'ennesimo acuto in una polifonia di voci, tutte interne al Pd, di fronte alle quali non è facile capire quale sia la chiave di lettura prevalente dopo gli arresti per il Mose. Si va dal “Giorgio Orsoni non è del Pd, non ha mai avuto la tessera dal partito”, affermato da Luca Lotti, a “il Pd non c'entra con le tangenti”, dichiarazione di Debora Serracchiani alla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi