closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 31.07.2018

Dodici aggressioni razziste in 50 giorni. L’ultima contro l’atleta di origine nigeriana Daisy Osakue, ferita a un occhio. Ad Aprilia due arresti per l’omicidio di un migrante. «Preoccupata» l’Onu, ma per Salvini: «L’emergenza razzismo è una sciocchezza». E Di Maio lo segue

Proteste irachene: 14 morti, sospeso il ministro dell’Energia

Chiara Cruciati

Il sud è incandescente: dall'8 luglio manifestazioni e blocco dei giacimenti petroliferi, la gente chiede lavoro e servizi. Baghdad risponde con l'esercito e sospendendo un ministro, ma a mangiare risorse è la corruzione: dal 2003 spariti 40 miliardi solo nel settore energetico

Israele vieta a Jorit Agoch il ritorno in Palestina

Michele Giorgio

Lo street artist napoletano, arrestato sabato a Betlemme dalla polizia israeliana e rientrato in Italia, per 10 anni dovrà fare i conti con un "denied entry". Intanto restano detenuti 20 dei 22 passeggeri e membri dell'equipaggio della al Awda, l'imbarcazione della Freedom Flotilla bloccata domenica in acque internazionali dalla Marina israeliana mentre faceva rotta per Gaza.

Commenti

«Un paese unito»: Teheran libera Mousavi e Karrubi

Farian Sabahi

Crisi economica, accordo sul nucleare a rischio, proteste: la Repubblica Islamica ha bisogno oggi di mostrarsi unita, di cancellare il divario tra la politica e un popolo sempre più laico. E rilascia i simboli dell'opposizione al conservatore Ahmadinejad

Tanti auguri, Franca!

Gianfranco Capitta

Compie gli anni la grande attrice, scrittrice milanese, istituzione nazionale da preservare per il bene di tutti. 

Sharon Fridman o della danza come arte dell’incontro

Francesca Pedroni

«All Ways», lo spettacolo firmato dal coreografo israeliano di scena a Operaestate Festival Veneto38. «La situazione politica del mio paese è grave, non posso andare a casa e chiudere gli occhi di fronte a quello che accade»

E tutte le colpe caddero sul povero diavolo

Mariangela Mianiti

Chi ha inventato il demonio sapeva quali sottili e perverse scusanti avrebbe messo a disposizione di chi non vuole mai assumersi le proprie responsabilità

L'Ultima

La Grecia che resiste

Marco Revelli

Oggi va di moda l’accusa di «tradimento», perfino di fronte alla tragedia degli incendi. Come se nella lunga crisi del paese non ci fosse stato un punto di svolta sostenuto da Tsipras. Malgrado le risorse al lumicino, sono stati riaperti gli ospedali, riassunti migliaia di infermieri, riallacciate le utenze ai poveri, protette le prime case dai pignoramenti