closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 31.05.2013

Mozione unitaria di 158 parlamentari, tutti quelli di M5S e Sel, con 14 «coraggiosi» del Pd contro l’acquisto di 90 F-35 che ci costeranno 12,9 miliardi di euro. Già nel 2013 il governo sborserà ben 4 miliardi. Ci si potrebbero risanare 8mila scuole, costruire 3mila asili e finanziare il reddito minimo garantito per i giovani

Politica

F-35, diamoci un taglio

Roberto Ciccarelli

158 parlamentari del Movimento 5 Stelle e di Sel, insieme a 14 deputati del Pd hanno presentato in parlamento una mozione contro il programma degli F-35

L’Italia nel business del «first strike» Usa

Tommaso Di Francesco, Manlio Dinucci

Undici anni di campagna di denuncia del «manifesto». Contro un pozzo senza fondo che ingoia miliardi di euro di denaro pubblico, sottraendo risorse alle spese sociali e arricchendo le industrie belliche

Il 2 giugno ripudia la guerra

Matteo Bartocci

50 iniziative pacifiste in tutta Italia. Laura Boldrini incontra a Roma i volontari del servizio civile

Italia

Franca, una vita all’improvvisa

Luca Fazio

Al Piccolo Teatro, Milano rende omaggio all’attrice. Dario Fo stringe mani, «Non è vero che essere in tanti a soffrire è un conforto». Oggi il suo commiato

Finché (Franca Rame)

Giulia Siviero

Dopo un'ondata di proteste, il Tg2 si è scusato per questo servizio su Franca Rame andato in onda mercoledì scorso

Gli estremisti pensanti e il liberismo di sinistra

Mario Pianta

«Per 20 anni privatizzazioni, deregolamentazioni e flessibilità del lavoro sono state le stelle polari della politica di tutti i governi. Il risultato è sotto gli occhi di tutti». Replica a Michele Salvati, che sul sito della rivista «il Mulino» stronca il libro «Sbilanciamo l’economia. Una via d’uscita dalla crisi»

Cina al bivio tra mercato e stato

Simone Pieranni

Sfiducia occidentale sulla volontà cinese di avviare «riforme», proprio mentre Li Keqiang «respinge» piani governativi che accrescerebbero le diseguaglianze

Diga d’affari in Congo

Luca Manes

Nella Repubblica Democratica del Congo, il governo ha dato il via libera alla costruzione della Grand Inga, la diga più grande e costosa della storia. Produrrà 40mila megawatt, ma non servirà la popolazione che è esclusa dall’accesso diretto all’elettricità

Cultura

L’Unione parla tedesco

Marco Bascetta

Da nazione europeista nata dalla catastrofe nazionalsocialista all’Europa segnata dall’egemonia di Berlino esercitata sugli altri paesi per allontanare dalla Germania gli effetti della crisi. L’ultimo libro di Ulrich Beck per Laterza. Analisi di un modello sociale segnato a fuoco da un feroce workfare, mentre crescono al suo interno forti pulsioni antieuropee