closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 30.10.2015

Marino ritira le dimissioni, torna sindaco e chiede il dibattito in aula. Il Pd lo teme come la peste e riunisce i suoi consiglieri per imporgli le dimissioni. Ma è scontro con i dissidenti. Poi parte la caccia per rastrellare altre firme tra le opposizioni (di centro e di destra). Rivolta dei dirigenti romani contro Orfini

Politica

Il marziano atterra sul Pd, da sindaco

Eleonora Martini

A tre giorni dalla deadline, il chirurgo democratico ritira le dimissioni che era stato costretto a presentare il 12 ottobre. La mossa anticipata costringe il partito renziano alla politica creativa. E la richiesta di andare in Consiglio viene affossata

Lo sbando democratico

Daniela Preziosi

Il malumore dei consiglieri, Orfini sotto accusa. Nella ’base’ il malcontento dei tempi di OccupyPd. I ’subcommissari’ non hanno saputo mettersi in sintonia con gli iscritti, già tentati dall’abbandono Cuperlo: «Il Pd ha il dovere di andare in consiglio». Morassut: «Quello che succede è un Truman show»

Laboratorio Roma per un Pd renziano sempre più a destra

Andrea Colombo

La fallita mediazione fra Pd e Marino dà corpo a una strategia che coinvolge l’intero quadro politico nazionale. In caso di successo si prefigurerebbe una nuova e molto diversa alleanza con la quale presentarsi agli elettori in primavera

Scontrini, porte chiuse a Firenze

Riccardo Chiari

Da tre anni Tommaso Grassi, consigliere capogruppo di Firenze a Sinistra, chiede di accedere agli atti delle spese istituzionali dell'ex sindaco Renzi e dell'attuale primo cittadino Nardella. Cinque richieste, quattro dinieghi. Ora Grassi aspetta la risposta dell'amministrazione, e osserva: "Non sto chiedendo la luna".

Riforme e Italicum, i piani del No

Andrea Fabozzi

Costituito il comitato. Parte l’assedio su due fronti alla nuova legge elettorale. Il referendum sulla riforma rischia di diventare l’appello al popolo di Renzi. Giuristi e cittadini già partono. Il ruolo delle opposizioni

Scuola

Tagli, ribassi, iperlegalitarismo: così Roma distrugge il sociale

Roberto Ciccarelli

La riduzione del budget da 3 milioni a 1,2 mette a rischio 14 centri interculturali su 23. La protesta contro un bando "iniquo e umiliante" del Campidoglio. 500 bambini perderanno la scuola, dieci di loro sono stati nominati "ambasciatori di cittadinanza" dal sindaco Ignazio Marino. Massimo Guidotti, fondatore del centro "Celio Azzurro": "Questa è una città barbarica e insensata". La denuncia delle associazioni del terzo settore: una delibera dell'assessore alla legalità Sabella distruggerà le politiche sociali

Economia

Gli immigrati ci regalano 3 miliardi

Antonio Sciotto

Non sono quelli della flessibilità Ue, ma la differenza tra entrate fiscali e previdenziali assicurate dai "nuovi italiani" e le spese sostenute per loro dal nostro Paese. Gli stranieri residenti sono ormai oltre 5 milioni, e si avvicinano al 10% della popolazione: rimpatriata la metà degli irregolari

E Merkel vende a Pechino 130 Airbus

Simone Pieranni

La cancelliera deve fronteggiare anche la crisi di Deutsche Bank che ha annunciato 9 mila esuberi e la chiusura delle sedi in dieci paesi

Arabia saudita: «Attacco agli sgoccioli»

Chiara Cruciati

Riyadh dice di voler interrompere l'operazione militare, ma proseguono le stragi di civili: ieri uccisi 13 lavoratori in un bus. Battibecco con l'Onu sul raid contro l'ospedale di Medici Senza Frontiere

Premio Sakharov a Raif Badawi

Michele Giorgio

Il riconoscimento dell'Europarlamento potrebbe salvare il blogger saudita da altre frustate e, forse, spingere le autorità a lasciarlo raggiungere la famiglia in Canada. Intanto si teme per la sorte del 21enne sciita Ali Mohammed an Nimr, arrestato quando era ancora minorenne, condannato a morte per decapitazione e crocifissione.

Sei anni e 223 frustate per un film

Simone Zoppellaro

L’accusa di blasfemia è arrivata per un progetto che non ha neppure concluso ma di cui ha solo discusso su Skype e via email

Cultura

Museo del Bardo, tempio universale

Valentina Porcheddu

Il direttore del museo tunisino che subì l'attentato del 18 marzo scorso, Moncef Ben Moussa, è in Italia per parlare a Paestum dei valori della cultura contro la violenza

Un imperativo Stato di necessità

Massimiliano Guareschi

«La Germania al di sopra di tutto» di Émile Durkheim manifesta un’inedita attualità per capire come gli stereotipi sulle mentalità sono usati per condannare la volontà di potenza di una nazione. Ma anche, come afferma questo padre nobile della filosofia sociale, per nascondere le proprie politiche di espansione

Visioni

Se la cucina è uno spazio riservato ai soli uomini

Benedetta Diamanti

La storia delle Sociedades Populares, nate alla fine dell'Ottocento come spazi comuni, e divenute il luogo in cui riunirsi e tenere viva la propria identità. L'accesso avviene su invito e solo di recente comincia a aprirsi alle donne

La tv del futuro è un menù alla carta

Giulia D'Agnolo Vallan

Uno dei monopoli più saldi dell’industria delle telecomunicazioni Usa viene messo a dura prova da nuovi soggetti che si muovono su web

De Gregori canta Dylan

Fabio Francione

Esce oggi nei negozi il tributo che il cantautore romano dedica all'ex menestrello di Duluth. Undici brani estratti da un canzoniere infinito, tradotti - fedelmente - in italiano

Si è rotta la scatola

Vanni Codeluppi

Le mutazioni del piccolo schermo nel corso del tempo e la strategia del brand dei network

Il divo alla prima persona

Giovanna Branca

«Listen to Me Marlon», tra vita e cinema il film di Stevan Riley presentato a DocLisboa. Da ricordi della madre agli Oscar, una biografia scandita dalle parole di Brando

Grandi manovre sul pianeta tv

Stefano Crippa

Lo sbarco di Netflix in Italia coincide con la trasformazione delle modalità di fruizione del piccolo schermo e dei suoi gestori

L'Ultima

In Nepal una presidente femminista e comunista

Emanuele Giordana

Il nuovo capo dello Stato del Nepal è una donna. È comunista (non maoista, ma ha avuto i voti anche dei maoisti), ha 54 anni, si chiama Bidhya Devi Bhandari. Il suo curriculum sono le battaglie in difesa delle donne in una società dominata dai maschi e dalle caste alte che dettano ancora la legge non scritta della tradizione