closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 30.05.2014

«Siamo il partito del lavoro, con il 40% abbiamo raggiunto l’approdo maggioritario, ora le riforme e il nuovo partito». Renzi riunisce la direzione, promette di cambiare verso all’Europa (e al Pse), nomina la crisi industriale del paese ma esalta il decreto Poletti e non insiste sul Jobs Act. La luna di miele con il paese è finita e comincia la prova del governo

Politica

Nasce Renzi 2.0, stile età matura

Micaela Bongi

Il segretario rottama gli abiti del bullo, il 41% è «responsabilità». Ora il partito deve fare sul serio: primo, «cambiare l’Europa, altrimenti non si salva. Le misure su teorie degli anni 80 non danno risposte ai cittadini»

LISTA TSIPRAS

Smeriglio: «Nessuna scissione in Sel»

Daniela Preziosi

Intervista a Massimiliano Smeriglio: «Discuteremo, ma oggi entrare nel Pd o governare con Alfano sarebbe folle». «Abbiamo proposto un campo largo con il Pd, oggi c’è ma non è il nostro». Renzi? «Gli riconosco uno straordinario risultato. Tsipras proverà un dialogo con lui e con il Pse»

Politica

L’autocritica pentastellata non piace a Grillo e scatena il caos nel movimento

Luca Fazio

Lo staff della comunicazione del M5S redige un documento per sottolineare gli errori nella campagna elettorale che hanno causato la perdita di milioni di voti. Una mossa non concordata che irrita i due soci leader del movimento. A preoccupare militanti e deputati anche l'incontro ravvicinato tra il capo e il leader populista inglese Nigel Farage che ha vinto le elezioni in Inghilterra

Ora a Livorno il Pd ha paura

Riccardo Chiari

Il ballottaggio era atteso, non la forbice del 17% fra il voto europeo e quello cittadino. Il M5S sogna il bis di Parma

Francesellum, senato stile Anci

Andrea Fabozzi

Renzi assicura: nessun rinvio. Ma la commissione affari costituzionali rinvia di cinque giorni. E' caos emendamenti, come soluzione avanza un finto modello francese che rimette al centro i comuni

DENTRO IL VOTO

Quante facce ha il no all’austerity

Alberto Burgio

La destra europea sale al 25% e fa intravedere i fantasmi dei nazionalismi del ’900. Resiste e cresce anche la sinistra critica. La strada della Lista Tsipras è lunga ma è una una buona chance, forse l’ultima

Piccolo spaccio, «pene da ridurre»

Eleonora Martini

Viene dalle Sezioni unite della Corte di Cassazione, l’ultimo colpo all’incostituzionale legge Fini-Giovanardi. Da scarcerare almeno 4 mila detenuti ma senza amnistia i tribunali si intaseranno

Economia

Squinzi “rottama” il Jobs Act

Antonio Sciotto

No al contratto a tutele crescenti, ma per il resto a tutto Renzi: «Non ci deludere». Imprese allineate al governo: «Ma ora le riforme». Guidi: «I profitti non sono da criminalizzare»

Europa

La crisi di valori delle istituzioni europee

Donatella della Porta

Il voto alla fine ha penalizzato i Popolari, principali responsabili delle politiche di austerity. I socialisti restano stabili ma con cadute vistose come quella francese. E le critiche a un’Europa neoliberista potrebbero trovare ora una nuova risonanza

Ex voto

Mary Kaldor

A uscire vincitore dalle elezioni europee è soprattutto un diffuso sentimento di sfiducia verso le istituzioni di Bruxelles. Bisogna ricostruire una democrazia post-nazionale, dove i processi decisionali rimettano i cittadini al centro

L’astensionismo e la democrazia malata

Jacopo Rosatelli

L’affluenza è lievemente aumentata, facendo registrare un +0,09 %. Certamente, c’è poco da festeggiare: il dato del 43,09% resta molto basso

L’assolutismo di Renzi e il Pd piglia tutto

Christian Raimo

Dagli 80 euro al «disastro Berlusconi», passando per l’«apocalisse Monti» e le fatiche di Tsipras. La vecchia classe dirigente del Pd è stata trattata da bad company e il partito ha vinto identificandosi totalmente con il leader

Internazionale

Palestina: incarico ad Hamdallah, governo vicino

Michele Giorgio

Il presidente Abu Mazen ha conferito l'incarico al premier uscente del governo dell'Anp di formare il primo esecutivo di unità nazionale dal 2007, appoggiato da Fatah e Hamas. Ma rimangono differenze sulla lista dei ministri tecnici

Reportage

Gli spari sopra Donetsk

Lorenzo Gottardo

Dopo gli attacchi indiscriminati dell’esercito ucraino che hanno ucciso anche i civili, la città è deserta. Chi può fugge, chi rimane costruisce barricate

Internazionale

Abbattuto elicottero a Sloviansk

Simone Pieranni

I filorussi difendono le postazioni nell’est, 14 morti tra l’esercito di Kiev. Poroshenko e Obama, incontro il 3 giugno. Nasce l’Unione euroasiatica con Russia Kazakistan, Bielorussia

Cultura

Le app che fanno movimento

Daniele Pizio

Quando il virtuale incontra la strada. Sono software che possono essere usati per sfuggire alle forme di controllo della Rete e per coordinare le mobilitazioni di piazza

Un codice etico in tempo reale

Marina Catucci

Datagate, nuova puntata del conflitto tra Wikileaks e Glenn Greenwald su giornalismo e trasparenza in Rete

Una fusione per il business della qualità

Francesca Lazzarato

Accordo tra le agenzie letterarie di Andrew Wylie e Carmen Balcells. Nelle rispettive client list ci sono molti premi Nobel, autori di buon e alto livello. Ma svela anche il crescente interesse del mercato statunitense per gli scrittori latinoamericani