closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 29.09.2018

Spread e mercati non gradiscono, bruciano in borsa 25 miliardi. Banche sotto tiro mentre le agenzie di rating si preparano al declassamento dell’Italia. Moscovici abbassa i toni della critica ma il governo rilancia e Conte sfotte: «Se ne faranno una ragione»

Editoriale

I pentaleghisti e lo spartito democristiano

Norma Rangeri

Debito, assistenzialismo, evasione fiscale, non proprio una rivoluzione, piuttosto la replica di vecchi modelli, spolverati con tagli simbolici ai privilegi (vitalizi, pensioni d’oro). Solo che ora i conti non si fanno più in casa, ora inizia il confronto con l’Europa e con la giostra dei mercati

Lavoro

Il “reddito di cittadinanza” è la cura Daniel Blake

Roberto Ciccarelli

Al di là dell’operazione politico-mediatica, oggi sulle spalle di poveri, precari e disoccupati si sta giocando un’importante partita: il governo della loro vita finalizzato all’occultamento statistico della povertà. Questo significa l’“abolizione della povertà” di cui parla Di Maio. Da questo sistema ingiusto restano esclusi milioni di lavoratori precari, i “poveri assoluti” italiani saranno sussunti da un governo della povertà, mentre gli stranieri residenti poveri saranno colpiti da un nuovo stigma

Commenti

Nella destra razzista l’unione tra filosemiti e antisemiti

Massimo Raffaeli

Nel partito di estrema destra tedesco entra il gruppo Ebrei per la Germania. Perché stupirsene? Una destra intollerante e xenofoba governa da quarant’anni Israele e, riguardo alla questione palestinese, è da tempo approdata a pratiche nemmeno più colonialiste ma in sostanza segregazioniste. Se ognuno riconosce i suoi, l’estrema destra tedesca non può che rallegrarsene

Cultura

Il flusso selvaggio di parole indigeste

Caterina Mauri

«Saperi pubblici», a Bologna un incontro tra docenti, studenti e società civile. Il salviniano «Prima gli italiani» è uno spot ma anche l’allusione al fatto che qualcuno abbia rubato loro il posto. Nell’udire che «la pacchia è finita» siamo obbligati a dare per scontato che la pacchia sia esistita davvero

Visioni

Corpi in movimento, all’inferno e ritorno

Francesca Pedroni

Il coreografo greco Dimitris Papaioannou è stato protagonista a Torinodanza con «The Great Tamer». Un progetto giocato sulla creazione di affreschi ispirati a fonti letterarie, pittoriche e cinematografiche

Storie e discorsi dalla generazione invisibile

Mariateresa Surianello

È tornato dopo undici anni di assenza Opera Prima, il festival che alla sua nascita, nel 1994, si era subito distinto come luogo di accoglienza delle sperimentazioni

Una nuova identità artistica per la scena romana

Gianfranco Capitta

Cosa sta succedendo sui palcoscenici del capitale ma soprattutto ai vertici delle loro organizzazioni. E l'Eliseo arriva alla stretta giudiziaria sul pasticciaccio di via Nazionale

La performance teatrale di Brett Kavanaugh

Giulia D'Agnolo Vallan

Ventisette anni dopo Clarence Thomas/Anita Hill, da un’aula della Commissione Giudiziaria del Senato USA è arrivato un altro momento di televisione indimenticabile

Rubriche

Liberiamo le città dal debito

Marco Bersani

Dentro le comunità territoriali si sono in questi anni formate realtà di base che hanno deciso di prendere di petto la trappola del debito. Realtà che si sono date appuntamento sabato 6 ottobre a Napoli (ore 10.30-17.30, presso l’Asilo (vico Giuseppe Maffei 4)

La scienza non va d’accordo con il potere

Sarantis Thanopulos

La restrizione del campo della ricerca scientifica in funzione dell’immediatezza remunerativa dei risultati, privilegia necessariamente la ripetitività e la quantità a scapito della sorpresa e della qualità

L'Ultima

La musica non è un lusso

Alessandra Mecozzi

Al Conservatorio di Gaza i giovani suonano per esercitare i loro diritti: all’educazione, al gioco, all’espressione. Il racconto di Cultura è Libertà, associazione italiana che sostiene il progetto

Vite tra artificio e realtà

Manuela De Leonardis

Parlano i fotografi Andrea e Magda, presenti con la mostra dal titolo «On Being Now» al festival Si Fest di Savignano sul Rubicone