closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 29.06.2018

Al vertice Ue sull’immigrazione è tutti contro tutti. Merkel lancia la «coalizione dei volenterosi» ma l’Italia rimasta sola sui ricollocamenti minaccia il veto sul documento finale. Nella notte Macron tenta la mediazione con Conte. Che alza il prezzo. Roma e Malta: altro stop alle ong

Merkel solidale ma a porte chiuse

Sebastiano Canetta

A Berlino va di scena la realpolitik democristiana: fine della politica di benvenuto tedesca, festeggia il ministro Seehofer. La cancelliera divisa tra un’accoglienza a parole e la solidarietà con i paesi in prima linea sugli arrivi

Commenti

La volenterosa Merkel tenta di evitare il disastro

Marco Bascetta

La Cancelliera può ancora contare sulle buone prestazioni economiche della Germania, ma ogni rallentamento, che con il ritorno del protezionismo oltreatlantico e l’indebolirsi dell’Unione non è affatto improbabile, risulterà fatale. Di errori il “modello tedesco” ne ha commessi non pochi. Il suo catechismo economico ha creato malcontento all’interno e all’esterno, e in un certo senso ha nutrito quella diffidenza e quel rancore nei confronti degli “scrocconi” che avrebbero voluto approfittare della ricchezza tedesca

Europa

Tsipras al Ft: «Disposti all’accordo con Berlino»

Simone Pieranni

A Tsipras va dato il merito di aver tenuto duro, tanto più dopo essersi ritrovato isolato dal resto delle socialdemocrazie europee nel momento di maggior tensione, ma il recente «accordo» con l’Eurogruppo sarà pesato alle prossime elezioni, quando verranno al pettine anche i nodi creati dall’accetazione, in definitiva, di quei diktat per rifiutare i quali era stato anche indetto un referendum

Eurozona, riforma lontana

Andrea Colombo

Oggi sul tavolo del Consiglio europeo la governance economica. Verso il nulla di fatto su bilancio e unione bancaria

Commenti

L’ortodosso Tria chiude la borsa della spesa grillina

Luigi Pandolfi

Archiviata la guerra ai «vincoli criminali» dell’Unione europea, siamo, in sostanza, alla continuità con i governi tecnici e a guida Pd. E come Renzi e Gentiloni, anche il nuovo esecutivo, tutt'al più, proverà nei prossimi giorni a chiedere da Bruxelles «margini di flessibilità» in vista della prossima legge di stabilità (si parla di uno 0,5% di deficit sul Pil), se non altro per disinnescare la bomba delle «clausole di salvaguardia» (aumento automatico dell’Iva e di altre accise), che, da sola, vale dodici miliardi e mezzo di euro

Dreamers e muro, i repubblicani affossano la legge

Marina Catucci

Alla Camera il partito si spacca e respinge la proposta su tre punti per le politiche migratorie, sintomo di una più ampia divisione interna. Intanto una corte della California ordina di riunire le famiglie di migranti illegali separati entro 30 giorni

A Cipro il porto per Gaza che piace a Israele e a Trump

Michele Giorgio

Lo ha proposto il ministro della difesa Lieberman. Hamas rifiuta e vuole prima lo scambio di prigionieri con Israele. Abu Mazen grida alla congiura da parte di chi vuole metterlo da parte e staccare Gaza dalla Cisgiordania

«Legge shoah» in Polonia: c’è il dietrofront della destra

Giuseppe Sedia

L’impressione che il governo sia corso ai ripari per ricucire lo strappo con Washington e Tel Aviv è confermata dal fatto che il PiS ha scelto di non aspettare il parere, comunque non vincolante, del Tribunale costituzionale sulla legge

Ai piedi delle capanne di Romolo

Federico Gurgone

Un percorso lungo 1300 metri che, dalle pendici sud-orientali del Palatino, si snoda per arrivare all’area degli Horrea Agrippiana, da dove sfocia nel Foro raggiungendo le chiese di Sant’Anastasia e San Teodoro

Visioni

Gui Amabis: «Nella mia musica immagini e parole, come in un film»

Sara Guabello

L’artista di São Paulo pubblica «Miopia», dove racconta la fosca stagione del suo Paese. Un curriculum di quattro album, molte produzioni e colonne sonore. «Siamo tornati ad un’era pre Lula che aveva invertito la rotta, convinto che la cultura fosse una parte dell’educazione. Ora tutto ciò che è arte è assolutamente marginale»

L’animazione sperimentale di Yoji Kuri

Matteo Boscarol

Personaggio a tutto tondo, il regista presentò molte delle sue opere, non solo animazioni ma anche sculture, pitture e performance, in giro per il mondo

Le variazioni possibili del cinema

Lorenza Pignatti

La sessantaquattresima edizione dell'International Short Film Festival di Oberhausen esplora i nuovi modi di fruzione e le scommesse dell’immagine

Brasile vs Germania, la vendetta trasversale

Nicola Sellitti

Quattro anni dopo la debacle brasiliana, i verdeoro si prendono - a distanza - la rivincita. Ma la clamorosa eliminazione degli undici del ct Loew, non inficia il lavoro fatto in questi anni: la bocciatura sembra più un'errore di strategie e formazioni

Caterpillar nel segno di Libera

Redazione

Nel ventennale della trasmissione in onda su Radio2, a Senigallia una tre giorni (28-30 giugno) con ospiti, appuntamenti e una raccolta fondi per l'associazione fondata da Don Ciotti

Commenti

La rappresentanza sociale ha cambiato verso

Gianpasquale Santomassimo

Se si vuole tornare a parlare alle masse popolari che ci hanno abbandonato la prima regola sarebbe di non insultarle accusandole di fascismo o razzismo. In effetti revisione della legge Fornero, del Jobs Act, della «Buona scuola», il reddito di cittadinanza, sarebbero provvedimenti che tutta «la sinistra» avrebbe dovuto assumere

Riders, per tutelarli partiamo dalla Carta dei Diritti

Lorenzo Fassina

È vero che il tavolo non lo hanno promosso le organizzazioni sindacali confederali (vale analogo ragionamento per le associazioni di rappresentanza delle imprese che solo marginalmente rappresentano le imprese che il Ministro ha chiamato al tavolo), tuttavia merita una riflessione critica il passaggio che tende a svilire il ruolo delle organizzazioni confederali solo perché, si evidenzia nell’articolo, non hanno sostenuto direttamente la lotta dei riders

Rubriche

Ritratti, Pietro Annigoni e Francis Bacon

Alberto Olivetti

C’è una linea maestra lungo la quale ciascun pittore, come Bacon nei suoi rapporti con Velázquez e Munch, mantiene la carreggiata ove procede nell’ordine dei suoi studi e trova se stesso. Strada ardua da prendere e assai più dura da percorrere. Pittori di grande talento e intelligenza hanno, lungo quel cammino, speso le loro energie

L'Ultima

Armi leggere, crimini pesanti

Carlo Tombola*, Francesco Vignarca**

Nel mondo sono un miliardo e 13 milioni le armi leggere, 857 milioni quelle in mano ai civili. Alla Conferenza Onu la protesta «arancione», il colore del nuovo movimento Usa contro le armi da fuoco. Negli Stati uniti 15.600 vittime nel 2017. In Italia oltre 1.100.000 licenze: il Ministero «tace»