closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 29.05.2015

Renzi diserta l’assemblea di Confindustria e il comizio elettorale lo fa a Melfi insieme a Marchionne. Presidente del consiglio e capo della Fca rinnovano l’intesa mentre Squinzi ringrazia: «Dopo Jobs act e sgravi non abbiamo niente da chiedere»

Lavoro

Renzi e Marchionne a tutto spot

Massimo Franchi

Premier e Ad fanno si spalleggiano nel lodare il Jobs act. Che però qui non è applicato. Fca annuncia altre mille nuove assunzioni: ma nell'indotto. E quindi non sue.

Politica

L’agenda Casson per il pantano Venezia

Ernesto Milanesi

Il sindaco potrebbe cancellare dal primo turno le sconfitte del passato. Ma il comune ha i conti in rosso per 56 milioni: vuol dire scure sui servizi sociali e trasferimenti centrali. E eredita dal commissariamento i nodi irrisolti della città. Destre divise e senza nomi all’altezza

Veneto, la locomotiva ora è ferma

Sebastiano Canetta, Ernesto Milanesi

Fabbriche smontate dalla crisi. E dalla Dia un messaggio chiaro: c’è la mafia. Nei comizi si parla solo di immigrati e sicurezza, ma a Venezia e Vicenza si incistano le ’ndrine calabresi. Zaia è il nuovo leader post-democristiano, Moretti colleziona gaffe. I rossoverdi ci provano con Laura Coletti

Caso De Luca, il Pd cerca nuove exit strategy

Adriana Pollice

Tocca alla ministra Boschi mettere la faccia accanto a quella del candidato presidente: «La sentenza della Cassazione nella sostanza non cambia nulla. De Luca è candidabile ed eleggibile»

Meno dipendenti e sempre più precari

Valeria Cirillo

Il rapporto dell’Ilo mostra come il lavoro salariato diminuisce sempre più in tutto il mondo. In questo quadro, la produzione determina la qualità dell’occupazione

Dagli atipici alle tutele crescenti

Fabrizio Patriarca, Michele Raitano

Non nuovi posti, ma solo la stabilizzazione dei precari. Cosa si nasconde dietro gli aumenti di contratti con il Jobs Act

GIOCARE SENZA FIFA

Scandalo Fifa, l’illogica allegria del calcio

Alberto Piccinini

Si può fare a meno della Fifa? Se lo chiese l’anno scorso il New York Times durante la Coppa in Brasile, con un titolo giustamente rimasto nella memoria. «Organizzatevi tra nazioni», diceva l’articolo scritto evidentemente sul filo del paradosso, e ci sarà pure qualche studente del Mit capace di programmare un software per stabilire gironi e incontri.

Cultura

Le macchine della memoria di Erik Kessels

Federico Gurgone

Il potere effimero delle immagini. Parla l’artista olandese, autore di «Album Beauty» e del quale è stata recentemente inaugurata una mostra all’interno della rassegna «Fotografia europea

L’amaro risveglio del nordest

Benedetto Vecchi

«Effetto Domino» di Romolo Bugaro per Einaudi. Padroncini senza qualità e spregiudicati affaristi nelle Bassa Padana. Un romanzo sul declino della Terza Italia

La mondanità rimossa della religione

Alessandro Santagata

«Guerra santa e santa alleanza» di Manlio Graziano per il Mulino. Il ventilato ritorno del sacro ignora il fatto che da sempre è presente nella scena pubblica

Alfredo Bini racconta la nuova colonizzazione

Silvana Silvestri

«Land Grabbing», un doc dove l'autore-fotografo testimonia la sistematica depredazione dei coltivatori delle loro fatiche. La terra d'Etiopia dei più poveri al mondo affittata per coltivare rose e fragole da esportazione. Domani alle 16.30 proiezione allo Slow Food theather dell'Expo a Milano

La presenza assenza di Misha Mengelberg

Marcello Lorrai

A Novara Jazz, dodicesima edizione, presentato Misha and so on di Cherry Duyns, un delicato ritratto del musicista e il confronto con la malattia