closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 29.04.2018

Renzi anticipa la direzione e detta condizioni impossibili per il confronto tra il Pd e i 5 Stelle. Il reggente Martina arretra: non parlo di accordi, dobbiamo solo decidere se cominciare a discutere. Salvini: «Milioni di persone» in piazza contro il governo dem-M5S. Renziani compresi

Politica

Il Pd litiga sul dialogo, Renzi mina il tavolo con M5S

Domenico Cirillo

L’ex segretario in tv, non chiude ma detta condizioni impossibili. Martina arretra: la direzione discute solo se cominciare a discutere. Poi annuncia un possibile referendum interno "per far decidere la base", ma il regolamento possono scrivere solo i renziani

Sicilia, il Pd sbaracca

Alfredo Marsala

Soldi finiti, arrivano i licenziamenti. E il partito dovrà trovare una sede più piccola

Bicifestazione a Roma per la rivoluzione urbana

Massimo Franchi

Il popolo a due ruote invade la Capitale: «Più trasporto pubblico e intermodalità». «Incentivi e premi a chi va a lavorare pedalando e più zone a trenta chilometri l’ora». Sdraiati accanto alle bici, un minuto di silenzio per i ciclisti morti in strada

Commenti

Reddito di base e diritto d’asilo, una battaglia comune e universale

Marco Bascetta

La sinistra è infettata dall’ostilità nei confronti di questi diritti perché ha fatto della «stanzialità» del lavoro un valore da contrapporre al nomadismo del capitale e coltiva un’idea di «popolo» che il fenomeno delle migrazioni mette in questione. Così si è preclusa la possibilità di costruire una risposta alle contraddizioni del presente che passa invece per il reddito di base incondizionato e la battaglia anti-razzista per il diritto d'asilo universale

Europa

Podemos, foto di gruppo per soli candidati maschi

Marina Turi

Le femministe di Madrid: «Quell’immagine dice che un’altra scelta non è possibile». E annunciano battaglia sullo statuto per le candidature alle primarie che «elimina la possibilità di una partecipazione reale delle donne»

RISIKO

Dalle Coree il mirino di Trump si sposta sull’Iran

Farian Sabahi

La dichiarazione di Panmunjom circa un trattato di pace tra le due Coree da firmarsi entro la fine dell’anno, fa cadere l’ultima frontiera della Guerra fredda, quella sul 38° parallelo che divide in due la penisola coreana. Che cosa resta dell’Asse del male di George W. Bush? Soltanto la Repubblica islamica dell’Iran

Commenti

Il «ciclo» sudamericano in trincea

Roberto Livi

Con l’arresto di Lula finisce in America latina la stagione progressista? No, e mentre le critiche all’«estrattivismo» segnano il passo, la novità che «aiuta» la resistenza è la nuova aggressività Usa

Cultura

Il prezzo senza volto di un ingranaggio

Benedetto Vecchi

Un percorso di letture sul concetto di Governance e la sua evoluzione. Due volumi - molto diversi - di Alain Deneault e di Colin Crouch fanno il punto sulla questione. Il passaggio dal piano economico a quello politico è al cuore del neoliberismo e della postdemocrazia

La postfotografia di Fontcuberta

Paolo Martore

Il fotografo e teorico dell'immagine catalano descrive a chiazze, più che analizza, il mondo postfotografico: i ferri del mestiere fanno capo, in gran parte, alla stagione modernista

Klee, nella rete di un ragno stellare

Andrea Cortellessa

Da Boulez a Masson, le interpretazioni hanno dovuto fare i conti con le misure piccole delle opere. Un altro vettore è il rapporto con la «pesanteur» della Storia: «Ma posso morire, io, un cristallo?»

De Chirico, otto tele di alta epoca

Giacomo Dini

Le tele del Pictor Optimus, 1917-1927, messe a confronto con alcune opere della raccolta permanente: Paolini, Pistoletto, Cattelan...

Museo, raccontare storie per fare comunità

Giuseppe Pucci

Solo una visione aristocratica della cultura ha portato a ritenere che l’oggetto parli da solo... La funzione dello storytelling in un libro a più voci: «Racconti da museo», da Edipuglia

Cline, dal romanzo di Ceram alla distruzione di Palmira

Valentina Porcheddu

Quasi settant’anni dopo «Civiltà sepolte» Eric H. Cline affronta con piglio educativo e divulgativo gli stereotipi dello studio del passato di fronte alle nuove domande sul mestiere di archeologo: «Tre pietre fanno un muro», da Bollati Boringhieri

Magrelli, tecniche per ritrovare la lingua perduta

Alberto Fraccacreta

Come «salvare» in italiano un delizioso componimento in rima di Yves Bonnefoy? Il traduttore è un Ercole sempre al bivio, spiega Valerio Magrelli nel suo nuovo saggio, teorico e sperimentale: «La parola braccata», il Mulino

In Messico c’era la vita, irrilevante come un refuso

Tommanso Pincio

Dopo oltre mezzo secolo, «Sotto il vulcano» esce da Feltrinelli in una nuova versione di Marco Rossari: incantata nei passaggi più lirici, torbida in quelli triviali. Restituendo al romanzo la musica voluta da Malcolm Lowry

Metonimia di uno choc sociale e politico

Guido Mazzoni

Oggi, chi non aderisce agli opposti estremismi dell’oggettività tardopositivistica o del soggettivismo che Internet e i social network incoraggiano a esplodere, ha l’impressione di navigare contro due correnti speculari dello stesso Zeitgeist

Il torrente verbale di una coscienza che si vuole tattile

Luca Briasco

Contea di Saint Louis, metà anni Quaranta: tra un cerebralismo quasi masturbatorio e pagine di una fisicità strabordante, la vita di Wiley Silenowicz, alter ego dell’autore: «L’anima che fugge», tradotto da Fandango