closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 28.06.2019

La nave Sea Watch forza il blocco italiano e prova ad arrivare nel porto di Lampedusa: «Tra i migranti la situazione è peggiorata», spiega la comandante. Il premier Conte: «Condotta gravissima». L’Olanda: «Non siamo responsabili noi delle persone a bordo»

Italia

Il sindaco: «A Lampedusa il porto non è mai stato chiuso»

Alfredo Marsala

«Mercoledì sera sono giunti direttamente in banchina 10 migranti, non li ha visti nessuno», «ma il problema qui sono i collegamenti, non i migranti. Se la Siremar non ripristina la nave e le istituzioni non fanno la loro parte, lunedì il porto lo blocchiamo noi»

GOVERNO

Fiducia al decreto crescita, la maggioranza perde altri pezzi al Senato

Roberto Ciccarelli

Il decreto crescita è stato approvato ieri dal Senato. L’esecutivo ha ricevuto tredici voti in meno dall’insediamento di Conte: da 171 a 158 voti. È sotto la maggioranza assoluta di 161. Ma il governo non perde la fiducia e parla di «un segnale che rilancia l’economia». Ancora tensioni sullo «scudo penale» all’ex Ilva dopo l'ultimatum del gruppo franco-indiano Arcelor-MIttal di chiudere gli impianti il sei settembre. Di Maio ha accusato Salvini di intervenire nella trattativa. Il leghista ha abbozzato, ma oggi è un altro giorno. Il 9 luglio tavolo al Mise con Arcelor Mittal e sindacati. «Governo incauto» (Re David, Fiom). Landini (Cgil) chiede all’azienda di «smetterla con i ricatti». «Le multinazionali scorazzano in Italia perché mancano le regole» (Barbagallo, Uil).

Rissa autonomia, ma Conte: mercoledì chiudiamo

A. Fab.

Salvini a Di Maio: «Sud penalizzato? Ma dove vivi?». Di Maio a Salvini: «Dovrete passare sul mio cadavere». Il presidente del Consiglio al suo vice: «Martedì notte ho continuato a lavorarci anche quando Salvini è andato in tv». Intanto si complica il percorso parlamentare delle due riforme costituzionali bandiera dei 5 Stelle, la riduzione dei parlamentari e l'introduzione del referendum propositivo

La Valsusa si rivolta contro M5S: «Si torna all’antico, la resistenza»

Maurizio Pagliassotti

Dopo la denuncia del tecnico Ponti, assemblea infuocata a San Didero: dal governo gialloverde voltafaccia inaccettabile. La protesta partirà il 7 luglio a Modane, nel tratto francese: «Quel che serve c’è già, il resto è inutile». Dal 25 va in scena il Festival dell'Alta Felicità, in versione combat, con gite al Mostro di Chiomonte e sui sentieri. Per osservare lo sperpero di soldi pubblici

«Non siamo più un partito, CasaPound ci ripensa»

Guido Caldiron

Iannone: «Pochi voti, torniamo movimento». Ma c'è l’ombra di inchieste e il rischio sgombero. Per l'Anpi nazionale che nei giorni scorsi ha presentato una denuncia contro Forza Nuova e Cpi per «ricostituzione del partito fascista», la decisione delle tartarughe frecciate è «irrilevante». «Riteniamo che la Procura di Roma debba indagare in ogni caso», spiega Emilio Ricci, vicepresidente e legale dell'Anpi

Aborto, le donne africane ostaggio della Casa bianca

Andrea Capocci

Uno studio illustra l'impatto delle diverse politiche Usa in materia sul tasso di gravidanze e di interruzioni volontarie in oltre settecentomila donne in 26 Paesi dell’Africa sub-sahariana dal 1995 a oggi

L'inchiesta

I «biscotti» avvelenati della rete

Matteo Bartocci

Facciamo un esperimento: vediamo come funzionerebbero nel mondo reale le regole che tutti accettiamo senza pensarci sul Web. E scopriamo perché «ilmanifesto.it» è differente

Cultura

Il potere è arroganza radioattiva sul mondo

Linda Chiaramonte

Un’intervista con l’artista franco-svizzero in mostra al Mambo di Bologna. Visitabile fino all’8 settembre, l’esposizione si intitola «All We Ever Wanted Was Everything and Everywhere». Scandaglia le tracce che l’uomo infligge alla natura, dai poligoni nucleari alla violenza delle frontiere

Nella sofferenza quotidiana della reclusione

Altiero Spinelli

Uno stralcio tratto da «Bisogna aver visto. Il carcere nella riflessione degli antifascisti», a cura di Patrizio Gonnella e Dario Ippolito (Edizioni dell’Asino)

Romanistan cinque: Tra i Sindhi, gli «stranieri in patria» della valle dell’Indo

Daniele Caspar

Dall'Iran al Pakistan, con una temperatura che varia tra i 40° - di notte - e i 45° - di giorno - e un paesaggio desolato e secco. Fino a raggiungere la valle del grande fiume. Un territorio dove i Sindhi rimangono gli ultimi pastori: di dromedari, o di bufali e di capre. Una leggenda dice che i Sinti, sottogruppo dei Rom, discendano da queste genti

La grande notte col derby Scardina Goddi

Goffredo Adinolfi

Oggi l’Allianz Cloud di Milano, sarà palco di quello che si annuncia essere uno dei più grandi eventi di pugilato italiano degli ultimi anni

La tragedia dei «rimpatri» in Corea del Nord

Matteo Boscarol

Nei suoi due documentari, la regista Yang Yong-hi, nata e cresciuta in Giappone da genitori nord coreani, raccontava della sua famiglia a cavallo fra due nazioni, due mondi

Una danza della materia dei sogni. E dei corpi

Gianfranco Capitta

I dieci anni passati dalla morte di Pina Bausch non hanno affatto sminuito la fama, l’importanza che il suo «tanztheater» mantiene sulle nuove generazioni di artisti. Perché lei ha davvero cambiato il nostro immaginario

Quando il teatro è esperienza di vita

Gianni Manzella

Pippo Delbono racconta il periodo vissuto a fianco della maestra di Solingen. Tre mesi passati a Wuppertal, per seguire in prima persona le prove dello spettacolo «Ahnen»

Un giro del mondo in 80 passi

Gianfranco Capitta

Proprio a Roma, a metà degli anni 80, scattò la scintilla che diede un indirizzo del tutto nuovo al lavoro di Pina Bausch.