closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 28.04.2018

«La guerra è finita». Storico incontro tra Kim Jong-un e Moon Jae-in, il vero protagonista con la Cina del disgelo, per un futuro di pace in Corea. Trump esulta ma quando vedrà Kim dovrà risolvere i dubbi sulla sua strategia bellica in Asia e sulla reale denuclearizzazione del nord

Sui tagli asse di ferro Lega-M5S

Andrea Fabozzi

Grillini e leghisti dettano legge nell'ufficio di presidenza. Penalizzati i collaboratori storici di Montecitorio, mentre sui vitalizi siamo solo ai primi passi. E i deputati già mettono le mani aventi per cautelarsi dalla incostituzionalità

Governo: l’ultimo giro di tavoli

Andrea Colombo

Salvini, e anche molti dem, sperano in un ritorno di fiamma tra Lega e M5S. E Mattarella non ha molte alternative prima di rassegnarsi alle elezioni in autunno

Italia

No Tav, il maxiprocesso è da rifare

Mauro Ravarino

La Cassazione annulla la condanna di 28 imputati per gli incidenti del 2011. Per altri chiede la rideterminazione della pena. Agli imputati furono inflitti pene pesantissime per complessivi 130 anni di reclusione

«Lavori su area vincolata». Stop al cantiere Tap in Puglia

Gianmario Leone

Sequestro della magistratura dopo un esposto di tre parlamentari M5s. Montata una recinzione con rete metallica e filo spinato sulla base di una variante in corso d’opera rilasciata dal MiSe il 14 marzo in una zona dove verranno espiantati gli ulivi

Commenti

L’America guarda a Oriente, l’Europa no

Guido Moltedo

C’è da chiedersi perché Trump proceda da solo in questa confrontation estremorientale e perché, da parte sua, l’Europa si presenti su quel fronte non solo disgiunta da Washington, ma in ordine sparso

Parigi e Rabat di traverso. Unica certezza, la missione Minurso

Stefano Mauro

Due sono i punti che il Marocco ostacola in qualsiasi maniera. Il primo è legato a qualsiasi tipo di menzione per l’organizzazione di un referendum per l’autodeterminazione, il secondo punta al mantenimento dello status quo e al rifiuto di qualsiasi misura di controllo sui diritti civili dei prigionieri politici del Polisario nelle carceri marocchine.

Tre palestinesi uccisi nel venerdì della “Gioventù ribelle”

Michele Giorgio

I militari israeliani hanno di nuovo aperto il fuoco sui manifestanti palestinesi lungo le linee di demarcazione con Gaza. Centinaia di feriti oltre ai tre morti. In Romania è crisi sul possibile riconoscimento da parte del governo di Gerusalemme come capitale d'Israele

Nicaragua, così esplode un «vulcano»

Claudia Fanti

Dopo le recenti proteste contro la riforma delle pensioni soffocate nel sangue, la scrittrice caporedattrice di «Envío» María López Vigil racconta la metamorfosi dittatoriale di Daniel Ortega, ex icona della sinistra

Cultura

La seduzione fatale del narcisismo

Roberto Veneziani

Parla il filosofo marxista Brian Leiter dell’università di Chicago. Come la «politica dell’identità» nella società americana fa dimenticare le disuguaglianze economiche. «Trump ha vinto perché 100mila operai hanno lasciato i Democratici. La sinistra è ostaggio di aspiranti borghesi in cerca di riconoscimento»

Occidente e Medioriente, la ribellione di due donne

Mariateresa Surianello

Scritto dall'inglese Henry Naylor arriva all'India di Roma «Echoes». Diretto da Massimo Di Michele, è il racconto di crudeltà e sopraffazioni a distanza di duecento anni: la violenza degli uomini non conosce confini geografici, né culturali

Alias

Primo Maggio: viene prima la forza lavoro e i suoi diritti

Roberto Ciccarelli

Operai del click e precari on demand, lavoratori delle piattaforme: inchiesta sul proletariato tecnologico, la forza lavoro che allena gli algoritmi a diventare intelligenti. E i ciclo-fattorini annunciano: il primo maggio in Italia sfileremo anche noi contro lo sfruttamento del lavoro e nella vita. Perché alla lotta per il riconoscimento dello status di lavoratori potrebbe aggiungersi quella per il reddito di base: un modo di valorizzare la forza lavoro contro la miseria del lavoro

Le ruote dentate di una cattiva utopia

Benedetto Vecchi

Nel lavoro digitale ci sono i rider, knowledge workers, dipendenti manuali, creativi, facchini: vivono la stessa condizione di precarietà, bassi salari e diritti negati

«Ho lavorato come Turca Meccanica per Amazon»

Clara Mogno

Reportage. 15 dollari per 40 ore su Amazon Mechanical Turk, il mercato di microlavori digitali creato da Jeff Bezos nel 2005. Sulla piattaforma operano 500 mila «Turkers» negli Usa e in India. «Ecco come ho insegnato agli algoritmi a diventare intelligenti ». «Organizzare le lotte, creare corto-circuiti nei sistemi algoritmici, immaginare e praticare una liberazione dal lavoro attraverso gli automi, istituire un reddito incondizionato e universale»

Il Polesine in 35 mm

Luciano Del Sette

"Cinema! Storie Protagonisti Paesaggi" a cura di Alberto Barbera dedicata ai film girati nel delta del Po, fino al 1 luglio a Rovigo

Vota Pci, lo dice il fotoromanzo

Arianna Di Genova

Allo Spazio Gerra, il festival di Fotografia europea produce un'invasione di racconti per immagini di amori proibiti e anche di battaglie politiche

I corpi bollenti della rivoluzione

Arianna Di Genova

A Palazzo Magnani di Reggio Emilia, nell'ambito del Festival di fotografia europea, va in scena la liberazione sessuale del '68