closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 27.12.2020

Oggi in Europa e in Italia è il V-day. Il vaccino è arrivato allo Spallanzani di Roma: l’obiettivo ora è somministrarlo al personale sanitario (1,4 milioni di persone) e a 570mila tra medici e ospiti delle Rsa. Il tasso di positività però rimane alto, al 12,8 %. Ieri 261 vittime

In Brasile il tasso di mortalità è su base etnica

Gloria Paiva

Secondo Afro, un centro di ricerca e divulgazione sulle questioni razziali legato al Centro Brasiliano di Analisi e Pianificazione (Cebrap), proprio all'inizio della pandemia, ricercatori e rappresentanti dei movimenti sociali avevano già rilevato della relazione tra il fenomeno e la vulnerabilità delle popolazioni nere, povere e autoctone

Politica

«Non parla più ai magistrati, per questo lascio Md»

Andrea Fabozzi

Il consigliere del Csm Zaccaro: la corrente è ormai lontana dai problemi della democratizzazione degli uffici e dalla giurisdizione. In questi anni abbiamo fatto più cose di sinistra noi di Area in Consiglio che tutti i comunicati di Magistratura democratica. Ma hanno scelto di non vederlo

«Noi di Md continuiamo a cercare l’unità nel pluralismo»

Jacopo Rosatelli

La segretaria di Md Guglielmi: non abbiamo una vocazione minoritaria. L’individualismo e il protagonismo sono l’incarnazione delle spinte alla chiusura corporativa. Md ha sempre rivendicato la sua presenza in Area come soggetto collettivo

MEDITERRANEO

Lo scontro sulle navi umanitarie si sposta in Europa

Giansandro Merli

La strategia del governo Pd-5S contro le organizzazioni non governative finisce davanti alla Corte di giustizia Ue. In ballo la sorte delle altre Ong nel Mediterraneo. La vicenda solleva un paradosso: neanche le motovedette della Guardia costiera hanno i requisiti chiesti alle Ong

Cultura

La perdita dell’innocenza

Arianna Di Genova

Quando i bibliotecari d’America censurarono le natiche nude del piccolo Mickey di Maurice Sendak. Fiabe di eroine intraprendenti, ritrovate e riscritte da Angela Carter e «Terramare», la saga di Ursula Le Guin. Torna anche Mary Shelley, la ragazza che vive in una atmosfera sospesa fra l’incubo e il desiderio di ribellione, immaginando esseri fuori misura umana

Il termopolio di Pompei, «regalo di Natale» del Mibact

Valentina Porcheddu

Si tratta di una tipologia di locale dove, come indica il nome di origine greca, si servivano bevande e cibi caldi, conservati in grandi giare (dolia) incassate nel bancone in muratura. La nuova tappa di una consolidata strategia comunicativa tesa non già a valorizzare le acquisizioni della ricerca archeologica bensì a incrementare una sfiancante e, a tratti ridicola, propaganda ministeriale

Ma Rainey, la diva del blues che ascoltava la voce del cuore

Flaviano De Luca

Protagonista Viola Davis, il film di George C.Wolf dedicato a una delle prime grandi interpreti di musica afroamericana, è la trasposizione del testo teatrale di Arthur Wilson. Nel cast anche nel cast Chadwick Boseman al suo ultimo ruolo. Visibile su Netflix

Il nuovo canto di Ulisse, un viaggio senza ritorno

Daniele Ventre

Esce da Crocetti editore l’attesa traduzione, a opera di Nicola Crocetti, della monumentale Odissea di Nikos Kazantzakis: il poema greco moderno in 33.333 versi sprigionato dalla memoria omerica sulle orme di Dante, Tennyson, Nietzsche... Un’opera-mondo che rivoluzionò la lingua

Dalla pittura all’oreficeria, la bellezza della stagnazione

Stefano Pierguidi

Caleidoscopio di stili e linguaggi, la scena artistica a Roma 1700-1758, già riabilitata da Anthony Clark e Stella Rudoplh, è al centro del volume "La grande bellezza" (Silvana), catalogo di una mostra a venire, al Musée Fesch di Ajaccio

Un occhio clinico (con taccuino) sulla scena del delitto

Graziella Pulce

Rina Fort, Ilse Koch «la belva di Buchenwald», il Vajont, il Polesine, Marcinelle... Torna negli Oscar, in edizione aumentata, La «nera» di Dino Buzzati: lo scrittore nel ruolo di cronista icastico al Corriere

Lilian Whiting, cosmopolitismo nei palazzi

Gottardo Pallastrelli

Pubblicato nel 1907 a Boston, questo reportage descrive «in situazione» l’enclave jamesiana di artisti e appassionati d’oltre Oceano, fra riti mondani e atelier

Le mie agendine, da Mason Perkins all’annus horribilis

Alvar González-Palacios

«La prima, di marocchino rosso, la ebbi in regalo a Londra nel 1961: da allora non ho perso l’abitudine. L’1 gennaio di sessant’anni fa ero ad Assisi, in visita dalla vedova Perkins per un Maestro del Bambino Vispo. Oggi, pagine bianche...»

Hopper, l’idea nascente, a posteriori

Giuseppe Frangi

Gli "Artist’s Ledger Books" di Edward Hopper: è l’inventario della sua produzione, con gli schizzi "after" e le varie annotazioni. Nel ritornare a penna e a matita sulle proprie opere, il pittore ridà loro una verginità. È la moglie «Jo», spigliata e veloce, ad amministrare i libri mastri

Julian Barnes e il ginecologo

Elena Spandri

Il più francofilo degli scrittori d'Oltremanica aggancia la Belle Époque dal lato di ciò che essa più sembrò avversare: culto dell’esperto, rigore, condivisione dell’arte: «L’uomo con la vestaglia rossa», da Einaudi