closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 27.09.2013

Una giornata di pre-crisi annuncia il giro di boa del governo e avvicina le elezioni. Berlusconi e i suoi alzano la posta, raccolgono le firme per le dimissioni di deputati e senatori, attaccano a testa bassa Napolitano. Il Capo dello stato reagisce duramente («un fatto inquietante»), e diserta un dibattito con il ministro Alfano. Le larghe intese traballano, il premier Letta serra i ranghi annunciando la richiesta di un immediato chiarimento nelle aule parlamentari

Politica

Napolitano sale sul ring

Andrea Colombo

Il capo dello stato fissa con il premier il timing del «chiarimento». Ma senza garanzie da parte del Pdl il consiglio dei ministri di oggi potrebbe saltare

E Letta prepara la verifica

Daniela Preziosi

Il presidente del consiglio: «È stata umiliata l’Italia. Voglio che tutto accada davanti ai cittadini nel più breve tempo possibile». Il Pd pronto alla crisi: «Ci logorano». C’è Renzi, ma il premier resta in campo. Il congresso, alla direzione di oggi, torna in forse

E con gli studenti il premier si dà una «scadenza»

Simone Natale

Lezione alla Columbia University, tappa obbligata per ogni politico. Lapsus nella presentazione, Enrico viene chiamato «Gianni». Ma poi convince la platea. Gli italiani: siamo abituati a un livello basso dei nostri rappresentanti

Economia

Telecom, la rete è blindata

Roberto Ciccarelli

Oggi in cdm il decreto per l’applicazione della «golden share». Il pretesto è quello della sicurezza, offerto dal Copasir. Allo studio il cambio della legge sull’Opa

Cina, la terra accaparrata

Simone Pieranni

La Cina avrebbe chiuso un accordo con l’Ucraina per avere in affitto una zona di «terra agricola di alta qualità» pari alla grandezza di Hong Kong (100mila ettari), per 2,6 miliardi di dollari. Durata 50 anni

Cultura

Architetture ordinarie

Maurizio Giufrè

Un percorso di libri per indagare la dicotomia, apparentemente insanabile, che pone a confronto l’autorità della pianificazione moderna delle città e la libertà «democratica» di gruppi e individui di scegliere i loro spazi, seguendo il proprio gusto

Un database emozionale

Salvatore Iaconesi, Oriana Persico

Una piattaforma digitale per sondare i desideri e le informazioni che si scambiano gli utenti della rete in tema di cultura. Un esperimento del primo Municipio di Roma

Visioni

L’utopia del desiderio

Eugenio Renzi

In sala ' Lo sconosciuto del lago' di Alain Guiraudie, una storia d'amore che rompe scandalosamente davanti ai nostri occhi l'immaginario del dominio