closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 27.08.2015

Soffocati nella stiva del barcone con cui cercavano di raggiungere l’Europa. Sono morti così 50 profughi ritrovati ieri dall’equipaggio di una nave svedese al largo della Libia. Intanto in Ungheria la polizia carica decine di disperati in un centro di accoglienza e invia 2000 poliziotti alla frontiera con la Serbia

Europa

Soffocati nella stiva del barcone

Leo Lancari

Cinquanta migranti uccisi dalle esalazioni del motore della carretta con la quale cercavano di raggiungere l’Europa. E’ l’ennesima tragedia. Salvati altri 2000 profughi

I contadini asylanten esperti in bio

Claudio Canal

A Canelli (Asti), un progetto internazionale collettivo per l’agricoltura 2.0. Uno sguardo alto che connette i fuoriusciti africani ai tormenti delle nostre esistenze

Editoriale

Ministero buffo e i dati veri del Jobs Act

Marta Fana

Il problema di fondo non è solo algebrico, ma anche politico. In Italia si persevera nell’idea che le informazioni statistiche siano un giocattolo ad uso e consumo dei governi e non invece il mezzo di sintesi che per eccellenza ci restituisce nitidamente i fatti

Lavoro

Jobs Act, confermata la norma contro i disabili

Antonio Sciotto

Il varo delle nuove regole slitta all'ultimo momento: non verranno discusse al consiglio dei ministri di oggi. Verso un accordo sul telecontrollo, resta aperto il nodo della chiamata nominativa dei lavoratori invalidi. Daita (Cgil): "Si crea un sistema clientelare e si esclude dal lavoro chi sta peggio"

Italia

Tremestieri, la stretta di Messina

Tonino Cafeo

Il sogno di un secondo porto è quasi realtà. Un’opera che nei piani del comune potrà risolvere il vecchio problema dell’invasione del centro da parte dei mezzi pesanti. E rilanciare la vocazione marinara della città

Europa

El-Khazzani, la nuova tattica del terrorismo

Anna Maria Merlo

Il giovane marocchino nega di aver voluto compiere un atto terroristico, stessa difesa di due altri arrestati in Francia. Messo sotto accusa per "attacco mirato e premeditato", secondo gli inquirenti non è un "lupo solitario". Polemiche sulle immagini del sospetto, presentato in una "situazione degradante". Il ministro Cazeneuve difende i servizi: era schedato, ma non aveva commesso reati da giustificare un'espulsione o un arresto. Sabato riunione a Parigi dei ministri degli Interni e dei Trasporti della Ue sulle misure di sicurezza per i treni

Commenti

Cina, le aziende di Stato e la redistribuzione

Simone Pieranni

Senza welfare, nelle grandi città, i lavoratori non spendono, risparmiano per tempi migliori o per mandare a scuola i propri figli. Insieme dunque ad un aumento dei salari, come prospettato su queste pagine dall’economista indiana Ghosh, serve un riaggiustamento della giustizia sociale, la possibilità per i lavoratori di godere di welfare che permetta di affrontare con più serenità la propria permanenza in città il cui costo della vita aumenta ogni giorno.

Due reporter uccisi in diretta televisiva

Rachele Gonnelli

L’assassino ha ripreso le immagini e le ha postate sui social. Inseguito dalla polizia si è suicidato. Vester Flanagan, l’omicida, aveva già denunciato di aver subito discriminazioni di natura razziale

GAZA, 10 ANNI DOPO

10 anni dal Disimpegno, per i coloni primo e ultimo ritiro

Michele Giorgio

Nell'agosto 2005 Israele completava l'evacuazione unilaterale dei suoi coloni e soldati da Gaza ordinata da Ariel Sharon. Ripeterla anche in Cisgiordania appare impossibile con la destra radicale al potere in Israele. I palestinesi ricordano i giorni del ritiro con gioia ma è forte l'amarezza per una libertà conquistata solo a metà

L'UOMO DEI DADI

La libertà totale del caso

Luke Rhinehart

L’andamento placido dell’esistenza doveva essere cambiato. Il libro da leggere, il film da vedere, la donna da amare erano scelti dopo il lancio di un dado. Il caos divenne sovrano e la noia diventò più sopportabile. Un racconto dell'autore dell'"Uomo dei dadi"

Lo schermo rassicurante sulla realtà

Mario Pezzella

«Rifondare gli italiani» di Gaspare De Caro per Jaca Book. La continuità senza rinnovamento. Una analisi critica del neorealismo nel cinema italiano del secondo dopoguerra

Visioni

Una corsa nella realtà

Cristina Piccino

Da oggi in sala «Taxi Teheran», il nuovo film clandestino di Jafar Panahi. Gli incontri casuali nelle strade della capitale compongono un racconto dell’Iran

L’estate non è più tempo di action star

Giona A.Nazzaro

Joker-Wild Card, Jason Staham ce la mette tutta e dimostra di appartenere a quella razza di attori che riescono a riempire lo schermo anche quando la regia latita

Un posto tutto per sé

Silvana Silvestri

"In un posto bellissimo", opera seconda di Giorgia Cecere con Isabella Ragonese e Alessio Boni

L'Ultima

In marcia per Sacco & Vanzetti

Luca Peretti

Anche quest’anno Boston ha ricordato i due anarchici uccisi sulla sedia elettrica, tracciando un parallelo tra gli italiani di allora e gli immigrati di oggi. Perché la loro vicenda racchiude più lotte