closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 27.07.2014

La tregua dura solo poche ore. Migliaia di sfollati palestinesi tornano a Gaza e scoprono l’orrore delle proprie case distrutte e delle decine di cadaveri sotto le macerie. Le vittime dei raid sono più di mille, oltre quaranta gli israeliani uccisi. A Tel Aviv sit in per la pace. E la polizia accusa Netanyahu: ha mentito sui ragazzi rapiti

Politica

Renzi: vi stancherete prima voi

Daniela Preziosi

Il premier sfida le opposizioni: «Chi rallenta il lavoro al senato fa arrabbiare i cittadini». Boschi: avanti oltre l’8 agosto, vuol dire che si faranno vacanze più brevi. Ma prima c’è il voto segreto di martedì

Scuola

Sollievo per i prof a «quota 96»

Roberto Ciccarelli

Un emendamento del Pd potrebbe sbloccare il pensionamento di quattromila docenti: "Sanata un enorme ingiustizia". L'ultima incognita ora è il Ministero dell'Economia (la norma costa 416 milioni).

Economia

Alitalia, destino appeso alle Poste

Antonio Sciotto

Si lavora per mantenere nell’azionariato la società pubblica guidata da Caio. Quasi sciolto il nodo sindacale, "dead line" questa settimana. Lupi e Renzi in pressing: «A casa in 1000 o 15.000»

Internazionale

Ritorno tragico tra le macerie di Gaza

Michele Giorgio

Ieri la tregua di 12 ore ha spinto gli sfollati a tornare a casa. Per tanti di loro però non c'è più una casa. I bombardamenti israeliani hanno ridotto in macerie larghe parti di Beit Hanun, Shujayea, Khuzaa e altre località ad est di Gaza. Recuperati decine di cadaveri rimasti per giorni sotto le abitazioni distrutte. Sono oltre mille i palestinesi uccisi, salito a 40 il bilancio dei soldati morti in combattimento