closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 27.06.2015

Il «gioco del cerino» lungo cinque mesi tra Atene e Bruxelles arriva alla fine. Tsipras respinge l’ultima offerta della troika e nella notte convoca il governo e si prepara ad annunciare in diretta tv un referendum: «Basta ricatti e ultimatum, continueremo a lottare per il popolo greco e i popoli d’Europa»

Europa

Tsipras: «No ai ricatti e agli ultimatum». E annuncia il referendum il 5 luglio

Simone Pieranni

Il 5 luglio referendum sull'accordo proposto dei creditori. Nel frattempo chiesta un'estensione dei finanziamenti. Sulla legittimità del referendum si esprimerà il Parlamento. Ieri giornata di tensione in attesa del nuovo Eurogruppo di oggi. Atene sembra indirizzata verso un default con la volontà di rimanere dentro l’euro, ma potrebbe annunciare che non verrà pagato il debito. La palla a quel punto passerebbe ai creditori

Marino sotto scorta, i suoi: resta

Daniela Dalerci

In Campidoglio la manifestazione pro sindaco. Applausi, cartelli, abbracci. Lui: «Ormai è la ragione della mia vita, mi ricandido nel 2018». L’ex capogruppo Pd lascia il consiglio

Calabria, terremoto spese pazze

Silvio Messinetti

Ventisette indagati per i rimborsi tra il 2010 e il 2012. Sotto inchiesta tutta la giunta, tranne il presidente Mario Oliverio. Chiesto a palazzo Madama l’arresto del senatore Ncd Biliardi. Ai domiciliari anche l’assessore De Gaetano, che lascia l’incarico e il Pd

Europa

Terrorismo alla periferia di Lione

Anna Maria Merlo

Un uomo decapitato, la testa incastrata sulla recinzione di una fabbrica, poi un'esplosione: l'attentatore, arrestato, aveva programmato un attacco suicida alla società Air Product, classificata "Seveso". Avrebbe potuto essere una strage. Hollande interrompe il Consiglio europeo a Bruxelles. Valls torna precipitosamente da Bogotà. I politici si dividono, la destra all'assalto accusa il governo di "angelismo", chiede misure drastiche e denuncia la "quinta colonna" (musulmana)

Isis, è strage continua

Michele Giorgio

Dalla Tunisia al Kuwait, dalla Somalia al Rojava fino alla Siria, lo Stato islamico e i gruppi affiliati hanno lanciato nelle ultime ore una campagna di attacchi armati ed attentati con pochi precedenti. Usa e Europa continuano a non affrontare la questione di coloro che finanziano ed armano i jihadisti per promuovere salafismo e wahabismo, le correnti sunnite più radicali in Medio Oriente e Nordafrica

Internazionale

A Kobane è in corso una strage

Giuseppe Acconcia

Il confine tra Turchia e Siria resta chiuso anche soltanto per il passaggio dei feriti. Solo i più gravi sono stati fatti entrare. Oltre mille attivisti turchi, vicini ad Hdp, hanno svolto turni dal lato del confine turco di Soruç per sorvegliare le frontiere ed impedire l’ingresso di rinforzi per i jihadisti di Isis, come era avvenuto nei giorni scorsi.

L'inchiesta

Medjugorje, la fabbrica delle sante illusioni

Giancarlo Bocchi

Estremismo cattolico guerresco e un giro d’affari da 3 miliardi di euro. Il ruolo dei «francescani con il Rolex» e lo spettro delle pulizie etnico-religiose dietro il business delle apparizioni in Erzegovina. Che ora papa Bergoglio si prepara a smontare

Cultura

Lo spessore perduto

Marco Dotti

«Abbacinante. Il corpo» dello scrittore rumeno Mircea Cartarescu, edito da Voland, secondo libro di una trilogia che terminerà in gennaio con l'ultima uscita

Il Che in ospedale con il nonno

Arianna Di Genova

«L'estate che conobbi il Che», di Luigi Garlando, per Rizzoli. L'avvincente biografia del rivoluzionario che va di pari passo con la vita quotidiana di un ragazzino di dodici anni

L’edificio della letteratura

Mircea Cărtărescu

Presentiamo qui il discorso inaugurale con il quale lo scrittore Mircea Cărtărescu, di cui è appena uscito il romanzo «Abbacinante. Il corpo», ha aperto l’edizione della Fiera del Libro di Göteborg (nel settembre 2013). La traduzione è di Bruno Mazzoni dal testo originale romeno mai pubblicato.

Il voltafaccia dell’ammiraglio

Marina Montesano

«Andrea Doria», l’ultimo libro di Gabriella Airaldi per la Salerno editrice, è allo stesso tempo la biografia dell'illustre genovese del '500 e un affresco del periodo storico in cui visse

Eugenetica made in Usa

Paolo Ercolani

«Il revisionismo storico. Problemi e miti» di Domenico Losurdo, per Laterza. Una ricostruzione delle vicende del Novecento, a partire dal colonialismo degli States e dalle loro proibizioni razziali che tanto piacevano a Hitler

Visioni

La geografia dei luoghi danzanti

Francesca Pedroni

Il progetto Biennale College invade le calli. Diciassette coreografi chiamati da Virgilio Sieni per lavorare con i giovani danzatori selezionati

La contaminazione

Michele Ciavarella

Poche volte la moda maschile ha inviato dei messaggi così forti. Per essere chiari, la moda italiana rifiuta il rinchiudersi in difesa, l’aggressività, il non pensiero, la scorrettezza del linguaggio,il razzismo e la cialtroneria della società che vorrebbe imporre Matteo Salvini

L'Ultima

L’unica «ruspa» che ci piace

Samir Hassan

Intervista al pugile romano Emanuele Della Rosa, che stasera difende il titolo italiano dei superwelter in un match spartiacque. «Se vinco non guadagno nulla, se perdo sono finito». Lo sport che cresce dal basso e il bisogno di una sfida così, dopo una vita a pane e pugni

Alias

Un calcio punk nella Bundesliga

Pasquale Coccia

La favola del St.Pauli, unica squadra europea in cui la connotazione a sinistra si concilia con i risultati agonistici. Una storia racontata in un libro di Nicolò Rondinelli

Potenza della durata

Alfonso Cariolato

Il peso cosmico della legge della ripetizione: "Béla Tarr, il tempo del dopo"

Le Corbu è un parco a tema

Emanuele Piccardo

A Roquebrune Cap Martin apre al pubblico anche la casa E1027 di Eileen Gray. Si completa così un itinerario che crea un sistema di architetture dove entrano anche L'Etoile de Mer e le Cabanon

Una pioniera oltre la censura

Luciano Del Sette

Focus su Elvira Notari, antesignana del cinema con la sua casa di produzione famigliare ai primi del Novecento. I suoi film, colorati a mano, ebbero enorme successo, spesso erano ambientati nei bassi napoletani ma furono invisi al fascismo