closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 27.05.2018

L’Irlanda alla svolta, con il 67% stravince il Sì all’abrogazione dell’ottavo emendamento, la legge che criminalizza l’aborto e punisce con il carcere. Un passo storico, ma in Europa restano ancora molti divieti

Commenti

L’assalto antisistema alla Costituzione

Michele Prospero

La saldatura delle due formazioni accompagna l’offensiva a punti nodali della Carta: regime fiscale progressivo, rappresentanza politica, profilo della linea di comando interna ai non-partiti, sordità rispetto allo Stato di diritto e ai diritti individuali, garantismo penale, ostilità ai soggetti del pluralismo

La parola passa al parlamento, il nodo dell’obiezione di coscienza

Vincenzo Maccarrone

Arriverà entro la fine dell'anno. Il governo si è impegnato a proporre un testo che permetta l’aborto senza condizione fino a 12 settimane dal concepimento, con deroghe ulteriori in caso di malformazioni fatali del feto o rischi per la salute della madre

Belfast resta nel Medioevo, schiacciata dalla Brexit

Leonardo Clausi

L'Ulster si ritrova fra i due storici campi di tensione divergenti, quello di Londra impelagata nella palude dell'uscita dall'Ue e di Dublino che sempre di più, anche attraverso gli ultimi due storici referendum, vuole sentirsi parte di un consesso europeo non solo legale ed economico, ma civile

Internazionale

A Berlino tutti insieme contro l’estrema destra

Sebastiano Canetta, Ernesto Milanesi

Il confronto diretto è oggi nel cuore di Berlino: da una parte le bandiere blu dei fascio-nazionalisti con il motto «Germania futura», dall’altra il popolo già protagonista a febbraio di un’iniziativa analoga

Internazionale

Morti di Gaza come numeri

Michele Giorgio

Nomi e volti dei palestinesi uccisi dai soldati israeliani a Gaza girano nei social ma l'Europa non li ‎nota. Passata la reazione per la strage del 14 marzo, la routine di ‎morte e sofferenza di Gaza non fa più notizia.

Cultura

Le strade invisibili del Maestrale

Arianna Di Genova

Parla Nick Hunt, autore del libro «Dove soffiano i venti selvaggi», in uscita per Neri Pozza il 31 maggio. Lo scrittore sarà protagonista di un tour italiano tra Milano, Padova, Trieste e Ivrea. «Il Foehn in Svizzera spinge verso la follia: è associato all’ansia, alla depressione, all’aumento di omicidi e suicidi»

Visioni

Melodie ancestrali e voci paradisiache

Roberto Peciola

Con «BoohCheeMish» torna l'ensemble femminile Le Mystére des Voix Bulgares. Nel disco ospite d'eccezione Lisa Gerrard, cantante dei Dead Can Dance. «Sentivamo il bisogno di esplorare nuovi progetti, così abbiamo chiamato ospiti e inserito strumenti acustici come gadulka, kaval, chitarra, contrabbasso e archi»

Rubriche

Froome trionfa sulle orme di Merckx

Tommmaso Nencioni

Vince Mikel Nieve nella penultima tappa che ha assegnato la vittoria al ciclista keniota naturalizzato britannico. Oggi passerella finale a Roma ai Fori Imperiali.

Alias Domenica

Peter Carey, picaro d’Australia

Silvia Albertazzi

Qualche domanda sul romanzo, «Molto lontano da casa», che ripercorre gli incroci tra contesti bianchi e indigeni... «dove il serpente arcobaleno attraversava la piazzola del benzinaio»

Spie lessicali di emotività prepotenti

Massimo Raffaeli

Decisamente innovativo, il contributo storiografico di Francesca Socrate in «’68 Due generazioni» immette nel testo sessantatre interviste filtrate con gli strumenti della linguistica computazionale e testuale

Da dove viene il brusio di fondo del testo

Stefano Colangelo

Più che sezionare la superficie di un’opera, è necessario avvertirne il movimento, il suo processo interno, annotare i punti sui quali si fondano i suoi equilibri e le sue cadute

La “piccola Iliade” in cui Virgilio affiancò il suo eroe

Andrea Cucchiarelli

All’inizio del secondo libro Enea è invitato da Didone a «rievocare un dolore indicibile»: l’ultima notte di Troia; e l’evento «mitistorico» con cui si confronta Virgilio diviene asse strategico del poema. Il nuovo commento di Sergio Casali, Edizioni della Normale

Rosenquist su carta, contro il soggetto

Daniele Capra

Multipli, collages, disegni, per James Rosenquist il supporto cartaceo è stato una sfida continua: vi sperimentò in vitro, osando, tutti i codici visivi del suo ricercare, del suo progressivo svuotare di significato le immagini

Sconcertante Kupka, dalla Mitteleuropa all’orfismo

Federico De Melis

Pioniere dell’astrazione con Kandinsky, Mondrian e Malevic, Kupka si distingue per l’originalità del percorso: il simbolismo trapassa in pittura-musica, come spiega, tappa per tappa, la mostra. Fu Apollinaire a salutare nell’artista boemo, accanto a Delaunay, un’«arte pura» basata sul solo colore

Di Maggio e Favelli, dialettiche filateliche

Andrea Cortellessa

Di Maggio realizza un mosaico multicolore che allude alla Basilica di San Marco; Favelli mette a muro due facce gigantesche di Vittorio Emanuele III: come far parlare la Storia con i francobolli

Desmond Morris, i surrealisti nell’aneddoto

Giorgio Villani

Per l’etologo-pittore la via biografica è la più utile chiave di accesso. Fra Svetonio e Schwob, rifiuta le spiegazioni generali e non vede all’origine delle fissazioni artistiche che fortuite circostanze: un approccio, in fondo, ben in linea con il surrealismo