closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 26.11.2013

Alla vigilia della decadenza, Berlusconi gioca la sua ultima, disperata carta: annuncia nuove prove per la riapertura del processo Mediaset e chiede aiuto ai senatori di Pd e Cinquestelle: Ripensateci o vi pentirete con i vostri figli». Il governo accelera sulla legge di stabilità, pone la fiducia e silenzia il parlamento

Politica

Il Cavaliere si scava la trincea

Andrea Fabozzi

Una teste a Los Angeles per chiedere la revisione del caso. Una lettera ai colleghi per supplicare il rinvio. Ma alla battaglia in aula il senatore preferisce la piazza

In piazza a Kiev i pro-Europa

Matteo Tacconi

Yanukovic, sotto ricatto del Fmi, gioca la doppia partita: né con la Russia né con l’Ue. Alla luce del no ucraino sembra già fallito il vertice del 28 a Vilnius voluto da Bruxelles per isolare Mosca

ABRUZZO

I dimenticati del dopoterremoto

Angelo Mastrandrea

A San Gregorio l’unico cantiere aperto è «la chiesa di Putin», nel borgo di Camarda vive un solo abitante e a Pescomaggiore si fa il pane al forno sociale come quarant’anni fa. La vita nei borghi distrutti dal sisma

Il marxista eretico

Antonello Cresti

Addio a Costantino Preve, instancabile teorico, apprezzato in Europa per i suoi saggi sul pensiero critico

Quei bambini infernali

Valentina Parisi

Incontro con lo scrittore russo Zachar Prilepin, in Italia con il suo ultimo romanzo "Scimmia nera", edito da Voland

L'Ultima

Hanno ammazzato Che Guevara

Filippo Fiorini

Walter Operto fu il primo giornalista ad arrivare in Bolivia dopo la morte di Ernesto. Dicevano di averlo ucciso in combattimento e invece scoprì che lo avevano catturato e giustiziato per ordine della CIA. Il piano era che il mondo si dimenticasse di lui e invece sollevarono la sua bandiera e lo resero immortale

Commenti

Proprietà privata, pubbliche servitù

Ugo Mattei

Dalla gestione del territorio a quello dell’acqua i rapporti tra pubblico e privato sono sbilanciati a favore di quest’ultimo, anche grazia alla complicità degli amministratori locali. «Invertire la rotta» sui beni comuni è possibile