closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 26.03.2014

Il governatore di Bankitalia trova la soluzione sulla riduzione a tappe forzate del debito pubblico: «Se l’Italia crescesse del 3% non sarebbe necessaria una manovra aggiuntiva». Ma la crescita è lontana, e la doccia gelata arriva dalle previsioni del Fmi, che assegna all’Italia un Pil all’1,1 per cento per il prossimo anno

Ignazio Visco

Fiscal Compact, la rivelazione di Ignazio Visco

Roberto Ciccarelli

Per la prima volta il governatore della Banca d'Italia ammette i pericoli del patto fiscale europeo. Non servono tagli da 40-50 miliardi di euro, ma una crescita al 3% e più investimenti. La via maestra è la sostenibilità del debito, condizione anche per chiedere "flessibilità" all'Ue. Anche il governatore della Bce Mario Draghi punta su una politica fiscale con meno tasse e più spesa. Ma nel 2014 cresceremo solo dello 0,6%, 1,1 nel 2015

DEMOCRACK

Il Poletti della discordia

Daniela Preziosi

La sinistra va verso il ’little bang’, Cuperlo convoca l’area, molti i no. Il ticket Serracchiani- Guerini a vicesegretari, ma ancora non arriva la nuova squadra. Orfini: noi in segreteria? Non è aria

Europa

Eliseo, Matignon: silenzio di tomba su voto-sanzione

Anna Maria Merlo

In attesa del ballottaggio di domenica, nulla si muove. Trattative per la fusione delle liste. Due casi di accordo Ump-Fronte nazionale. Molte intese Verdi-Ps. Il caso Grenoble: laboratorio di intesa Verdi-Front de Gauche, sfidato dal Ps. Qualche paura per Hidalgo a Parigi

Politica

Expo, il Movimento 5 Stelle chiede le dimissioni di Maroni

Giorgio Salvetti

Il governatore leghista dopo lunghe ore di attesa si presenta in consiglio per un'autodifesa di pochi minuti. Si limita ad annunciare una commissione d'inchiesta interna e un concorso pubblico per sostituire l'ex dg di Infrastrutture lombarde finito in carcere. Il Pd chiede di rivedere tutto il sistema delle partecipate regionali mentre i grillini chiedono che si dimetta. Ma ormai per il bene di Expo nulla può davvero cambiare prima del 2015

Italia

Una desistenza «di carta»

Maurizio Pagliassotti

Come nasce il via libera del M5S alla candidatura Sandro Plano (Pd). Il nome del presidente della comunità montana ha l’obiettivo di mettere i «bastoni fra le ruote» all’Alta velocità

CARCERE

L’Italia rischia 100 milioni l’anno

Eleonora Martini

«Trattativa molto difficile» con Strasburgo, per il Guardasigilli Orlando, rientrato ieri. Incontro al vertice col Consiglio d’Europa e con la Corte europea dei diritti umani

UCRAINA

Resa dei conti a Majdan

Simone Pieranni

A Rivne la polizia ucraina uccide uno dei capi dei neonazisti di «Settore Destro». Il leader Yarosh accusa Kiev e promette «vendetta»

Il summit dei silenzi

Michele Giorgio

I leader arabi tacciono sulle centinaia di condanne a morte inflitte dai giudici egiziani ai militanti, veri e presunti, dei Fratelli Musulmani. Il principe ereditario saudita lancia un appello ad armare i ribelli siriani. Promesse di aiuti economici ai palestinesi

Cultura

In nome del principio di realtà

Paolo Ercolani

L’irrisione del pensiero rivoluzionario spesso nasconde l’adesione «al senso comune degli idioti». Dopo il fallimento del socialismo reale, il gradualismo rappresentatato dall’esperienza socialdemocratica costituisce un buon viatico per una politica della trasformazione. Un’intervista a Luciano Canfora, autore del recente saggio «La crisi dell’utopia» per Laterza

Linee di ricerca oltre il neutro universale

Francesco Antonelli

Un percorso di lettura sul rapporto tra "scienze sociali" e "gender studies". Uno sguardo sessuato che determina l’innovazione nelle inchieste sulla società italiana . Ma anche un settore universitario in espansione nonostante le resistenze del sapere istituzionale

99 Posse e la coscienza di classe

Adriana Pollice

Luca Zulù parla della versione 2.0 con ospiti e inediti del loro classico, «Curre curre guagliò» reinciso per il ventennale

L'Ultima

Prigioniero politico

Marco Cinque

Il leader dell’American Indian Movement è in carcere negli Usa da 38 anni accusato ingiustamente della morte di due agenti Fbi. Arriva Obama in Italia, ricordiamogli il suo caso