closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 25.06.2014

La «Celeste» di Mujica elimina la nazionale di Renzi. Gli «Azzurri» lasciano il mondiale brasiliano tra polemiche sull’arbitraggio, infortuni, zero gioco e zero giocatori. Prandelli e Abete si dimettono. Il calcio italiano sprofonda

Europa

Tortura, Italia condannata

Eleonora Martini

Lo Stato dovrà risarcire un uomo picchiato dai carabinieri. Alla vigilia della presidenza del semestre europeo, Roma incassa un’altra sanzione per violazione delle leggi internazionali che tutelano l’Uomo. La Corte europea di Strasburgo bacchetta anche la magistratura: non ha aperto alcuna «inchiesta effettiva»

Italia

“In Europa servono nuove politiche per i diritti umani”

Luca Fazio

In occasione della presidenza italiana alla Ue, l'associazione presenta una serie di "raccomandazioni" al governo Renzi per rafforzare le politiche di tutela dei diritti. Tra le questioni più urgenti, il dramma dei migranti ma anche la violenza sulle donne, la discriminazione nei confronti del popolo rom, l'omofobia e la tortura su scala mondiale

Sel, altri tre addii. Ma la «base» frena

Daniela Preziosi

Passano al misto Zan, Lavagno e Pilozzi. Vendola: «Ue, da Renzi solo propaganda». Il ’dialogante’ Scotto alla camera sostituirà Migliore. Oggi il chiarimento a porte chiuse

Immunità senza rete

Andrea Colombo

Il governo si defila e il Pd si irrigidisce: nessun emendamento dei relatori per correggere il pasticcio. Dopo lo scontro tra Boschi e Finocchiaro, alla fine deciderà l’aula. Dove tutto diventa possibile

Italia

Il ramo ospedaliero del Mose

Sebastiano Canetta, Ernesto Milanesi

Il «sistema Venezia» nel campo sanitario. Un business miliardario con nomi noti. La Regione gestisce oltre 8 miliardi del sistema sanitario nazionale. Equivalenti a due «Mose» ogni anno. Occhi puntati sulla realizzazione dei nuovi nosocomi a Mestre, Castelfranco Veneto e nella Bassa Padovana

I “corpi infetti” di Groupon

Riccardo Chiari

Il colosso delle vendite on line non aumenta i fatturati e calunnia i lavoratori, che reagiscono insieme a Filcams e Fisascat

Reportage

Charleroi, la Detroit d’Europa

Daniele Comberiati, Angelo Mastrandrea

Negozi chiusi, fabbriche dismesse e devastazione ambientale. Nell’ex cuore siderurgico e minerario del Belgio un cittadino su quattro vive del sussidio di disoccupazione, quasi la metà della popolazione non ha un titolo di studio, le malattie causate dal lavoro mietono vittime e metà del patrimonio immobiliare è in stato di abbandono. Ecco cosa accade quando muore una città industriale

Internazionale

Palestina sotto sequestro

Michele Giorgio

Proseguono le ricerche dei tre israeliani rapiti e la campagna di arresti e raid che stringe in una morsa la Cisgiordania. Tra gli ultimi fermati anche Samer Issawi, protagonista un anno fa di uno sciopero della fame lungo 266 giorni contro la "detenzione amministrativa", il carcere senza processo

Cultura

Michel Foucault, l’immanenza della libertà

Roberto Ciccarelli

A trenta anni dalla scomparsa, l’opera del filosofo francese costituisce ancora un laboratorio teorico da esplorare. In Italia pubblicate da Feltrinelli le lezioni al Collège de France su «Il governo dei viventi»

I corpi desideranti di Michel Foucault

Daniele Lorenzini

In Francia pubblicato il corso «Subjectivité et vérité». La sessualità ha sempre svolto un ruolo centrale nella definizione di una soggettività che fa esperienza della verità

Rubriche

La Rai senza calcio senza futuro

Vincenzo Vita

Senza il calcio la televisione sarebbe indebolita; senza televisione il calcio crollerebbe sotto i suoi debiti. Ma ormai la partita è tra Murdoch e Berlusconi

Parigi ha le mani in pasta

Luciano Del Sette

I calciofili parigini in piazza il 28 giugno, quando per gli ottavi di finale di Brasil 2014 si accenderà un maxischermo in place de l’Hotel de Ville. Intanto si può seguire un tour gastronomico

Arcade Fire rock in odore di «santità»

Roberto Peciola

All'Ippodromo di Capannelle per Poste Pay Rock in Roma arriva la formazione canadese. Grande presenza scenica ma troppa carne al fuoco e qualche deriva dance non convince del tutto