closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 25.05.2014

Gli elettori dell’Unione decidono le sorti economiche dell’Europa. In ballo la continuità del patto di stabilità, le larghe intese tra socialisti e popolari e la linea anti-euro e anti-migranti sostenuta da destre e populisti. In Francia riflettori su Le Pen. In Italia duello Renzi-Grillo. E la scommessa della lista Tsipras

Politica

La lunga notte delle Europee

Red. Pol.

Si vota dalle 7 alle 23. Cinque circoscrizioni per 73 deputati da mandare a Strasburgo. Poi parte lo spoglio, previsti exit-poll e proiezioni. Un condensato della folle corsa elettorale in un blob delle frasi dei protagonisti

Politica

L’uguaglianza è la questione chiave

Riccardo Petrella

La lotta per l’eliminazione delle ineguaglianze rispetto ai diritti è stata nel passato il motore delle principali rivolte, insurrezioni e rivoluzioni sociali e politiche, insieme alla lotta per le libertà collettive. L'uguaglianza è la condizione di esistenza della giustizia in seno alle comunità umane. Il divenire dell’Europa non sarà fatto da coloro che predicano e praticano l'ineguaglianza e l’esclusione

INTERVISTA/2

Sassoon: l’Europa, difficile miracolo

Leonardo Clausi

Le disuguaglianze crescenti e gli egoismi delle regioni più ricche rendono sempre più complicato il progetto di un’unione vera. Mentre si allontanano gli obiettivi della solidarietà e della redistribuzione. Intervista allo storico inglese Donald Sassoon, con uno sguardo alla sinistra e al populismo crescente in Gran Bretagna, da sempre euro-scettica

Il simbolo del voto in Francia? Il pollo al cloro

Anna Maria Merlo

Il pollo Usa lavato con la conegrina ha simboleggiato, a sinistra e a destra, l'opposizione al Trattato transatlantico. Ma la campagna si è concentrata su temi nazionali. Panico nel Ps, mentre l'Ump teme di lasciare al Fronte nazionale il posto di primo oppositore di Hollande. Verdi in calo, Front de Gauche senza sprint

Lotta al “feminicidio” in Ecuador

Flavio Bacchetta

Nonostante gli evidenti successi della rivoluzione sociale seguita all’insediamento di Correa, quella della violenza, gli abusi familiari e sessuali ai danni di donne e bambini, resta un'emergenza. Parla Belén Cuesta, direttrice di uno dei Centros de Equidad y Justicia Contra Violencia Intrafamiliar y Sexual della capitale

Visioni

Una mappa di stelle sulla Croisette

Cristina Piccino, Giulia D'Agnolo Vallan, Eugenio Renzi, Giona A. Nazzaro

Cosa resta dell’edizione appena conclusa: un itinerario immaginario tra i punti estremi cardinali, Godard e Ferrara, per possibili outsider

CANNES 67

Uno sguardo molteplice sul cinema

Cristina Piccino e Giulia D'Agnolo Vallan

Cala il sipario sul festival che ha consegnato la Palma d'Oro a «Winter Sleep» di Nuri Bilge Ceylan, mentre Alice Rohrwacher con «Le meraviglie» conquista il Gran Premio della Giuria

Fondali libanesi di una guerra non raccontabile

Vermondo Brugnatelli

Dal nazionalismo alla lotta di classe dal fondamentalismo religioso cristiano a quello musulmano: trasformazioni storiche e politiche proiettate nell’animo dei personaggi

Arte degenerata, preparazione ai campi di sterminio

Annalisa Capristo

Mostra sull'attacco nazista all'arte moderna. Vedendo accanto a Beckmann e gli altri artisti di regime come Ziegler risulta "in figura" il dispositivo ideologico che condurrà allo sterminio