closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 25.02.2018

Centomila antifascisti e antirazzisti hanno sfilato ieri a Roma pacificamente sotto le bandiere di Anpi, Cgil, Arci e Libera. In piazza la sinistra con LeU e esponenti di Potere al popolo. C’è anche il Pd. Comparsata di Matteo Renzi e del presidente Gentiloni. Minniti «partecipa» con un imponente schieramento di polizia

C’è anche il premier, Renzi si nasconde dietro il palco

Daniela Preziosi

Il leader Pd diserta l’appuntamento con i suoi in piazza e appare solo davanti alle telecamere e i flash. Abbraccio con Gentiloni. Grasso: «Fuori dalla Carta chi inneggia all’odio». Boldrini: «I violenti non usino questa bandiera»

Commenti

La destra italiana, il «trumpismo» e noi

Tonino Perna

In Italia, se il programma «trumpista» - neologismo che dovremo imparare a usare e a declinare - dovesse realizzarsi, la crescita ulteriore del debito pubblico, proprio nella fase in cui la politica di Draghi del Quantative Easing si va spegnendo, ci porterà al dejà vu: spread alle stelle e Bruxelles che interviene pesantemente sul nostro governo che potrà ancora una volta giocare la parte della vittima

La soap opera delle grandi navi

Giulio Marcon

La vicenda delle grandi navi a Venezia sembra una telenovela infinita, una soap opera in cui la fanno da protagonisti e comprimari dilettanti che non sanno di che parlano, “ponzio pilati” che scappano di fronte alle responsabilità e furbetti che vogliono che resti tutto così com'è

Europa

Spagna, la censura tiene banco

Luca Tancredi Barone

La condanna al rapper Valtònyc a tre anni e mezzo di carcere per i testi delle sue canzoni e il ritiro dell’opera «Prigionieri politici» dalla fiera d'arte Arco fanno discutere

Internazionale

Onu, Tregua di trenta giorni per Ghouta, «senza indugi»

Michele Giorgio

Si negoziava ieri al Consiglio di Sicurezza dell'Onu per approvare, con il consenso della Russia, una risoluzione per l'inizio della tregua nella Ghouta orientale. I combattimenti e i bombardamenti continuano e secondo fonti dell'opposizione i civili morti dal 18 febbraio sarebbero oltre 500

Cultura

La vera bufala delle fake news

Andrea Capocci

Si moltiplicano gli studi per comprendere quali fattori influenzino le opinioni politiche. Secondo alcune ricerche scientifiche, però, le echo chambers sarebbero sovrastimate

Visioni

Addio rugby champagne

Peter Freeman

Italia sconfitta a Marsiglia dalla Francia: 34-17. L’Irlanda domina il Galles. E Edimburgo la Scozia sgambetta l’Inghilterra e vince la Calcutta Cup che le sfuggiva da dieci anni.

Ruth Beckermann: «l’Austria ha rimosso il suo passato»

Cristina Piccino

Incontro con la regista viennese che al Forum ha presentato il doc «Waldheims Walzer» sulla campagna elettorale che portò nel 1986 alla presidenza dell'Austria l'ex segretario delle Nazioni Unite, nonostante la rivelazione dei suoi legami col nazismo omessi nella biografia ufficiale

L'Ultima

Addio Folco Quilici, sguardi sul mondo

Fabio Francione

È morto a 88 anni lo scrittore, naturalista e documentarista, entrato nelle case degli italiani nei ’60 attraverso la televisione e diventato in breve una figura «iconica»

Considerazioni di un cinico ebreo romeno

Valentina Parisi

Scritto in forma di diario, il romanzo «Da duemila anni», appena tradotto da Fazi, porta una introduzione di Eugène Ionescu voluta dallo stesso autore: scagliandosi contro l’«illusione assimilazionista» il testo rivela, tuttavia, il proprio antisemitismo

Dopo lo spasmo che partorì, violentemente, l’Europa

Vincenzo Lavenia

Nell’imponente volume che lo storico inglese dedica a «La cristianità in frantumi» (Laterza ) trovano posto non solo le élites e le mutazioni del potere politico, ma anche le lotte contadine e dei poveri criminalizzati

Casadei, quel che batte al cuore di un classico

Niccolò Scaffai

Il corpo umano, l’ambiente, la storia. Punto di giunzione di questi tre fattori, che presiedono alla creazione artistica, è lo stile: «Biologia della letteratura» di Alberto Casadei, per il Saggiatore

I corpi antagonisti di Kippenberger e Lassnig

Giuseppe Frangi

Senza far leva su parentele stilistiche, il confronto tra Lassnig, classe 1919, e Kippenberger, classe 1953, implica corrispondenze profonde di tipo esistenziale, all’insegna di un autobiografismo fatto di «ferite» corporee. La voracità pittorica della viennese risuona nella concettualità strafottente del tedesco, morto nel 1997 a 44 anni

Il viaggio alchemico di Gilberto Zorio

Ilaria Bernardi

Già protagonista dell’Arte povera, Zorio è adesso oggetto di una mostra-tributo incentrata sul «viaggio»: il muoversi, e l’energia connessa, come luogo del pensare e del creare

Raul Martínez, alegreto cantabile

Tommaso Mozzati

L’artista cubano che, partito dall’«action painting», sposò infine la pop art, messa al servizio dell’epica guerrigliera. Subito dopo la vittoria di Fidel, l’artista visse la sua stagione militante. Poi si tirò fuori, nel segno di una ricerca formale in bilico tra pennello e figura analogica