closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 24.12.2014

Al magro Natale dei lavoratori italiani palazzo Chigi riserva una brutta sorpresa: i decreti attuativi del Jobs Act allargano la libertà di licenziare escludendo il reintegro per giusta causa anche per alcuni casi di licenziamento disciplinare. Mano libera e meno costi per le imprese: ecco il nuovo contratto

Lavoro

Renzi regala tutele calanti

Massimo Franchi

Niente articolo 18, allargamento alle procedure collettive e alle aziende che passano sopra i 15 addetti. Ecco il nuovo contratto. Il consiglio dei ministri vara il primo decreto: licenziare sarà più facile e costerà meno alle imprese. Damiano: «Norme da cancellare»

Cade dalla nave, muore un operaio

Costantino Cossu

Due mesi fa a Assemini esplose un serbatoio di acido solforico. Le conseguenze non furono peggiori soltanto per un fortunato caso

Politica

Marino bis, la politica del magistrato

Eleonora Martini

Polemiche sui neo assessori Alfonso Sabella, che ha il compito di «fare pulizia», e Maurizio Pucci, delegato ai Lavori pubblici- Orlando dispone il 41 bis per l’ex Nar Carminati. Verso il commissariamento di due appalti Ama.

Italia

Incendio doloso, treni in tilt

Giusi Marcante

Appiccato il fuoco ad alcuni cavi per la gestione del traffico ferroviario. Lupi: «Terrorismo contro l’alta velocità». Ma Renzi frena: «Sabotaggio». Si indaga sulla galassia anarchica, il procuratore capo di Bologna: «Allo stato non traggo conclusioni»

L’ex carabiniere e il reduce di Salò

Mario Di Vito

Chi sono e da dove vengono Stefano Manni e Rutilio Sermonti, il braccio e la mente di «Avanguardia Ordinovista», l'organizzazione terroristica sgominata dalla Dda. E chi era Celsio Ascenzi, «mecenate» della Fondazione Hispano-Latina. Tra nostalgia del fascismo e pallottole

Il pacco dono dell’Expo sotto l’albero di natale

Luca Fazio

Matteo Renzi dice che l'esposizione universale "sarà una cosa bella" e il governo dice che manterrà le promesse di spesa. E' lui il capofila degli ottimisti che da qui al prossimo maggio cercheranno di magnificare un evento che per ora non ha mantenuto nemmeno una promessa. Milano nel frattempo continua a correre per non perdere l'occasione buona per ripartire. Il sindaco Pisapia: "Sarei insensibile se non fossi preoccupato, ma sono molto fiducioso"

Editoriale

Marlane, tutti sapevano tranne il Tribunale di Paola

Silvio Messinetti, Filippo Sestito

Praia a Mare, decine e decine di morti senza giustizia. E un disastro ecologico mai sanato. Perché sembra che i reati ambientali non siano previsti dal nostro ordinamento giuridico, soprattutto quelli commessi in Calabria

Territori Occupati

Betlemme occupata non rinasce

Michele Giorgio

Il clima, in apparenza, è sereno nella città della Natività. Ma il drastico calo dei flussi turistici, seguito al conflitto Hamas-Israele della scorsa estate, unito al Muro e alle restrizioni ai valichi, hanno dato un colpo duro all'economia. Betlemme guarda con scetticismo al suo futuro

Cultura

Alla conquista dell’attenzione

Vanni Codeluppi

La messa in scena della sofferenza individuale è diventata il modello dominante delle relazioni sociali e dei rapporti tra imprese e consumatori. Un percorso di lettura su un processo storico che ha le sue radici nel capitalismo ottocentesco

Cronache di un mancato matrimonio

Alessandra Pigliaru

«Femminismo e politica», un numero del Calendario del popolo. Una lettura corale sul difficile e tutt’ora irrisolto rapporto delle pratiche femministe e la sinistra

Il doppio legame di una silente obbedienza

Fabrizio Denunzio

«La voce del padrone» del filosofo Mladen Dolar per Orthotes Edizioni. Una provocatoria analisi dell’esercizio del potere nel crocevia di sociologia, cinema e arti figurative

Sentimenti sospesi sulla soglia della vita

Cristina Piccino

Tonino De Bernardi ha appena ricevuto dal Premio Solinas la medaglia del Presidente della repubblica. E intanto ha finito un nuovo film, Jour et nuit. Scoperta di un protagonista del nostro underground

Sostanze stimolanti, la lezione del caffé

Salvina Rissa

L'addomesticamento della componente psicoattiva anche nel té ha fatto sì che sia stata percepito come una “non-droga” e non ha favorito lo sviluppo di concentrati più rischiosi. Tutto il contrario è successo alla coca

Medioevo Condicio

Vincenzo Vita

Presenza in tv, Renzi a scuola da Berlusconi. Ve l’immaginate Cameron in un format della Bbc con una coppia omologa di Clerici-Vespa?