closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 24.09.2019

Al summit dell’Onu sul clima pochi impegni e vaghe promesse nonostante le preghiere del segretario generale Guterres. Solo 68 Paesi promettono di migliore l’accordo di Parigi sulle emissioni di gas serra. La Russia si adegua a Cop21. L’arringa di Greta: «State rubando i nostri sogni». Greenpeace: «Vertice deludente» 

Commenti

Europarlamento, assuefatti a una memoria azzerata

Luciana Castellina

La memoria non è cosa da affidare solo agli specialisti di storia, è parte fondante del nostro presente. Dobbiamo mettere alla berlina chi ha reso possibile una simile cosa e rispondere con forza, subito e ovunque

Politica

Attacco al proporzionale con un referendum truffa

Andrea Fabozzi

Da oggi in sei regioni (ne bastano cinque) la Lega tenta il blitz per trasformare il Rosatellum in una legge solo maggioritaria. Intanto Zingaretti è già pronto a sacrificare le preoccupazioni sulla rappresentanza legate al taglio dei parlamentari: «Approfondiremo il tema del sistema di voto per evitare che si facciano scelte che tradiscano la natura del Pd»

Anpal, l’azienda non riconosce il sindacato dei precari Clap. La ministra del lavoro Catalfo li riceve

redazione

La camere del lavoro precario e autonomo (Clap) sono uno dei sindacati più rappresentativi nell'azienda che gestisce il "reddito di cittadinanza". I lavoratori iscritti protestano perché l'azienda guidata dall'italo-americano Mimmo Parisi non riconosce il loro sindacato, mentre la ministra del lavoro Catalfo lo riceverà a un tavolo dove si affronterà la richiesta di stabilizzazione di 654 persone. Loro sono i precari che aiuteranno i navigator precari a cercano un lavoro a poveri e disoccupati. I paradossi del cosiddetto "reddito di cittadinanza"

Manifattura tedesca a picco, aria di recessione

Sebastiano Canetta

La contrazione delle Piccole e medie imprese, confermata anche per il mese settembre, con lo spettro del Pil negativo per il terzo trimestre consecutivo, evoca scenari da incubo per l’intera Eurozona

«Preparavano attentati», arrestati nove indipendentisti catalani

Luca Tancredi Barone

Accusati di terrorismo, ribellione e detenzione di armi, appartengono tutti ai Cdr (Comitati di difesa della Repubblica), gruppi vicini alla sinistra della Cup che negli ultimi anni hanno partecipato a manifestazioni a favore dell’indipendenza o contro la detenzione e il processo dei leader in carcere

Raid su un matrimonio in Afghanistan: 40 uccisi

Emanuele Giordana

A pochi giorni dal voto, la campagna elettorale si sporca sempre di più di sangue e propaganda. L'aviazione di Kabul, seguendo le indicazioni americane, colpisce una cerimonia. Gli ultimi 12 mesi i più terribili: 3.300 civili morti e 14.600 feriti

«Violenze di stato e rischio genocidio in Burundi»

Fabrizio Floris

Le accuse della Commissione d’inchiesta Onu sulla drammatica situazione dei diritti umani nel paese, a 8 mesi dal voto. La calma che si respira è illusoria, basata sul terrore e sul soffocamento delle voci critiche. E anche la Chiesa, finita sotto attacco, scende in campo

Reportage

Il campo tossico dove l’Europa scorda i migranti

Federica Iezzi

A Vucjak, in Bosnia, si sopravvive senza assistenza, tra rifiuti e mine anti-uomo: il campo si trova sopra una vecchia discarica, l’acqua non è potabile e la terra, mai bonificata, è intrisa di veleni. E chi tenta la fuga in Croazia trova la polizia e il suo «gioco»: cibo confiscato e zaini dati alle fiamme

Cultura

Éric Vuillard e l’inedito vocabolario narrativo della rivolta

Guido Caldiron

L'intervista. Parla l'autore di «La guerra dei poveri» (e/o) già vincitore nel 2017 del Prix Goncourt. «Thomas Müntzer, che guidò l’insurrezione dei contadini nel XVI secolo, diceva che l’agire dei potenti rende perenne il bisogno di ribellarsi. Sembrano parole scritte oggi»

Nicolas Mathieu racconta la provincia operaia come un noir

Guido Caldiron

Parla l'autore di «E i figli dopo di loro» (Marsilio). Attraverso il complesso apprendistato alla vita di tre adolescenti, Anthony, Hacine e Stéphanie che crescono nell’Est della Francia mentre molte famiglie del luogo, comprese le loro, vedono infrangersi i sogni del futuro nella definitiva chiusura dei grandi stabilimenti industriali che hanno garantito a lungo reddito e identità alla comunità locale, lo scrittore racconta con la delicatezza che si porta alle persone e alle cose care, le grandi trasformazioni del cuore operaio del paese

Dentro la transizione digitale ed energetica che ci interpella

Simone Pieranni

«La guerra dei metalli rari», di Guillaume Pitron. Analisi scientifiche e geopolitiche si alternano al reportage e la ricerca sul campo. Nel volume del giornalista francese, le contraddizioni e le insidie della cosiddetta svolta «pulita» e «verde»

La narrativa antagonista agli Emmy

Luca Celada

10 statuette per «Game of Thrones», premiata anche «Fleabag» e Phoebe Waller-Bridge. 85 awards per i grandi del cavo e dello streaming contro i 16 dei vecchi network

La rivoluzione del cognome materno

Mariangela Mianiti

Li fai, te li porti in pancia per nove mesi, li partorisci con dolore, li allatti, ma il frutto di tutta questa fatica non ti verrà riconosciuto dall’anagrafe

Rai, gli anni di via Teulada

Stefano Crippa

Una mostra a Palazzo Venezia - aperta fino al 29 settembre - per raccontare attraverso abiti, contributi video, panel la storia della storica cittadella di produzione della tv italiana