closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 24.09.2017

Alla kermesse di Rimini «papà» Grillo incorona Luigi di Maio candidato premier e capo politico dei 5 Stelle. Ma il nuovo leader è indebolito dalla bassa affluenza alle primarie online: votano solo 37 mila iscritti. Piattaforma Rousseau in crisi. E con Fico è tregua armata

Europa

Avanza il partito del non voto, reddito e lavoro fanno la differenza

Jacopo Rosatelli

Dal 1998 alle elezioni federali del 2013 l’affluenza segna oltre 10 punti percentuali in meno: milioni di persone nel corso di un quindicennio si sono disconnesse dalla politica. Sono quelle che abitano nei quartieri con il reddito pro capite più basso e con il tasso di disoccupazione più alto, senza differenze fra Est e Ovest

Commenti

Sinistra catalana e indipendenza: un processo «partecipato» a rischio settarismo

Marco Grispigni

Il limite maggiore delle tesi della Cup è legato a uno sguardo autoreferenziale che sconfina a volte nel settarismo. Poi ci sono le assenze nelle riflessioni della Cup: Podemos, il partito che maggiormente ha messo in discussione quel «regime del 78» contro cui si scaglia la Cup. Lo stesso vale per i suoi dirigenti maggiori, compresa la sindaca di Barcellona, Ada Colau, che con la coalizione Barcellona en Comú, nel 2015 ha vinto le elezioni amministrative nella capitale della Catalogna

FRANCIA

Prova di forza di Mélenchon contro Macron

Anna Maria Merlo

Manifestazione a Parigi contro la riforma del lavoro, alla guida della France Insoumise. Battaglia di cifre sui dati della partecipazione: 150mila per gli organizzatori, 30mila per la polizia. Mélenchon: "è solo l'inizio", punta a far cadere il governo. Lunedi' sciopero dei camionisti

La Siria per Hezbollah: chiusa una guerra se ne aprirà un altra

Michele Giorgio

Parla Abu Mahdi al Shaabi, comandante militare del movimento sciita: assieme all'esercito governativo siriano abbiamo conseguito una vittoria, ora ci aspetta la guerra con le cellule jihadiste dormienti. Il ruolo della Russia mentre all'orizzonte si affaccia un nuovo conflitto con Israele.

La guerra dei droni

Michele Giorgio

Lo Stato ebraico non ha più l'esclusiva di quest'arma nella regione. Nell'arsenale del movimento sciita non solo razzi e missili, anche centinaia di velivoli senza pilota che potrebbero rivelarsi una spina nel fianco di Israele in un eventuale conflitto

Cultura

Silvia Bencivelli, occorre una voce tersa per parlare di scienza

Andrea Capocci

Un'intervista con la giornalista scientifica e scrittrice che ha prodotto saggi di successo e, di recente, un romanzo per Einaudi. «Difficile parlare di salute così come dividere in due categorie, i flebili e gli aggressivi. I toni sono diversi secondo il pubblico». «Certo discutere solo in termini di obbligo o di libertà può rivelarsi controproducente»

L'Ultima

Le immagini dell’assoluto

Manuela De Leonardis

Gli scatti di Robert Capa in mostra al Museo Civico di Bassano del Grappa. Quelli di Werner Bischof alla Casa dei Tre Oci di Venezia. Fuoriclasse del fotogiornalismo, vicini anche nella tragica sorte

Spiriti e robot nel ventaglio del fantastico nipponico

Paola Scrolavezza

Da Soseki a Yamamura Bocho, da Dazai Osamu a Miyazawa Kenji a fino al più rappresentativo Unno Joza, i racconti che illustrano la rivolta del Sol Levante contro il razionalismo: «Lo scudo dell’illusione», per Atmosphere

Viaggio nella terra dei morti smemorati e senza sepoltura

Nicoletta Pesaro

Attenuando la sua consueta violenza caricaturale, lo scrittore cinese racconta di un uomo che si rifiuta di essere cremato, vaga sette giorni alla ricerca del padre, poi trae un bilancio dolce-amaro della società cinese: «Il settimo giorno», da Feltrinelli

Alla ricerca di una carezza non tentata dal possesso

Romano Madera

Inediti letterari del filosofo francese: due abbozzi di romanzo, «Eros o Triste opulenza» e «La signora del Wepler», una serie di note filosofiche sul tema dell’eros, poesie e altri scritti giovanili in lingua russa, da Bompiani

Manganelli, un abisso per la Menzogna

Raffaele Manica

Ilarità come forma della tragedia: nel 1982 il «Discorso dell’ombra e dello stemma» segnò il ritorno di Giorgio Manganelli agli esordi nichilistici. Adelphi lo ripubblica

Rein, dialoghi a caldo su una capitolazione

Cecilia Bello Minciacchi

Dal 14 aprile al 2 maggio 1945, tra farsa e ignominia, il racconto-testimonianza di Heinz Rein sull’agonia della capitale dilaniata del III Reich. Uscito a puntate sulla «Berliner Zeitung» pochi mesi dopo il disastro, è diventato un libro: «Berlino. Ultimo atto», Sellerio

Walser, la scrittura-andatura di uno zero sociale

Enzo Di Mauro

Hans si muove leggero: nulla, neppure un temporale, può tenerlo seduto allo scrittoio... Hans, tipica figura walseriana, è il protagonista di uno dei racconti di «Seeland», Adelphi

L’immunodeficienza di Trump

Tommaso Mozzati

Una mostra militante sull’Hiv (da Nam Goldin a Act up) si ribalta contro la distruzione delle politiche assistenziali

Struth che predilige situazioni

Daniele Capra

L’intero percorso di un maestro nato minimalista a metà anni settanta, interprete a-psicologico della realtà

Concettualità e rosso Ingres: Giuseppe Gallo

Federico De Melis

Nel suo nuovo studio di Roma a San Lorenzo, un incontro con Giuseppe Gallo: si schiera con il fare, la lentezza, le pratiche antiche (qui cita Clyfford Still). E presenta i lavori recenti, «Filosofi guerrieri» e grandi encausti