closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 24.04.2016

La pioggia spazza via la diga anti-petrolio e il Polcevera riversa in mare un fiume di greggio misto a rifiuti oleosi. La capitaneria di porto dichiara lo stato di emergenza e il ministro dell’Ambiente invia due navi di soccorso. La regione minimizza, ma a Fegino è rivolta: chiudere l’impianto Iplom

Italia

Colpo di spugna sul disastro Tav al Mugello

Riccardo Chiari

Annullate le 19 condanne inflitte nel 2014 ai vertici Cavet e Impregilo. I reati legati ai lavori sulla linea Firenze-Bologna decadono, le falde inquinate e i torrenti disseccati restano. I No Tunnel fiorentini: «Un progetto cialtrone che ha lasciato una profonda ferita su territorio e abitanti»

Europa

Clima, l’Europa firma ma è già ferma

Luca Fazio

A poche ore dalla cerimonia ufficiale di New York in cui 170 Stati hanno ratificato l'accordo di Parigi per la riduzione dei gas serra, l'Europa ammette che i 28 paesi dell'Unione non hanno ancora stabilito politiche condivise per abbattere le sostanze inquinanti. Un ritardo che potrebbe escludere il vecchio continnente dalle prime decisioni importanti che si prenderanno a livello mondiale in materia di cambiamenti climatici

Internazionale

Il Ttip già morto prima di nascere?

Anna Maria Merlo

Grossa contestazione a Hannover. Lunedi' incontro Merkel, Obama, Cameron, Hollande, Renzi. Il Trattato di libero scambio transatlantico sta arenandosi per mancanza di trasparenza, troppo potere alle multinazionali contro i diritti sociali e ambientali

Cultura

Il peso della continuità dello Stato

Davide Conti

In nome dell’anticomunismo, l’Italia repubblicana impedì l’epurazione nella magistratura, nelle forze dell’ordine e nell’esercito, proteggendo i criminali di guerra all’estero. Il codice Rocco è solo un esempio di questa eredità avvelenata

Vite mai domate

Alessandro Portelli

La Resistenza delle donne: il periodo clandestino, le nozze a Ventotene, un uovo diviso in tre, un’intervista a Giovanna Marturano. I canti antifascisti proibiti e pericolosi. Anticipazioni dal lavoro (libro + 2cd) a cura di Alessandro Portelli con Antonio Parisella

LA POLEMICA

La memoria di Gramsci può andare in naftalina

Leonardo Paggi

La sinistra italiana non può nascere senza un bilancio sul Pci, un morto che divora il vivo. Il Pci non finisce affatto nel 1989 ma persiste fino a oggi nei gruppi dirigenti, portando al logoramento del socialismo europeo e trascinando nei suoi miasmi tutta la politica italiana

Europa

Garofani africanisti

Goffredo Adinolfi

Nel 42° anniversario della rivoluzione portoghese lo storico José Neves racconta il pensiero e la lotta contro il colonialismo lusitano di Amilcar Cabral. Una battaglia che «non può essere spiegata nei termini più immediati dei conflitti tra classi così come si caratterizza nell’Europa occidentale, ma neanche può essere ridotta a mero confronto tra nazionalismi»

Politica

Davigo, la frenata delle toghe

red. pol.

Il numero due dell'Anm: la linea la decideremo nella giunta unitaria. Renzi rivede i toni: "Rispetto per i magistrati". Anche Orlando invita alla "collaborazione".

L'INTERVISTA

La segretaria di Md Anna Canepa: “Davigo? Ha parlato per sé”

Andrea Fabozzi

«Sul carcere siamo più in sintonia con il governo», dice la segretaria di Md Anna Canepa: «Il presidente dell’Anm deve capire che non è più in campagna elettorale. Ora si confronti con la giunta unitaria». La sinistra delle toghe: lontani dalla visione dell’ex Mani pulite, non sempre i giudici sono la soluzione. Nel dialogo fatti passi in avanti. E anche sulla responsabilità civile...

Internazionale

Il Myanmar tra Cina e Occidente

Simone Pieranni

Intervista con lo storico birmano Thant Myint-U uno dei 100 pensatori più influenti del mondo secondo Foreign Policy. «Il paese sta attraversando cambiamenti economici e politici epocali»

Il delitto imperfetto

Arianna Di Genova

Presso Camera a Torino, la rassegna «Sulla scena del crimine» indaga la fotografia come testimonianza per la verità evidenziando la sua natura ambigua, sempre in bilico tra fatto reale e facsimile