closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 24.04.2013

Oggi Napolitano dà un volto al governissimo offrendo l’incarico al futuro presidente del consiglio (prende quota il nome di Letta e scende quello di Renzi). Il Pd obbedisce al diktat del Quirinale dopo una riunione densa di malumori e dissensi nascosti da un voto. Solo i 7 contrari e 14 gli astenuti

Politica

Il partito del presidente

Micaela Bongi

Serracchiani: «Perché è stato proposto Marini se avevamo detto no alle larghe intese?». Bersani si difende, ma non chiarisce

Europa

Europa: fine del rigore?

Anna Maria Merlo

Per S&D, Barroso è "uscito dal coma". Segnali di progressivo abbandono della politica di austerità, che invece di far diminuire il debito l'ha fatto aumentare.L'Italia è stata la prima della classe nei tagli

E li chiamano “incidenti di massa”

Simone Pieranni

I «balinghou», il nuovo esercito di riserva del capitalismo cinese, sono i protagonisti all’agitazione spontanea che investe il Paese

Una metropoli in cerca di salvezza

Guido Caldiron

Un incontro con lo scrittore catalano Edoardo Mendoza, in Italia per presentare il suo ultimo romanzo "O la borsa o la vita". Un noir picaresco su un tentato rapimento della premier tedesca Angela Merkel. Lo sfondo, però, è la crisi a Barcellona, dove uomini e donne cercano di resistere

L'Ultima

Se Guantanamo non è un blog

Gianni Minà

La "bloguera" Yoani Sanchez è la star del Festival internazionale di giornalismo che si apre oggi a Perugia. E che tace sui 166 detenuti senza processo nel lager che Obama aveva promesso di chiudere. Del resto funziona così: quando sono gli Usa a violare le leggi internazionali e a calpestare la dignità umana, i media italiani si girano dall'altra parte