closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 23.12.2018

Il maxiemendamento al buio votato in Senato nella notte. Con sorprese: altro condono fiscale, nessun aumento per le pensioni sopra i mille euro, posticipati a gennaio i decreti su reddito di cittadinanza e quota 100. Uniche certezze 1,6 miliardi risparmiati sull’accoglienza ai migranti e i tagli all’editoria, all’Avvenire e alla cooperativa de «il manifesto»

Editoriale

La sfida illiberale all’ordinamento

Michele Prospero

C’è un problema democratico in Italia, con un parlamento afono costretto ad approvare la legge più importante in materia economico-sociale senza avere neppure il testo scritto dei provvedimenti varati. Dalle punte più sensibili della cultura liberale si è dipanata la più seria dichiarazione critica sulle condizioni della repubblica e sul degrado della dignità della rappresentanza. C’è invece un vuoto e un silenzio nel sindacato e nella sinistra

Europa

Gilet gialli, cala la protesta, ma i sondaggi premiano Le Pen

Guido Caldiron

Sesto sabato consecutivo di proteste, anche se i numeri si riducono. Meno di 25mila persone hanno dato vita a piccoli cortei in diverse località. Un automobilista di 36 anni è morto in un incidente stradale nei pressi di un blocco stradale a Perpignan. Intanto, nei sondaggi per le europee, cresce l'estrema destra e perde il partito di Macron

Lo sfortunato «dirottamento» dei disperati

Leonardo Clausi

Le forze speciali britanniche arrestano quattro migranti saliti a bordo di una nave della Grimaldi per raggiungere Londra dalla Nigeria. Prima che la Brexit chiuda le porte del paese, in molti cercano di entrare con ogni mezzo

SALVINI

Il cinismo ultrà che svuota la democrazia

Alessandro Dal Lago

I trecento migranti abbandonati alla deriva sulla nave di Open Arms, pagano lo scotto del cinismo di questi ultrà padani diventati leader politici nazionalisti e del torpore di una società illividita e rancorosa

Commenti

Aumentano i suicidi in carcere, come prevenire

Patrizio Gonnella*

Vi è una crescita in termini assoluti, ma soprattutto in termini percentuali: mentre nel 2015 si è suicidato un detenuto ogni 1.200, nel 2018 il rapporto è diventato pari a uno su 900. I dati dicono inoltre che dietro le sbarre ci si ammazza circa venti volte di più che nella vita libera

Commenti

Da «cane pazzo» al nuovo modello militar-industriale

Guido Moltedo

Dietro l’addio dell'ex generale dei Marine Mattis alla Casa Bianca non c'è semplicemente un conflitto tra il presidente e il capo del Pentagono, ma qualcosa di più complicato all’interno delle forze armate e del sistema di potere strategico ed economico in cui ha voluto inserirsi Trump

Sul pericolo atomico l’Italia delle «Tre Scimmiette»

Manlio Dinucci

Eloquente il silenzio praticamente assoluto dell’intero arco parlamentare nostrano rispetto all'intervento del presidente russo Putin che ha sottolineato come il mondo sottovaluti il pericolo di guerra nucleare. Come se l’Italia non avesse niente a che fare con la corsa agli armamenti nucleari che potrebbe portare alla «distruzione dell’intera civiltà o forse dell’intero pianeta»

Brevi dal mondo: Somalia, Libia, Kashmir

Red. Esteri

Doppio attentato a Mogadiscio di al Shabaab dopo gli attacchi Usa con i droni. Conte vola in Libia da Sarraj e Haftar. In Kashmir altri sei morti nell'anno più sanguinoso in 10 anni

CINA 1978-2018

I quarant’anni che sconvolsero il capitalismo

Simone Pieranni

Nel dicembre 1978 Deng Xiaoping lanciava l’epoca delle riforme e aperture trasformando il paese nella seconda potenza mondiale. Negli anni ’80 furono dismesse le aziende di stato, fulcro dell’industrializzazione nel periodo maoista

La scienza non può sembrare un atto di magia

Andrea Capocci

Un incontro con il fisico teorico Giorgio Parisi, nuovo presidente dell'Accademia dei Lincei. «Aveva ragione Marcello Cini: la cosa più interessante che abbiamo visto sulla Luna è stata la Terra»

Visioni

Vite di un sogno postmoderno

Luigi Abiusi

Da Yann Gonzalez a Bertrand Mandico, si fa largo in Francia una nuova tendenza degli immaginari. Il manifesto firmato dai registi sui «Cahiers», è un inno alla notte e ai film di genere

Alias Domenica

Ultimi fuochi del genere western

Luca Briasco

Scritto nel 1993 da Larry McMurtry e ambientato nel Texas di fine ’800, «Le strade di Laredo» è l’epopea di un mondo in dissoluzione, tanto più emozionante in quanto residuale: da Einaudi

Nessuno può sfuggire alla propria infanzia

Francesca Lazzarato

Come nei suoi tenebrosi racconti per adulti, anche in quelli scritti e illustrati per i suoi figli Leonora scatenò creature grottesche e composite per indurre risate e stupore: «Il latte del sogno», Adelphi

Nel villaggio degli igloo pericolanti

Arianna Di Genova

Nello spazio milanese Pirelli HangarBicocca, l'esposizione dedicata a Mario Merz e alle sue case provvisorie. Visitabile fino al 24 febbraio 2019

Berriault, trafiggere vite con uno spillo

Margherita Ghilardi

Un’antologia di racconti dallo stile lucente, elastico e affilato porta finalmente in Italia Gina Berriault (1926-’99): «Piaceri rubati», da Mattioli 1885

Vienna 1900, solipsismo multiforme

Giorgio Villani

Il primo volume è un magnifico repertorio di 1200 immagini che rende eloquente il legame fra pittura, scultura, architettetura, grafica, arti applicate in un’epoca floreale che insegue la conoscenza. L'altro, un’antologia della rivista della Secessione viennese 1898-1903

La Melancolia I sotto Weimar

Marco M. Mascolo

Tradotta in italiano la prima versione, edita nel ’23, del celebre saggio, di stampo warburghiano, sui significati nascosti dell’incisione di Dürer

La Nuova oggettività applicata ai capannoni

Maurizio Giufrè

La resa oggettiva, quasi metafisica di Renger-Patzsch rivive trent’anni dopo negli scatti anni ’60 di Becher. Ma il confronto intrigante è coi «soggettivisti»