closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 23.10.2015

Meno tasse per tutti, anzi no. Il sottosegretario Zanetti smentisce Renzi: possibile aumento di Irpef e Irap per gli enti locali indebitati. Il Piemonte (insieme ad altre regioni) rischia la bancarotta e il presidente della conferenza Stato-Regioni, Chiamparino, si dimette. Intanto nessuna legge di stabilità in parlamento

Economia

Lo strappo delle regioni sulla Sanità. E spunta l’aumento di tasse e ticket

Roberto Ciccarelli

Sergio Chiamparino, presidente della conferenza delle Regioni, si è dimesso. Pesa il disavanzo sanitario del Piemonte, ma anche le tensioni con Renzi sui tagli alla Sanità. «Il governo dica se l’aumento del Fondo sanitario è vincolato». Le regioni ignorano se un miliardo di euro per i Lea, i contratti e farmaci sono fuori o dentro il fondo. E, all'improvviso, spunta l’aumento del ticket per gli enti in disavanzo sanitario. Lo conferma il sottosegretaria all'economia Enrico Zanetti e il coordinatore degli assessori regionali al bilancio Garavaglia. A rischio Piemonte, Lazio, Puglia e altre 5 regioni

Mannaia sul turn over degli statali

Andrea Colombo

Testo «fantasma» fino a sera. Problemi sulle coperture, possibile aumento Irpef e Irap per i comuni in deficit. Ma Renzi annuncia trionfante: le chiacchiere stanno a zero, l’economia non più

Scuola

Quant’è buona l’università ad alta velocità di Renzi. L’annuncite riporta il conflitto negli atenei

Roberto Ciccarelli

La Crui dei rettori chiede al governo un reclutamento pluriennale, lo sblocco degli scatti per i docenti, il rinnovo del contratto per gli amministrativi e fondi per gli atenei. La proposta dei 500 cervelli "ad alta velocità" bocciata anche dal Cun. Oggi a Udine la Leopolda sull'università del Pd. La protesta dei ricercatori precari e studenti: «Stop that train!». I ricercatori della Rete 29 aprile: "Le proposte del Pd e del governo sono vaghe. Non c'è dialogo". Gli studenti di Link presentano le proposte su un'università diversa

L’opposizione chiama Marino in aula

redazione politica

La richiesta è firmata da dodici consiglieri, verso lo showdown. Il «marziano» vorrebbe lasciare con un suo discorso in assemblea e con il Pd che lo ringrazia per il lavoro svolto

L’Iraq tiene il piede in due staffe

Chiara Cruciati

Baghdad schiacciata: le potenti milizie sciite vogliono l'intervento russo, ma il premier teme punizioni economiche da parte degli Usa. Violente proteste nel Kurdistan iracheno: Barzani traballa

Hashem Azzeh, esistenza come resistenza

Michele Giorgio

E' morto il medico palestinese, sostenitore della non violenza, che per 20 anni ha raccontato Hebron e della sua famiglia circondata da coloni e soldati israeliani. Due giorni fa ha avuto un malore, a causa dei posti di blocco è stato costretto ad andare a piedi all'ospedale ma a Bab Zawiyeh ha trovato ad attenderlo una nuvola di gas lacrimogeno..

Il privilegio di essere Maxxi

Alessandro Monti

In quel tempio dell'arte e architettura contemporanea, che si trova in via Guido Reni, qualcosa è andato storto. E la sua «mission» ambiziosa è rimasta incompiuta. Analisi di una gestione con molte falle

Caleidoscopica umanità al bancone del bar

Francesca Giommi

Fiston Mwanza Mujila, al suo esordio con il romanzo «Tram 83», comincerà il tour italiano a Bookcity, a Milano, sabato prossimo. Poi sarà a Parma, Torino e Roma

La prassi vivente ostaggio del partito della nazione

Leonardo Paggi

L’eredità del teorico e dirigente politico comunista in un recente convegno. Populismo, crisi della democrazia, la comunicazione su Facebook. I temi dell’incontro. La polemica sull’uso di Gramsci a sostegno della necessaria disciplina imposta dai mercati alla politica

Umorismo e slapstick contro la censura

Sergio M. Germani

La scoperta della commedia sovietica, grazie alle Giornate di Pordenone, ha rivelato dei capolavori, tra cui «Il tardo muto» di una regista donna, Antonina Kudriavtseva

Pacifismo heavy metal

Marco De Vidi

Il decennale dei Bachi da Seta celebrato con «Necroide», canzoni pacifiste tra underground e heavy metal. «Noi contro la guerra. Il nostro Dylan erano i Black Sabbath»

L'Ultima

Più rossa che bianca e verde

Federico Gurgone

Il tricolore è ovunque bandiera di libertà e di indipendenza, riassunto dei valori del ’700. Adottato da decine di paesi del mondo, in Italia è nato a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797, e dopo la Resistenza contro il nazifascismo è diventato un simbolo molto potente ma delicato, che non può essere certo lasciato al solo «patriottismo»

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.