closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 23.09.2016

Valanga di proteste contro il contestatissimo «Fertility day». La ministra della salute Lorenzin ammette l’errore della comunicazione, ma non il problema politico: la libertà delle donne, il welfare e il reddito. Renzi respinge le richieste di dimissioni

Politica

Contro il Fertility Day: «Welfare, non clessidre»

Roberto Ciccarelli

Proteste in 12 città per la libertà di autodeterminazione delle donne: «Lorenzin dimettiti». Renzi difende la ministra della Salute. Palazzo Chigi sfugge alle critiche politiche e scarica le responsabilità della campagna sui suoi comunicatori. Il sito della campagna, costata 131 mila euro, non rispetta le normative in vigore nella pubblica amministrazione

Politica

E ora tutti pazzi per Virginia

Giuliano Santoro

I 5 stelle si ricompattano intorno alla sindaca. Da domani la kermesse palermitana. Ma la prossima settimana il consiglio voterà la mozione per il No alle Olimpiadi. Sulla testo ancora dubbi. Anche Di Maio recupera la parola e fa i complimenti a Raggi: «Daje». Attacchi a Malagò. Sul palco siciliano l’incontra con l’arcinemica Lombardi

Olimpiadi, apparente pax romana

Eleonora Martini

Il premier Renzi prova a disinnescare la bomba grillina: «Se la giunta dice no, prendiamo atto e parliamo di altro». Ma torna a suggerire: referendum. Il numero uno del Coni: «Nessuna azione legale per danno erariale».

L'inchiesta

A mani basse sull’informazione

Anna Maria Merlo

L’ultimo libro di Laurent Mauduit, co-fondatore di Mediapart, descrive lo stato critico dei media d’Oltralpe, preda di una casta vorace e ferocemente di destra

Scuola

A scuola di libertà contro gli stereotipi

Tiziana Biondi, Monica Pasquino, Giulia Selmi

Il contrasto all’omofobia, bullismo e violenza di genere inizia dai libri per l’infanzia. Le associazioni che fanno arrabbiare Cei e Vaticano si incontrano a Bologna per la terza edizione a cui hanno aderito oltre 800 persone. Dall'inserto speciale "Fate i Cattivi" dedicato da Il Manifesto alla Scuola

I tecnici rapiti nel caos libico

Rachele Gonnelli

Per il portavoce di Haftar sono in mano ad al Qaeda ma il sindaco di Ghat lo smentisce. A New York Gentiloni e Kerry al fianco di Sarraj: «Ora nuova Costituzione e governo di riconciliazione»

Giordania, il mezzo flop dei Fratelli Musulmani

Michele Giorgio

Nessun sorpresa dal voto del 20 settembre. La Fratellanza diventa il principale gruppo parlamentare ma ottiene un numero di seggi inferiore a quello indicato dai sondaggi. Due donne elette oltre la quota "rosa" di 15 seggi. La sinistra sorride solo per il successo di Khaled Ramadan

L’India accusa: «Pakistan stato terrorista»

Emanuele Giordana

Il nodo del Kashmir resta un bubbone purulento. All’Onu Nawaz Sharif ha sostenuto che una pace tra i due Paesi sarà possibile solo con la risoluzione del contenzioso e ha chiesto la demilitarizzazione dello Stato indiano del Jammu e Kashmir, condizione inaccettabile per chi lamenta infiltrazioni terroristiche dall’area kashmira controllata dai pachistani. Delhi, per altro, non esita a usare il pugno di ferro

Fiato sospeso in Gabon, l’opposizione lancia l’allarme: «Si rischia la tragedia, aiutateci»

Karim Metref

Nel giorno in cui la Corte costituzionale di Libreville decide sul voto contestato parla il rappresentante in Italia della coalizione che sostiene Jean Ping contro il presidente uscente Ali Bongo: «Gli osservatori hanno certificato gravi irregolarità, se non dovessero essere riconosciute ci saranno altri morti. Già 100 vittime negli scontri post-elettorali. La comunità internazionale non può girare la testa dall'altra parte»

I confini svaniti della democrazia

Stefano Petrucciani

La corrosione dello stato-nazione è un processo che ha avuto orgine molti anni fa, ma le migrazioni lo hanno reso manifesto. Anticipiamo una delle relazioni al seminario annuale della Società italiana di Filosofia politica in corso a Roma

Una voracità amorosa bruciante

Michele Spanò

«Gli Argonauti» di Maggie Nelson, appena tradotto per Il Saggiatore. La struggente passione tra la scrittrice e l’artista Harry Dodge diventa un memoir queer di libertà e corpi desideranti in transito

Patologie democratiche al pettine del populismo

Alberto Burgio

Quel che sta succedendo oggi in Europa - le ansie e la collera di masse impoverite e precarizzate - era facilmente prevedibile e fu da molti previsto già venti, trent’anni fa, ai tempi in cui si misero nero su bianco i Trattati neoliberisti e poi ci si affidò all’unione monetaria e alle politiche di austerity

Rubriche

Ho sedici anni

Alberto Olivetti

La mia identità è pervasa dalla relazione costante, permanente che intrattengo con il virtuale. Un esempio. Studio con il computer. La mia ricerca consiste nell’attivare motori di ricerca. Scarico i testi degli autori previsti dai programmi scolastici

La strada giusta

comitato del no al referendum costituzionale

Messe a punto le linee guida da seguire nella campagna di comunicazione e le strategie politico-organizzative necessarie ad affrontare i due mesi che ci separano dal voto