closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 23.08.2015

Il ministro dell’economia del governo Tsipras, Jorgos Stathakis, al manifesto: «Siamo fieri della battaglia che abbiamo combattuto in Europa. Con il voto il popolo dirà se abbiamo rappresentato correttamente il paese. L’uscita dall’euro non è un progetto politico sostenibile». Il partigiano Glezos lascia Syriza

Europa

«Syriza resta di sinistra. E contro l’austerità»

Teodoro Andreadis Synghellakis

Jorgos Stathakis, ministro uscente dell’economia: «L’alleggerimento del debito insieme alle risorse per investimenti e welfare potranno consentirci di sostenere i cittadini più deboli. Il popolo greco ci darà un mandato chiaro»

Europa

No Border, la frontiera meticcia

Geraldina Colotti

Il presidio permanente al fianco di chi viene respinto dalla Francia. Il «ping pong umano» mette a nudo l’Europa che fa coincidere i diritti con i trattati. Le voci degli attivisti

Germania, attentati, proteste e neonazisti in piazza

Jacopo Rosatelli

L’altra faccia dell’accoglienza. Le difficoltà delle amministrazioni comunali vengono strumentalizzate dall’estrema destra: puntare il dito contro «gli stranieri che mandano in bancarotta le casse delle città tedesche» è fin troppo facile

Economia

Stato e comuni, solo tasse e tagli

Fabio Veronica Forcella

Otto euro su 10 versati all’erario se li prende l’amministrazione centrale. I sindaci rimangono a secco, ma comunque non restano a guardare: negli ultimi anni hanno chiesto ai residenti più di quanto aveva tolto loro il governo

Politica

Il bel mondo di Matteo

Andrea Fabozzi

Duecento firme di pubblicitari, manager della finanza, consulenti aziendali e imprenditori per dire che bisogna lasciar lavorare Renzi. Sta diventando un'abitudine

Francia, sventato attentato sul Tgv

Rachele Gonnelli

Due soldati, uno appena tornato dall’Afghanistan, e un amico californiano ringraziati da Obama e Hollande come «eroi» Insigniti di medaglia insieme al passeggero britannico che li ha aiutati a neutralizzare Ayoub el Qahzzani, il presunto attentatore

Carovane per non dimenticare il diritto al ritorno dei palestinesi

Michele Giorgio

Da metà agosto decine di italiani partecipano alle "Carovane del Diritto del Ritorno" in Cisgiordania, Libano e Giordania. Un viaggio nella memoria viva, seguendo il sentiero dell'iniziativa avviata a Beirut dal nostro Stefano Chiarini (scomparso nel 2007) per non dimenticare Sabra e Shatila e i cinque milioni di rifugiati palestinesi

Alias Domenica

Gli spettri evocati da Dag Solstad

Andrea Bajani

Nella cornice della finestra di fronte a lui, un uomo vede assassinare una donna. Potrebbe intervenire, chiamare la polizia, urlare, invece non fa nulla. Da qui i suoi rovelli. A quasi vent'anni dalla uscita, Iperborea traduce dal norvegese «La notte del professor Andersen»

Il matrimonio come dannazione

Francesca Lazzarato

La «Solitudine» di Caterina Albert, alias Victor Català, edito da Elliot, poema in prosa che racconta il viaggio iniziatico di una donna confinata dal marito in un eremo montuoso

De Pisis a Parigi: gli anni d’oro in solitudine, con i ragazzi

Nico Naldini

Il pennello di Pippo de Pisis, tra i Venti e i Trenta, ci rivela una Parigi vorticosa ma non alla Baudelaire, intima ma non proustiana. Il suo «impressionismo» si nutre di occasioni di strada come l’epifania di un pesce marcio e giovani canaglie vengono attratte e spogliate nello studio di Saint Sulpice, dove lasciano i loro indumenti

Sereni, oblio a Francoforte con le belve pacate

Massimo Raffaeli

Ottobre ’63. Alla Fiera del Libro come dirigente Mondadori, Vittorio Sereni fa i conti al vivo con un Paese che «dimentica» attraverso il benessere cosmpopolita: ma per lui è ancora sinonimo di buio, sangue e distruzione. Il disagio è un grumo viscerale, che darà forma a dei testi claustrofobici

L'Ultima

Tramonto sui Le Pen

Francesco Ditaranto

Una saga politica che fin dal 1992 si intreccia con la famiglia. Jean Marie, il fondatore del Front National, espulso dalla figlia Marine. E la nipote Marion, bionda bambina nel manifesto, rischia di trovarselo come avversario nelle regionali di dicembre