closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 23.07.2015

Mentre i prefetti si ribellano agli insulti quotidiani della Lega, sugli scogli di Ventimiglia non arretra la protesta dei migranti che da 50 giorni chiedono di poter entrare in Europa. L’indifferenza è stata rotta l’altra sera con una «rivolta in musica» al ritmo di «indietro non torniamo». E domani si replica

L'inchiesta

“We are not going back”, il canto libero dei migranti di Ventimiglia

Luca Fazio

Prosegue nell'indifferenza generale la clamorosa protesta dei profughi africani che dal 9 giugno sono accampati davanti agli scogli sul confine tra Italia e Francia. L'altra sera, con Vauro e la band Tetes de Bois, festa in musica con un ritornello inventato da un profugo di sedici anni. Da domani a domenica tre giorni di iniziative organizzate dai ragazze e dai ragazzi del presidio permanente No Border

Cda Rai, la Gasparri piace a tutti

Andrea Colombo

Boschi annuncia un maxiemendamento in senato. Il sottosegretario Giacomelli la corregge ma la sostanza resta: la legge passa quando vorrà Renzi. Forza Italia e M5S pronti a prendersi i posti nel «consiglio transitorio»

Lavoro

Il sindacalismo sociale vince a Roma

Roberto Ciccarelli

Le lavoratrici e i lavoratori del centro di riabilitazione Ce.Fi. Ciampino hanno vinto. L'incontro con le camere del lavoro autonomo e precario (Clap). Storia della prima vertenza di un nuovo modo di fare sindacato

I paesi ricchi si sfilano e sperano nei «mecenati»»

Raffaele K Salinari

Dopo la Conferenza di Addis Abeba, Renzi (tra i pochi capi di governo presenti) ha promesso di aumentare il ridicolo 0,2% dell'Italia. Ma il documento finale della Conferenza presenta moltissime ombre

Fallujah nella morsa di Isis e Baghdad

Chiara Cruciati

Due attacchi suicidi in città uccidono 22 soldati. Chi prende la provincia di Anbar, prende l'Iraq. In Siria, morto in un raid il leader qaedista al-Fadhli, a capo di un'unità che conoscono solo gli Usa

Ngugi wa Thiong’O, le parole spezzate della gabbia coloniale

Marco Dotti

Parla lo scrittore keniota, considerato una delle voci più autorevoli dell’Africa. Autore del saggio «Decolonizzare la mente» (Jaca Book), rivendica la scelta di non scrivere più i suoi romanzi in inglese, ritenuta la lingua di un imperialismo postcoloniale e culturale che tiene ancora in scacco un intero continente

Visioni

Alexander McQueen, funambolo fashion

Michele Ciavarella

Il Victoria and Albert Museum di Londra ospita la mostra «Savage beauty» dedicata al geniale stilista scomparso.Creazioni frutto di ossessioni personali intrecciate con i demoni collettivi, selezionate attraverso la lente della sua infinita malinconia

A ventiquattro ore dall’Apocalisse

Mazzino Montinari

Un giovani cuoco dai poteri speciali, un capo della polizia e strane creature. Nelle sale «Il luogo delle ombre» di Stephen Sommers

La Cina travolta dal noir

Mazzino Montinari

In sala Fuochi d'artificio in pieno giorno di Diao YiNan, Orso d'oro alla Berlinale 2014

Quello che non si dice

Fabiana Sargentini

I romanzi di Elena Ferrante spiegano bene alcune cose delle relazioni tra donne che non vengono mai raccontate...

USA-CUBA

Usa-Cuba, aver ragione da cinquant’anni

Roberto Zanini

Il 20 luglio riaperte le ambasciate di Cuba e Stati uniti, sventola la bandiera cubana a Washington. La gioia dell’ambasciatore che gettò la spugna per ultimo. E che dal ’61 ripete: l’embargo è una sciocchezza