closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 22.06.2018

Provate a leggere ad alta voce qualche nome della lista dei 34.361. È il popolo dei morti annegati nel Mediterraneo negli ultimi 15 anni. Il nome, il paese, la fine del viaggio. Il manifesto si unisce all’iniziativa del «Guardian» e del «Tagesspiegel» pubblicando 56 pagine speciali. È l’elenco più completo oggi esistente delle vittime accertate della Fortezza Europa, realizzato dalla Ong olandese United for intercultural action. Un promemoria per i capi di governo che a Bruxelles si apprestano a decidere sulla vita e la morte dei migranti

Italia

Cannabis light store, l’ultima frontiera del proibizionismo

Eleonora Martini

Il ministro della famiglia (unica) Lorenzo Fontana possibile nuovo delegato alle droghe. Silvio Garattini, membro del Consiglio superiore di sanità boccia i nuovi negozi. Oggi 4mila ettari di campagne italiane coltivate a canapa con basso Thc (400 nel 2013)

Cultura

La memoria espropriata

Simone Pieranni

Un’intervista alla scrittrice sino-malese, ospite al Taobuk di Taormina. Dolente e sinfonico, «Non dite che non abbiamo niente» è il suo ultimo titolo tradotto in italiano

Quell’ospite inquietante

Francesco Antonelli

«Popolocrazia. La metamorfosi delle nostre democrazie», di Ilvo Diamanti e Marc Lazar per Laterza

La trilogia manga «erotica» di Osamu Tezuka

Matteo Boscarol

Sembra un po’ essere l’anno di Osamu Tezuka, dopo l'anniversario del debutto tv di Atom Boy, ecco uscire in due dvd «A Thousand and One Nights» e «Cleopatra»

Un copyright in nome delle imprese

Benedetto Vecchi

A scendere in campo contro la riforma del copyright informatici, guru della network culture, mediattivisti. Il tutto quasi in sordina, quasi che i riflettori debbano rimanere spenti su quanto si sta tramando contro la pratica della condivisione dentro e fuori il cyberspazio

L'Ultima

In mare l’illegale è Salvini

Òscar Camps

Anche senza l’Aquarius le navi delle ong continuano le operazioni di soccorso. Il direttore di Open Arms denuncia la politica italiana e gli accordi criminali con la Libia