closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:

Edizione del 22.03.2020

Stop a «tutte le attività produttive non essenziali». Il pressing dei sindacati su Governo e Confindustria produce in serata l'annuncio del premier Conte: per frenare il contagio e la strage da Covid-19 - ieri 793 morti, record dei decessi in un giorno, e cinquemila nuovi casi - chiudono le fabbriche

Politica

Il contagio non si ferma, Conte chiude quasi tutto

Andrea Colombo

Stop a «tutte le attività produttive non essenziali». Il pressing dei sindacati su Governo e Confindustria produce in serata l'annuncio del premier Conte: per frenare il contagio e la strage da Covid-19 - ieri 793 morti, record dei decessi in un giorno, e cinquemila nuovi casi - chiudono le fabbriche

Italia

Restrizioni, #iorestoacasa è un lusso per pochi

Andrea Capocci

Uno studio dell’Isi di Torino mostra che dopo le restrizioni l’Italia si sposta meno, ma i contatti sociali non diminuiscono, dovuti sopratutto al proseguimento di molte attività produttive non essenziali

Commenti

Il sovranismo sanitario allo sbaraglio

Nicoletta Dentico

Mentre il primo focolaio del virus metteva a soqquadro Wuhan, i paesi europei guardavano con distanza alla Cina, convinti che l’epidemia, non si sa bene perché, non avrebbe investito il mondo occidentale.Meglio avrebbero fatto a studiare i dati epidemiologici condivisi dalla Cina dal 7 gennaio (giorno della dichiarazione dell’epidemia) in poi. Avrebbero capito che il mondo intero si sarebbe trovato coinvolto da Covid19, in fasi diverse della stessa evoluzione virale

Commenti

Il modulo che massacra l’italiano

Mariangela Mianiti

Ci voleva molto a scrivere, per essere più chiari, «di conoscere le misure per contenere il contagio» invece di «di essere a conoscenza delle misure di contenimento del contagio»?

Italia

Esclusi dal Cura Italia, la campagna per il «reddito di quarantena»

Redazione

Mentre le misure di restrizione si fanno sempre più totalizzanti molte categorie sociali non trovano spazio nei decreti di sostegno economico. Si rischia una catastrofe socio-economica. La richiesta è estendere in maniera universale e incondizionata l'attuale cosiddetto "reddito di cittadinanza". Una misura per contrastare ora l'emergenza e da intendere subito in maniera strutturale

Commenti

Testimoni di amabili resti

Ginevra Bompiani

Tutti si affannano a distrarci con divertimenti effimeri e virtuali e a raccomandarci di trarre insegnamento dall’isolamento (questo dice giustamente Carofiglio alla fine), ma che insegnamento possiamo mai trarre dal disinteresse per tutto quello che non riguarda strettamente la nostra sopravvivenza?

VIRUS IN THE USA

Trump a gennaio già sapeva. E ora le spara grosse

Marina Catucci

Doppia informativa dell’intelligence sulla diffusione planetaria della pandemia, in gennaio e febbraio, ignorata dal presidente statunitense. Trump un giorno annuncia milioni di kit in arrivo e l’altro un vaccino, ma non è vero. Appello ai giornalisti: agli incontri stampa trasformati in comizi rivolgete domande solo agli esperti

Reportage

Si salvi (solo) chi può. L’arrivo del coronavirus a Città del Messico

Cloe Mirenda

Il rischio pandemia approda in un paese rassegnato, sfiduciato, disuguale. Dove ci sono già il dengue, il narco, la violenza, i femminicidi, i sequestri, i terremoti, le inondazioni. Si cerca di arrivare vivi – e soprattutto vive - a casa a fine giornata. «Cosa ci può fare un virus». Nel frattempo nel cimitero di Bergamo sono finiti i posti

Almagro, l’ex progressista diventato trumpiano, mantiene la guida dell’Oea

Roberto Livi

Con 23 voti contro i 10 della candidata Espinosa dell'alleanza Messico-Argentina, l'uruguagio si conferma presidente dell'Organizzazione degli Stati d'America. In tempi di pandemia e di migliaia di morti annunciati nel continente, continuerà nella sua politica di strangolamento di Cuba e Venezuela.

Cultura

Le parole costituenti dell’emergenza

Claudio Vercelli

Cosa celano le fake news che accompagnano ogni fase di allarme. L’età drammatica che stiano vivendo a confronto con il secolo appena trascorso, guerre comprese. Ci piaccia o meno, la menzogna ha una sua funzione sociale. È una compensazione illusoria rispetto a un presente privo di prospettive

Commenti

Migranti, il governo non aspetti il contagio nei centri per occuparsene

Filippo Miraglia

La logica di contenimento, separazione e controllo che ha caratterizzato le politiche dell’accoglienza basate sull’emergenza, accentuatasi negli ultimi anni per ragioni politico-elettorali, rischia di ritorcersi pesantemente anche contro le comunità locali e di appesantire il nostro sistema sanitario già fortemente stressato. E’ quindi necessario intervenire con assoluta urgenza

Alias Domenica

Brecht nichilista e distruttivo per una società nuova

Federico De Melis

Il marxismo, il teatro, la rottura radicale col passato, il rapporto con Benjamin e Lukács. Nel gennaio 1996 Cesare Cases, in convalescenza a Firenze, rilasciò al manifesto (di cui era collaboratore) questa lucida intervista sulla controversa eredità di Bertolt Brecht

Goethe, l’autobiografia come modello di consapevolezza moderna

Maria Fancelli

L’interrogazione di sé e il racconto della propria esistenza in relazione alla realtà politico-culturale hanno ininterrottamente accompagnato l’autore del Werther. Rileggiamo Dalla mia vita. Poesia e verità nella nuova edizione uscita per Einaudi

Giacomelli, nerezze non mimetiche

Massimo Raffaeli

Una mostra doppia di taglio comparatistico: che insiste sull’autonomia di un linguaggio fotografico indocile, né neorealista né «artistico»

Arte italiana del Novecento, le congiunture “impossibili”

Luca Pietro Nicoletti

Cosa c’entra Guttuso con Burri? Bisogna vedere sotto una nuova luce il quadro del siciliano "La Discussione"... E Silone con Greenberg? Nel 1944 lo scrittore della Marsica plagiò il saggio "Avant-gard and Kitsch" del critico marxista americano... In questo libro, con sguardo anticanonico, vengono isolate dieci «stazioni» esemplari dell'arte italiana, fra la metà degli anni trenta e il Sessantotto

Collezionisti, tra sfrontatezza e socialità

Giuseppe Frangi

Su invito di Alberto Fiz, diciotto fra i maggiori collezionisti italiani espongono le loro opere: fra di essi, Consolandi, Palmigiano, Mattioli, Sandretto, De Iorio, Fasol, Gori

Creatura di James (e di Berenson?)

Alvar González-Palacios

Una signora americana che guardava i quadri di Paolo Veronese... A proposito della biografia di Caroline Fitzgerald, autore Gottardo Pallastrelli, ed. Donzelli

Ben Lerner, sillogismi praticati come un’arte marziale

Francesca Borrelli

Tra rituali glossolalici e repêchage nei depositi della psiche, l'autore di «Nel mondo a venire» mette in scena, nel suo ultimo e geniale romanzo, la tensione tra facoltà di linguaggio e parola: «Topeka School», Sellerio