closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 22.01.2015

In senato, la nuova maggioranza (renziani e berlusconiani) vota il parlamento dei nominati. Sulle minoranze del Pd piovono insulti: «Sono solo parassiti». Dura reazione di Bersani: «Renzi ristabilisca il rispetto, l’unità della ditta dipende da lui». Ma il premier, da Davos, replica sprezzante: «Sono ininfluenti, oggi la riforma ha fatto un bel passo avanti». Intanto Alfano e Berlusconi tornano a incontrarsi e si preparano a incassare il dividendo sul Quirinale

Politica

Bersani: «Ma Renzi vuole l’unità del Pd?»

Daniela Preziosi

L'ex segretario tuona contro Renzi e riunisce i suoi. Ma la minoranza dem è divisa. Assemblea drammatica. Zoggia: «Ha già deciso il Colle con Berlusconi». Boccia: «Così c’è il baratro, si fermi»

Politica

Il battesimo del Nazareno

Andrea Fabozzi

Il patto che precede e regge il governo è ufficiale al senato. Il blitz sulla legge elettorale passa senza un po’ di Pd e con tanta Fi. Due no alla minoranza, un sì alle manovre dei renziani, sempre con il sostegno decisivo dell’ex Cavaliere

Economia

Un fiume di denaro dalla Bce

Antonio Sciotto

Oggi il board di Francoforte guidato da Mario Draghi varerà l’acquisto di titoli pubblici per almeno 500 miliardi. La misura farà ripartire l’inflazione e forse la crescita. Fino all’ultimo il dubbio dei tedeschi

Reportage

A caccia di voti nei vecchi caffè di Atene

Angelo Mastrandrea

A confronto con gli elettori nei quartieri popolari della città dove, a pochi giorni dal voto, è più facile capire l’umore dei greci. Che ai candidati di Syriza non risparmiano di chiedere conto su sanità, stipendi, tasse ed immigrazione. Ma anche su cosa vogliono fare «con la vecchia classe politica, quella che ci ha portato al disastro»

Commenti

L’occasione clamorosa che ci offre Tsipras

Marco Revelli

La sinistra è a un bivio storico: restare ognuno nella propria «piccola casa» non è più possibile. Spagna e Grecia stanno indicando una strada. In Italia bisogna prendere atto che la strada imboccata dal «renzismo» è irreversibile. Ma per vincere anche da noi, bisogna rompere con discussioni, modalità di organizzazione e pratiche vecchio stile

FRANCIA

Prove “tecniche” contro il terrorismo

Anna Maria Merlo

Valls annuncia 736 milioni e 2700 assunzioni per lottare contro il terrorismo. Rimandata ad aprile la patata bollente dei poteri (extragiudiziari?) dei servizi. Hollande pensa al lungo periodo e promette interventi sulla scuola. Intanto, la magistratura ha la mano pesante nelle condanne per "apologia di terrorismo". Polemiche sull' "apartheid" alla francese, denunciato dal primo ministro

La normalità sommersa dalle pillole

Renato Foschi

«Primo, non curare chi è normale» di Allen Frances. Un pamphlet sulla tendenza ad inventare patologie per vendere farmaci e per mettere sotto controllo i comportamenti individuali che eccedono lo status quo

Istituzioni sull’orlo della governance

Marco Pacioni

Il contraddittorio rapporto tra stato e società civile. Un sentiero di lettura a partire dai volumi di Sabino Cassese e Massimo Terni sulle culture politiche italiane

Visioni

Cambio di scena per Mateo

Silvana Silvestri

Scelto a rappresentare la Colombia agli Oscar, il film di Maria Gamboa racconta una storia difficile fra povertà e violenza

Non svegliate Keanu Reeves

Giona A. Nazzaro

Vendette e acrobazie in un riuscito action movie - «John Wick» - protagonista l'ex star della trilogia di Matrix

L’orologio dei ricordi corre al contrario

Mazzino Montinari

Still Alice racconta il dramma dell'Alzheimer che colpisce una docente cinquantenne. Julianne Moore per questo ruolo si è già aggiudicata un Golden Globes ed è favorita agli Oscar

Innocui giochi di cortile

Cristina Piccino

Francesca Archibugi per Il nome del figlio, sfida fra classi in una Roma poco chic, adatta una commedia francese diventata film di successo oltralpe

VENEZUELA

Venezuela, un 23 de Enero sulla strada

Geraldina Colotti

Il 23 gennaio del 1958 il dittatore Marcos Pérez Jiménez scappa. Inizia una nuova storia. E oggi Maduro annuncia riforme economiche. Prevista la creazione di «zone economiche speciali

LETTERA APERTA

Caro Renzi, Expo non diventi la vetrina dell’ingiustizia

Moni Ovadia, Vittorio Agnoletto, Mario Agostinelli, Piero Basso, Franco Calamida, Massimo Gatti, Antonio Lareno, Antonio Lupo, Emilio Molinari, Silvano Piccardi, Paolo Pinardi, Basilio Rizzo, Erica Rodari, Anita Sonego, Guglielmo Spettante

Richieste e critiche precise all'avvio di Expo rivolte al presidente del consiglio da un gruppo di intellettuali e cittadini milanesi