closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 21.08.2019

Il governo gialloverde è finito. Conte rompe il giocattolo di Salvini con una durissima requisitoria contro «il ministro dell’odio e dei pieni poteri». Poi sale al Quirinale per dimettersi. Mattarella già oggi aprirà le consultazioni per verificare l’esistenza di un’altra maggioranza

Politica

Metamorfosi in senato. Conte fa a pezzi Salvini. «E nessuna autocritica»

Andrea Fabozzi

Il presidente del Consiglio demolisce il vice e poi va a dimettersi Ma lancia un suo programma per il bis: c’è ancora tanto da fare. Zingaretti chiede di rinnegare i decreti sicurezza. Il premier rivendica tutto. Mentre il leghista si fa nero, il capo grillino evapora. Ed è costretto a ricordare: «Giuseppe l’ho scelto io»

Editoriale

Conte affonda il capitano nero

Norma Rangeri

Conte ha pronunciato una resa dei conti durissima contro un ministro degli interni responsabile di esprimere una tendenza autoritaria, nutrita da scelte e comportamenti frutto «della mancanza di una cultura istituzionale»

La fine. Breve e feroce storia di un governo di sonnambuli

Roberto Ciccarelli

La politica dei due forni dal tripudio sul balcone di Palazzo Chigi alla crisi del Papeete. Idee chiare sull’attacco alla libertà di stampa populismo penale, guerra ai migranti. La fine politica è iniziata con l’appoggio dei Cinque Stelle a Ursula Von Der Leyen alla Commissione Ue

Il freno sul caro affitti in Germania è ammissibile

Sebastiano Canetta

Per i giudici dell’alta Corte tedesca la legge del 2015 non viola la Costituzione. Ma la «Mietpreisbremse» non rappresenta ancora la soluzione finale al problema che sta diventando un’autentica piaga sociale

Fuga da Gaza, Israele la facilita

Michele Giorgio

Sarebbero 35 mila i palestinesi che hanno lasciato la Striscia nel 2018. Un funzionario israeliano riferisce che il governo Netanyahu è pronto a facilitare questa fuga causata in buona parte proprio dall'assedio israeliano. Nel piccolo territorio palestinese crescono disperazione e frustrazione.

Algeri deporta il responsabile di Hrw

Melissa Aglietti

Ahmed Benchemsi, direttore delle comunicazioni di Human Rights Watch, cacciato dal paese per aver incontrato manifestanti del movimento che da febbraio chiede la rimozione del "clan Bouteflika"

Cultura

Nel nascondiglio ingombro del dolore

Claudio Vercelli

A proposito del romanzo di Jami Attenberg, «I Middlestein» (Giuntina). Il cibo è un guasto d’amore per Edie fin da bambina. Ora sposata e rispettabile avvocata, cerca di riempire il vuoto ingozzandosi

Tra macerie industriali e angosce della precarietà

Angelo Ferracuti

«Tuttofumo», il nuovo romanzo di Eugenio Raspi per Baldini Castoldi. Tra Narni e Terni, il destino delle nuove generazioni all’epoca della fine del lavoro. La letteratura working class aggiunge alla sua biblioteca un altro titolo significativo