closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 20.12.2015

Dopo le proteste degli indignados contro l’austerity Ue attuata poi da Rajoy, la Spagna oggi al voto decreta la fine del bipartitismo: i partiti costretti a «coalizioni». A destra il Pp tallonato da Ciudadanos, a sinistra il Psoe prova a resistere alla «remontada» di Podemos. Izquierda unida è la quinta forza

La seconda transizione spagnola

Luca Tancredi Barone

Dopo l’archiviazione del franchismo nel 1978 oggi in Spagna un’altra storica sentenza: va in soffitta il bipartitismo

Editoriale

Diktat nascosti

Marina Turi, Massimo Serafini

Il principale argomento che le destre, ma anche i socialisti, hanno usato contro Podemos è proprio quello che una sua vittoria farebbe fare alla Spagna la stessa fine della Grecia. Non c’è dubbio che la grande maggioranza di spagnole e spagnoli continua a volere farla finita con l’austerità e i tagli alle prestazioni dello stato sociale, ma c’è anche la consapevolezza che perseguire questi obiettivi comporta sfidare chi oggi governa l’Europa.

Europa

Un milione più degli uomini, partiti in corsa per averne il voto

Giuseppe Grosso

La popolazione femminile chiamata alle urne domani è di 17.868.107, un milione in più rispetto a quella maschile. Degli indecisi – che sono un quarto degli elettori e saranno evidentemente determinanti– il 62%, secondo i dati dell’agenzia Metroscopia, sono donne. Non sorprende, dunque, che tutti i partiti facciano a gara per attirarne le simpatie.

Lavoro

Cgil, duro attacco alla Coop

Antonio Sciotto

Camusso: «Pensano solo ai profitti». Ma il gruppo replica con orgoglio: «I soci hanno fatto la spesa regolarmente». Manifestazione a Milano con Cisl e Uil, la protesta è anche contro Federdistribuzione e Confesercenti: i lavoratori del commercio aspettano il contratto da due anni

Politica

Una sinistra rock sotto le Torri

Giovanni Stinco

Al via la «Coalizione civica» con Sel, Sinistra italiana, civatiani e associazioni. «Diversi ma uniti per cambiare»: il nuovo contenitore, battezzato venerdì sera, lancia la sfida al Pd al voto di primavera

I risparmiatori “richiamano” Mattarella

Domenico Cirillo

La lettera degli obbligazionisti truffati: "Presidente, riceva anche noi, non solo Bankitalia e Consob". Imbarazzo di governo per la ricostruzione della ministra Boschi sulla data di ingresso del padre nel cda di Etruria

Siria

Il fronte turco della Nato

Chiara Cruciati

Dopo la risoluzione Onu sulla processo di pace, il Patto Atlantico manda aerei e navi in Turchia La Russia risponde a tono: «Invieremo altri mezzi militari». In Iraq un raid Usa uccide 9 soldati governativi: mea culpa a metà del Pentagono

Satira contro la finzione Daesh

Chiara Cruciati

I cartoon smontano l’Isis leaks: fumettisti iracheni svelano il vero «Stato» islamico nel sito di Daaafish. la più azzeccata risposta ai cosiddetti “Isis leaks”, 24 pagine in cui il “califfo” mette nero su bianco obiettivi e strategie per la fondazione di un vero Stato

Mogadiscio: autobomba e sparatoria, 4 morti

Rita Plantera

Un commando avrebbe aperto il fuoco sull’auto di un funzionario governativo. A rivendicare l’attacco è stato il gruppo al-qaedista somalo degli Al-Shabaab

Visioni

Guerre stellari contro Tarantino

Luca Celada

Il lato oscuro della Disney contro il regista di Hateful 8: nella corsa ad accaparrarsi le sale per Star Wars, la corporation "sfratta" l'attesissima proiezione in cinerama dell'ultima opera di Tarantino

I dannati dell’oppio al soldo della regina

Elena Spandri

«Diluvio di fuoco» di Amitav Ghosh chiude la «Ibis Trilogy», una indagine romanzesca sulle zone di contatto e di complicità che le guerre ottocentesche svilupparono tra società asiatiche e europee

Frank Stella, il minimalismo si fa opulento

Gian Maria Annovi

I curatori vorrebbero dare omogeneità a un iter in realtà pieno di virate e contraddizioni, e sbalzi qualitativi: dalla pittura «a grado zero» degli esordi al barocco colorato degli ultimi anni