closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 20.10.2015

Sporchi, maledetti e subito. Le 22mila sale da gioco previste nella legge di stabilità contribuiscono alla crisi fiscale e sono una palla al piede della ripresa. L’azzardo è un moltiplicatore economico negativo ma intanto può portare un miliardo in più nelle casse vuote di Renzi e Padoan. La manovra all’esame di Bruxelles

Politica

L’azzardo di Renzi che piace alla Ue

Andrea Colombo

La legge di stabilità all’esame di Bruxelles: «Clima di ottimismo», ma non mancherebbero rilievi. Scontro con 5 Stelle e minoranza Pd sul diluvio di nuove bische e sull’eliminazione del tetto ai contanti

Il sociologo: «Quando lo Stato specula sulle ludopatie e la miseria»

Roberto Ciccarelli

Fare cassa con una misura irra­zio­nale e reces­siva: pre­vi­sta l’apertura di 22 mila sale da gioco per un 1 miliardo. Colto in casta­gna, Palazzo Chigi smen­ti­sce: nes­suna nuova licenza. Inter­vi­sta a Mau­ri­zio Fia­sco, socio­logo della Con­sulta Anti-usura: «L’economia delle slot pro­duce danni alle per­sone e all’erario». «La classe poli­tica sfrutta un’ebbrezza col­let­tiva ha tra­sfor­mato un popolo di rispar­mia­tori in un popolo di gio­ca­tori d’azzardo»

La sottile linea rossa delle città

Daniela Preziosi

Passi avanti al tavolo, restano le differenze sul caso Milano. Civati: no al gruppo con Sel. Alla camera presto nuova formazione con vendoliani e ex Pd. Civati non ci sta, resta nel misto per organizzare l’area degli ex grillini

Europa

I due volti di Vienna

Angela Mayr

Sei settimane dopo l’arrivo dei decine di migliaia di profughi, la capitale è divisa tra i volontari che si spendono per organizzare l’accoglienza e il ministero degli Interni che pensa a una forma di asilo temporaneo

Rifugiati: il trionfo della realpolitik

Anna Maria Merlo

Caldo e freddo tra Ue e Turchia. Ankara: "non siamo un campo di concentramento". Ma Erdogan chiede soldi e aperture verso l'adesione alla Ue. Merkel promette concessioni, ma Bruxelles frena. Confusione e frontiere bloccate nei Balcani. A Calais, la "nuova giungla" in zona Seveso

Msf insiste: «Raid a Kunduz esteso e criminale»

Emanuele Giordana

«La distruzione estesa e assolutamente precisa di questo ospedale - ho passato tutta la mattina ad attraversarlo con i miei colleghi osservando l’entità dei danni - non suggerisce, non sembra, non indica un errore. L’ospedale – dice Stokes davanti alle telecamere afgane - è stato ripetutamente colpito, sia nella parte anteriore sia in quella posteriore e ampiamente distrutto e danneggiato anche se avevamo fornito tutte le coordinate e le informazioni corrette a tutte le parti armate in conflitto. Vogliamo una spiegazione chiara: perché tutto quel che è successo indica una grave violazione del diritto umanitario internazionale e, di conseguenza, un crimine di guerra»

Gerusalemme, Netanyahu rinuncia alle barriere non alla colonizzazione

Michele Giorgio

Sommerso dalle proteste della destra estrema e dei laburisti, il premier israeliano ferma la costruzione di nuovi "muri" tra i quartieri palestinesi e le colonie ebraiche perchè confermano la realtà di una città divisa in due. E' morto il giovane eritreo linciato alla stazione dei bus di Bersheeva dalla folla che dopo un attentato lo aveva scambiato per un "terrorista"

Cultura

Quanto vale un artigiano digitale?

Andrea Capocci

Settecento espositori: alla Sapienza di Roma va in onda (mentre fuori volano manganellate ai veri padroni di casa, gli studenti) la terza edizione di Maker Faire. Dalla stampante a 3D al nuovo processore che da Arduino diventa Genuino

Un romanzo che va oltre il conflitto

Guido Caldiron

Lo scrittore israeliano Eshkol Nevo, il cui ultimo romanzo «Soli e perduti» è uscito per Neri Pozza, racconta la sua letteratura impegnata ad abbattere gli stereotipi di «due popoli due nemici»

Una Camera tutta nuova

Luciano Del Sette

A Torino apre una casa-laboratorio per la fotografia. Mostre, workshop e seminari. Un incontro con la direttrice Lorenza Bravetta, rientrata da Parigi per perseguire questo progetto

Visioni

Quel ragazzo magrolino

Flaviano De Luca

La Festa di Roma presenta «All or Nothing at All» di Alex Gibney, dedicato a Sinatra. Un ritratto della star che racconta la società americana del suo tempo

Viaggio in India

Giulia D'Agnolo Vallan

«Junun» di Paul Thomas Anderson, uscito in tutto il mondo on line su Mubi dove è visibile per la modica cifra di 4.99 dollari. Il regista segue Jonny Greenwood dei Radiohead, musicista di quasi tutti i suoi film, nella registrazione di un disco con un gruppo indiano

Morando è un amo

Fabiana Sargentini

Due o tre cose che non sapevamo di lui. Il critico Morandini raccontato alla prima persona. Storia di un'amicizia a prima vista

L'Ultima

Il kamikaze del rap angolano

Marco Boccitto

Dopo un mese di sciopero della fame si aggravano le condizioni di Luaty Beirão alias Ikonoklasta, rapper e «attivista civico» detenuto dallo scorso giugno in un carcere di Luanda - in barba alla legge - con l’accusa di voler pianificare una rivolta contro l’eterno presidente dos Santos