closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 20.05.2018

Tutto congelato. Alla fine di una giornata segnata da fischi, insulti e minacce, l’Assemblea nazionale del Pd si chiude con l’ennesima finta tregua tra le correnti. Renzi detta la linea e se ne va. Nessuna data per il congresso. Minoranze divise. Il reggente Martina resta nel freezer

NoTav contro l’accordo Lega-5Stelle: opera inutile

Maurizio Pagliassotti

La decisione nel patto di governo di portare a compimento l'alta velocità che nasce a Genova agita i manifestanti. Alla protesta anche diversi esponenti del mondo pentastellato, compreso il vicesindaco di Torino, che rivendicano l'appartenenza al movimento

Italia

«Via la legge 194»: movimenti pro vita contro l’aborto

Antonio Sciotto

Il sostegno di un pezzo di «governo del cambiamento», con i leghisti Giorgetti e Fontana. La sociologa Serughetti: «Più pericolosi perché ormai usano il linguaggio dei diritti umani». Ma da sindacati e associazioni un appello in difesa dei diritti della donna

Politica

La rivolta del popolo “sfarinato” delle periferie

Riccardo Chiari

Presentata la ricerca del Cantiere delle Idee sulle istanze sociali e il rapporto con la politica nelle periferie. Marco Revelli: "Alla domanda su chi sei, il popolo ha risposto: 'Non sai chi sono, perché non sono'. C'è una molteplicità di 'io' ma non un 'noi'". E Carlo Freccero: "E' un popolo 'sfarinato' che non riesce a organizzarsi contro il potere vero, che è quello economico".

La «passione» nazista dello stragista texano

Marina Catucci

Dimitrios Pagourtzis, uno studente di 17 anni, è entrato a scuola con un fucile e un revolver calibro 38 e ha aperto il fuoco, uccidendo nove compagni e un professore, ferendo 12 persone tra cui una guardia armata

REPORTAGE

In Nicaragua l’ex comandante è nudo

Gianni Beretta

In Nicaragua prosegue la prima rivolta mondiale della generazione "millennials". Si cerca di far luce sulla sanguinosa repressione che un mese fa ha fatto strage di manifestanti nelle strade. E mentre parte il «dialogo» sponsorizzato dalla Chiesa locale, gli studenti urlano «assassino» in faccia al presidente in diretta tv.C'è chi sospetta manipolazioni della protesta, ma questi giovani sono spontanei, appassionati, totalmente inesperti e decisamente soli, in assenza di un riferimento politico alternativo all’"orteguismo". Le insidie arrivano dagli ex attori dello scenario nicaraguense (compresi ex somozisti ed ex contras) e dagli Stati uniti che sicuramente cercheranno di approfittare della situazione

LA CANONIZZAZIONE

Romero sarà santo a Roma, «ma per il popolo lo era già»

Claudia Fanti

Papa Francesco ha sbloccato il processo di canonizzazione e ha comunicato che l'arcivescovo di San Salvador sarà proclamato santo in Vaticano, il 14 ottobre, durante il Sinodo sui giovani. Il processo di canonizzazione era rimasto bloccato per anni per ragioni, come si diceva, di «convenienza»: perché un santo non doveva alimentare divisioni, ma essere segno di unità – dunque associare in un unico applauso vittime e carnefici, contadini massacrati e oligarchi in festa alla notizia dell’assassinio – e perché, si diceva ancora, la sinistra, locale e mondiale, aveva ostacolato la causa politicizzando e strumentalizzando la figura di Romero

Marielle Franco: esecuzione di paramilitari, mandante politico

Francesco Bilotta

Una testimone importante, attualmente sotto protezione, ha svelato il giro di interessi che il consigliere Marcello Siciliano avrebbe nel campo delle costruzioni civili e il suo possibile coinvolgimento nell’assassinio di Marielle

Cultura

Quella vita antica dell’algoritmo

Teresa Numerico

«La dittatura del calcolo» di Paolo Zellini, pubblicato da Adelphi. «Cosa può e cosa non può essere automatizzato?». Il quesito attraversa il libro, squaderna di fronte ai lettori un turbinio di possibili esiti e di questioni teoriche e pratiche irrisolte

CANNES 71

Le palme dei buoni sentimenti

Cristina Piccino

Palma D’oro a «Shoplifters» di Kore-eda, l’Italia sul podio con Alice Rohrwacher e Marcello Fonte. Che Palmares è stato quello del 2018?

Visioni

Sfide e anarchie al Foro Italico

Mazzino Montinari

Se si volesse riassumere in una frase lo stato di attuale anarchia nel tennis, basterebbe affermare quanto sia sorprendente l’accesso alle semifinali degli Internazionali di Roma di Novak Djokovic, nel torneo maschile, e di Maria Sharapova, in quello femminile

Anche gli spiccioli generano filosofia

Marco Mazzeo

Per John Searle i soldi non hanno valore in sé ma grazie alla intenzionalità del contesto sociale. Per Maurizio Ferraris, invece, la moneta è «un documento accessibile anche agli analfabeti»

Ragioni psichiche contro la sragione del consumismo

Stefano Petrucciani

Per superare le dinamiche feticistiche, oggi più pervasive che ai tempi del Capitale, Romano Màdera indica una strada che deve partire dalla rivoluzione nel rapporto con sé e con gli altri: «Sconfitta e utopia», Mimesis

Cavazzoni, alieni e umani obesi sul delta del Po

Graziella Pulce

Con «La galassia dei dementi» (La nave di Teseo) Ermanno Cavazzoni applica al romanzo di fantascienza il modello ariostesco: una serie di quadri paradossali ed eroicomici, dove ogni straniamento nasconde a ben vedere il nostro presente

Monaci Gallenga, immaterialità di essenze

Giorgio Villani

Irene de Guttry e Maria Paola Maino ricostruiscono un insieme déco che mima l’atelier di via Veneto dove Maria Monaci Gallenga allestiva il suo ideale di arte chic: vetri di Zecchin, tele di Donghi e Ferrazzi, ceramiche e disegni di Cambellotti, e i suoi stessi abiti come trapunti d’aria...

Chevrier e la fotografia non autoritaria di Hausmann

Stefano Chiodi

In occasione della mostra del "dadasophe" Raoul Hausmann a Parigi, Jeu de Paume, il teorico francese dell’immagine spiega il suo principio di fotografia «non autoritaria»: «Artisti che usano la fotografia per fare delle fotografie, come Wall, Coplans, Adam: questa la linea intorno a cui costruii, nel 1988, la mostra "Une autre objectivité"»