closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 20.03.2015

Alla fine ha ceduto. Inchiodato e smentito dalle intercettazioni in cui raccomanda suo figlio a Ercole Incalza, il dominus del dicastero delle infrastrutture arrestato per corruzione, il ministro Maurizio Lupi annuncia le dimissioni. La decisione dopo un lungo incontro con Renzi e Alfano. Il Pd e le opposizioni ringraziano

Anticorruzione in aula, rischio “baco”

red. pol.

Approda al senato la legge attesa da due anni. Con le nuove norme sul falso in bilancio che modificano un decreto non ancora in vigore. Forza Italia chiede lo stop a Grasso, Orlando: è tutto a posto

Lavoro

Scioperi spontanei contro i microchip

Massimo Franchi

A Riva Trigoso e Muggiano i lavoratori protestano unitariamente. Ma i sindacati sono divisi. Piattaforme e assemblee separate «Si preparano a firmare la consegna all’impresa»

EURO

Euro, la Grecia ora è “pericolosa”

Anna Maria Merlo

Al vertice dedicato all'energia, mini-summit sulla crisi di Atene, chiesto da Tsipras, che vorrebbe "politicizzare" la crisi, sull'orlo del crollo nel default. Ma i partner restano sul piano "tecnico" e chiedono di applicare le riforme (Memorandum). Un minuto di silenzio in apertura per il massacro in Tunisia. Tusc spinge per un intervento in Libia. Russia: non ci sono nuove sanzioni, ma la minaccia di un rinnovo automatico di quelle in corso, se non entro giugno non sono fatti passi avanti. La Lettonia: azione contro la propaganda di Mosca, che sta "vincendo"

Europa

Workers act vs Jobs act

Giulio Marcon

Nonostante l’ottimismo parolaio di Renzi, le stime del Def parlano chiaro: il Jobs Act inciderà sul Pil al massimo per lo 0,1%. Per ripartire ci sarebbe bisogno di una politica industriale, di contratti veri e di investimenti pubblici. Una riforma del lavoro per uscire dall’Ottocento 2.0

La Prima Internazionale e i sindacati

Karl Marx

Risoluzioni al Congresso di Ginevra dell’Associazione internazionale dei lavoratori, 1866, in «Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!» a cura di Marcello Musto, Donzelli, 2014, pp.36-37

Nuove regole, vecchi precari

Rachele Gonnelli

Dai voucher agli stage pagati con ticket restaurant, così cambia il ricorso per legge al lavoro temporaneo

Vent’anni di precarietà

Leopoldo Nascia

Dalla flexsecurity danese al Jobs Act, il lavoro è diventato atipico e l’occupazione è cresciuta

Internazionale

Tunisia, «è solo la prima goccia»

Gina Musso

Da Mosul l’Isis rivendica l’assalto al museo del Bardo e minaccia nuove stragi. Il turismo cola a picco. Il bilancio finale è di 23 morti, 20 sono turisti stranieri. Identificati i 4 italiani. La polizia annuncia nove arresti

Reportage

Un attacco al «laboratorio» Tunisia

Valentina Porcheddu

Parla il cineasta Mourad Ben Cheikh, premiato per il suo film "Mai più paura" sullo scoppio della primavera araba in Tunisia. «Chi colpisce un museo è consapevole di ciò che rappresenta. Il Bardo è un intreccio di significati, è il nostro viaggio nel tempo»

Obama-Netanyahu, un conto in sospeso

Michele Giorgio

La Casa Bianca, riferisce il New York Times, si prepara a rispondere al premier israeliano che in campagna elettorale ha proclamato la sua opposizione alla creazione di uno Stato palestinese. Netanyahu ieri ha fatto una parziale marcia indietro ma il presidente Usa negli ultimi due anni del suo mandato potrebbe rendere la vita difficile a un primo ministro israeliano che lo ha umiliato e contrastato in troppe occasioni

Cultura

La separazione dal padre

Alessandra Pigliaru

Una intera giornata presso la Casa internazionale delle donne di Roma dedicata alla scrittrice svizzera Alice Ceresa, con film e reading

Oggi il black out del sole

Andrea Capocci

Finiti gli occhiali per osservare l’oscuramento transitorio del sole. Gli scienziati propongono invece una planetaria esperienza di «citizen science»

Il segno libertario e liberatorio

Ernesto Milanesi

Un libro di disegni e caricature del professore di Letteratura italiana Gino Belloni che ci riconsegna un goliardico mondo accademico

Lo stato jazz di Francesco Cafiso

Stefano Crippa

Il musicista siciliano pubblica il 24 marzo tre nuovi album contemporaneamente dove ha coinvolto oltre 100 artisti. «Così ho messo in musica le mie tante aspirazioni»