closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 19.12.2015

L’autodifesa della ministra Boschi alla camera è un rosario di citazioni familiari. Respinge le accuse dell’M5S sul presunto conflitto di interessi nel decreto «salvabanche» e si dice «orgogliosa» di suo padre, coinvolto nel fallimento dell’Etruria. E Renzi a Bruxelles scarica le responsabilità sulla Germania

Politica

Boschi, una fiducia strappacuore

Andrea Colombo

La ministra, «fiera» di suo papà, abbonda in retorica e assicura: «Non facciamo favoritismi». Ma nel suo intervento la politica è assente. E cambia anche la data d’ingresso del padre nel cda di Etruria. Bocciata la mozione del 5 Stelle. Renzi: «Un autogol»

Tutte le inchieste sull’Etruria

Riccardo Chiari

Al momento sono sette le inchieste legate alla vecchia Banca popolare dell'Etruria e del Lazio. E rischiano di moltiplicarsi, visto il fascicolo aperto dalla procura di Arezzo sull'ipotesi di reato di truffa legata all'emissione delle obbligazioni subordinate, coinvolgendo i direttori delle filiali che hanno spacciato i titoli a rischio. L'indagine più intrigante è sulla presunta mancata vigilanza di Bankitalia e Consob.

Milano, alle primarie sarà corsa a tre

Maria Teresa Accardo

Balzani decide: «Ci sarò». Majorino resiste, Sala ringrazia. «L’altra sinistra», assemblea a gennaio. Maratona in aula consiliare, Pisapia non ha più la maggioranza. Lunedì la riunione dei vendoliani

Lavoro

Nasce la carta dei diritti del lavoro indipendente

Roberto Ciccarelli

La proposta in 9 punti della coalizione 27 febbraio: precari, freelance e i professionisti a partita Iva si confrontano criticamente con lo statuto del lavoro autonomo annunciato dal governo Renzi. L'esecutivo ha presentato le norme in un collegato alla legge di stabilità e parla di tutele per la maternità, la malattia, la formazione e i ritardi dei pagamenti. Da gennaio la coalizione 27 febbraio andrà in tour da Nord a Sud. Storia di un esperimento innovativo

Economia

Banche, Renzi si sfoga su Frau Merkel

Antonio Sciotto

«Non siete i donatori di sangue d’Europa». Contrasti su banche e Nord Stream. Ma la cancelliera non molla: niente garanzia Ue sui depositi. Poi però smorza: «Alla fine ci accordiamo sempre»

MIGRANTI E BREXIT

Ue, dopo il vertice c’è il nulla

Anna Maria Merlo

I vertici si susseguono e si moltiplicano, ma le decisioni non arrivano: sui rifugiati e sul Brexit tutto è rimandato al prossimo anno. Per i guardia-frontiere si deciderà a febbraio, il fallimento delle ricollocazioni (184 persone sulle 160mila promesse). La Svezia si defila. Chi paga per i 3 miliardi promessi aalla Turchia? Anche sulle risposte a Cameron si aspetta febbraio. Tensioni anche sull'automaticità del proseguimento delle sanzioni alla Russia e sul blocco di Southstream

Europa

Strage infinita di bambini

Rachele Gonnelli

Nella giornata mondiale dei migranti il rapporto dell’Unhcr stima in un milione le persone che chiedono asilo in Europa solo nel 2015. er l’Ufficio europeo sui rifugiati il 9% dei profughi sono minori non accompagnati, afghani o siriani

L’Europa ha già smesso di commuoversi

Filippo Miraglia

I migranti che hanno manifestato giovedì a Lampedusa ci fanno capire, con i fatti, gli enormi limiti dell’approccio hotspot. Un sistema che alimenta la divisione tra buoni e cattivi, tra chi ha diritto alla protezione e chi no

Obama, se vuoi la fine dell’embargo agisci

Roberto Livi

Toni diversi a Washington e all’Avana a un anno dal «disgelo». Il Granma: basta scaricare le colpe sul Congresso. Il presidente Usa celebra l’anniversario e annuncia una possibile visita nel 2016. Ma la vera normalizzazione sarà «un lungo cammino»

Le finanze dell’Isis «intoccabili»

Giuliano Battiston

Un’arma spuntata la risoluzione Onu per colpire le risorse bancarie del Califfato. La lista d’embargo non ha più solo il nome di al-Qaeda: uno schiaffo per gli eredi di Bin Laden

Sì dell’Onu alla road map per la Siria

Chiara Cruciati

In serata il Consiglio di Sicurezza ha dato il via libera alla bozza di risoluzione sulla transizione politica siriana. Tel Aviv e Ankara pongono fine a 5 anni di rottura in nome del business del gas. Erdogan rinuncia a tutte le precondizioni

Macri, appena eletto, scatenato neoliberal

Geraldina Colotti

Piano di misure antipopolari del padrone-presidente: 29 decreti d’urgenza, quanti quelli della Kirchner in 8 anni. Sotto attacco le Madri di Plaza de Mayo. Per finanziare banche, favorire le grandi imprese e distruggere il potere d’acquisto dei lavoratori

Vietato “Rompere il Silenzio”

Michele Giorgio

Proseguono, più forti e più intensi, gli attacchi al dissenso. Dopo i centri per i diritti umani ora nel mirino della destra ultranazionalista e religiosa al potere c'è "Breaking the Silence", Ong che raccoglie le testimonianze di militari israeliani su crimini di guerra e abusi a danno dei palestinesi sotto occupazione.

Cultura

Il nemico non è più astratto

Sandro Chignola

«La guerra d’aggressione come crimine internazionale»: è il libro uscito postumo di Carl Schmitt. Edito in Italia dal Mulino, nasce dal parere che il giurista scrisse su richiesta dell’industriale Flick, uno dei principali esponenti economici del regime nazista

Una designer essenziale

Lia Migale

«L'architettura necessaria», per Quodlibet: la raccolta dei progetti di Laura Gallucci, una delle migliori architette di interni, scomparsa prematuramente in un incidente in mare nel 2012

Cinquant’anni vissuti pericolosamente

Emanuele Piccardo

«Comunità Italia. Architettura, città e paesaggio dal dopoguerra al Duemila»: la rassegna alla Triennale di Milano, visitabile fino al 6 marzo

Il kolossal del Profeta contro l’oscurantismo

Giona A.Nazzaro

«Muhammad: Messenger of God», l’Islam umanista di Majid Majidi. Anche se la vita di Maometto è narrata in modo ecumenico il regista iraniano è stato attaccato dai sunniti

L’immagine «sicura» che piace agli Oscar

Cristina Piccino

«Non essere cattivo di Caligari» è stato escluso dalla cinquina. Come il capolavoro «Le mille e una notte» di Miguel Gomes. ma l'Academy sembra prediligere titoli meno destabilizzanti

L'Ultima

Legionari romani in Cina

Gianni Maniscalco Basile

Tra evidenze scientifiche e studi di autorevoli sinologi, finte rovine ricostruite nel deserto del Gobi a beneficio dei visitatori ed esami del Dna sulle popolazioni locali, prende definitivamente quota la «romanità» dell’antica città di Liqian

Ritorno all’innocenza

Giulia D'Agnolo Vallan

Dal primo magnifico volo del ragazzo di Modesto (California) che sovvertiva l’estetica dei modi di produzione dei film, alle due trilogie specchio dei tempi

Christmas Time

Claudio Corvino

Perché le carte da regalo e le cartoline natalizie pullulano di bambini, ceppi, vecchietti, ragazze da marito? Un corredo di immagini che viene da antiche credenze rurali e non solo

IL MANIFESTO IN MOVIMENTO

Misurare l’altezza

Matteo Bartocci

Tra Instagram e reality l’avventura scorre sempre più veloce. Accorciare la distanza tra le città e le vette è un desiderio antico ma impossibile, l’esperienza alpinistica resta una scomoda testimonianza di se stessa. Se l’uomo non va alla montagna, la montagna non andrà all’uomo

Il martello di Cesare Maestri, segno di lotta e di vita

Matteo Bartocci

Il martello da roccia, usato nell’alpinismo artificiale classico (dove si sale anche con l’aiuto di staffe), è, insieme alla piccozza, uno dei simboli dell’alpinismo. Uno strumento per ovvie ragioni caro al «manifesto», con cui ci piace inaugurare questa rubrica dedicata ai «ferri del mestiere», compagni necessari delle attività che andremo a raccontare

Senza parole. Le anomalie del natale jazz

Guido Michelone

Classici come «White Christmas» o «Jingle Bells» rivisitati e rielaborati in chiave solo strumentale. Standard che, di volta in volta, rivelano accenti swing, cool, mainstream, gospel, rhythm’n’blues. Dall’orchestra di Stan Kenton alla tromba di Paolo Fresu. Ripensando al «classic piano» di Oscar Peterson e George Shearing