closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 19.11.2017

Sulle pensioni non c’è accordo tra governo e sindacati. L’esecutivo propone solo piccole aperture sullo stop al lavoro a 67 anni e chiude totalmente su donne e giovani. Martedì ultimo incontro ma la Cgil già annuncia la manifestazione del 2 dicembre, appoggiata da tutta la sinistra

Lavoro

Pensioni, niente accordo al tavolo con il governo

Massimo Franchi

Un nuovo incontro è stato fissato per martedì prossimo, ma la Cgil ha già dato giudizio negativo e conferma la mobilitazione. Cisl e Uil più positive. Il sindacato guidato da Susanna Camusso scenderà in piazza il 2 dicembre, con il sostegno della sinistra di Mdp, Si e Possibile

Salari, è ora di redistribuire la torta

Paolo Pirani*

La stessa Bce di Draghi individua la priorità per sostenere crescita e inflazione, ma la Confindustria da quest'orecchio pare non sentirci. Tra i chimici, più positivo l'approccio di Federchimica e Farmindustria, meno quello degli industriali della gomma-plastica

Europa

Germania, dilemma Giamaica per i Verdi

Sebastiano Canetta

«Doveva essere la settimana della verità; è stata la settimana delle delusioni», non si trova ancora la quadra su «Europa, politica estera e interna, alloggi accessibili, lavoro, traffico e agricoltura». Grünen sotto pressione, il 25 novembre i delegati voteranno sul patto di coalizione con democristiani e liberali

Internazionale

Hariri a Parigi, mercoledì torna a Beirut

Michele Giorgio

Il premier libanese ha lasciato Riyadh dopo due settimane di detenzione mascherata. Ieri l'incontro all'Eliseo con Macron. Il 22 novembre il ritorno a Beirut dove dovrà spiegare le dimissioni annunciate due settimane fa in Arabia saudite

Nuova staffetta con Piñera non spinge il Cile alle urne

Claudia Fanti

Atteso un forte astensionismo. Ma tutti i sondaggi indicano come sicuro vincitore il miliardario conservatore Sebastián Piñera, che tuttavia dovrà probabilmente attendere il ballottaggio del 17 dicembre, dove dovrebbe vedersela con Guillier

Cultura

L’identità nuova con un microchip

Andrea Capocci

A che punto è la ricerca sull'interfaccia «cervello-computer». Un tempo, le onde cerebrali riguardavano solo psichiatri e neurologi, oggi fanno gola a molti e si concentrano su di loro diversi interessi, non ultimi quelli commerciali

Alias Domenica

Singer fra banditi e puttane

Massimiliano De Villa

Ambientato nell’underworld miserabile ma anche assennato di Varsavia, «Keyla la rossa» fu pubblicato da Isaac B. Singer a puntate tra il ’76 e il ’77 su «Forverts»: esce ora da Adelphi

Verso la Siberia, in viaggio con un cadavere

Tommaso Pincio

Da Mosca a Novosibirsk, una voce monologante riepiloga i suoi ricordi in fiumi di parole: è un dichiarato omaggio a «La Prose du Transsibérien et de la petite Jehanne de France», il poema di Blaise Cendrars, illustrato da Sonia Delaunay

Stevenson, bombe irlandesi, terrore a Londra

Viola Papetti

Le tensioni e le ripetute esplosioni degli anni ottanta dell’800 nel romanzo di rinnovata attualità «Il terrorista», scritto insieme alla moglie Fanny: lo ha tradotto da Mattioli 1885

Plutarco, perché questo erudito moderato ci attrae

Carlo Franco

Infinita varietà dei temi trattati, argomentazione pacata, stile gradevole, testi ricchi di aneddoti e citazioni colte: «Tutti i Moralia» tradotti per Bompiani da un’équipe guidata da Lelli e Pisani

Palandri: radici, stemmi araldici e nuove identità

Graziella Pulce

Venezia ma anche Bisanzio, Pietroburgo e Astrakhan sono i teatri di una vicenda plurisecolare spalancata sull’oggi: «L’inventore di se stesso», il nuovo romanzo di Enrico Palandri da Bompiani

Murillo da Siviglia a Manhattan

Tommaso Mozzati

Nel quarto centenario della nascita il pittore sevigliano viene festeggiato con una mostra di autoritratti e ritratti che ne mette in luce la sottile tensione metapittorica nella tragica ribalta del siglo de oro

Nervoso, sciamanico, tabagista: Mägi

Paolo Martore

Il caso di un artista periferico plasmato dalla lezione post-impressionista, più nabis che fauve. Konrad Mägi trovò la strada a Parigi fra 1907 e 1910 fra gli inciampi di una vita irregolare

Secessioni europee, quattro convalescenze a contrasto

Giorgio Villani

una mappatura dell’universo modernista, a cura di Francesco Parisi, che lascia prevalere, forse in eccesso, i caratteri distintivi su quelli comuni. Fra il satanismo di von Stuck, la «Sitzmachine» di Hoffmann (vertice dell’alfabeto razionalista) e i disegni di Klimt e di Schiele, la varietà degli italiani, colpiscono i cechi, visionari intrisi di luce

Isgrò, dalle cancellature al flusso delle memorie

Giuseppe Frangi

L'artista siciliano ripercorre, con sottile stupore e aggettivando, la storia dei suoi incontri: da Gio Ponti a Palazzeschi, da Fontana a Sciascia. E spiega il suo rapporto rifondativo con le parole: dinanzi ai «puri esercizi di manutenzione della parola novecentesca», condotti dalla neoavanguardia, volle rovesciare il tavolo...

I tuoi piaceri con serietà: gli Eames

Maurizio Giufrè

Un omaggio in tre mostre a Charles e Ray Eames: con mobili, giocattoli, interior, e carica umana, aggirarono le asperità del funzionalismo

Axel Hütte, fotografie alla Friedrich

Daniele Capra

Formatosi a Düsseldorf nella lezione concettuale dei Becher, trae dall’immagine paesaggistica una complessa rete di relazioni psicologiche che ricompone in una nuova «scrittura»

Piccoli principi insidiati dalla ragion di stato

Gennaro De Luca

Nel 1770 Carlo III di Spagna inviò a Firenze Anton Raphael Mengs perché ritraesse i suoi nipoti, figli dell’Infanta Maria Luisa e di Pietro Leopoldo: ne sortì una galleria dove il candore dell’infanzia gioca a nascondino con il diktat cerimoniale...