closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 19.10.2018

Salvini e Di Maio ai ferri corti sulla «manina» che ha scritto il super-condono, il premier Conte annuncia un nuovo consiglio dei ministri, boicottato dalla Lega. Lo scontro nel giorno in cui Moscovici consegna a Tria la lettera di Bruxelles che boccia la manovra. E lo spread vola a 327

Il governo balla sul complotto

Andrea Fabozzi

Salvini e Di Maio rompono sul mega condono per gli evasori. I 5 Stelle insistono che il testo è stato manipolato (ma senza più fare denuncia) e giurano che non possono votarlo. La Lega non vuole fae passi indietro e dimostra che gli alleati sapevano quello che hanno approvato. Conte convoca un Consiglio dei ministri riparatore al quale il leader leghista annuncia di non voler andare. E con lui tutti i suoi ministri, che però giurano: non ci sarà la crisi

Commenti

Quei moniti di Mattarella sui conti pubblici

Massimo Villone

Il Colle chiede una «visione di lungo termine nell'interesse collettivo», sollecita ad abbandonare «vuoti rigurgiti nazionalistici», e soprattutto dice dell’Ue che «pur con alcune e contraddizioni - ha assicurato un patrimonio inestimabile di pace e di benessere»

Italia

Firenze chiama Riace, un ponte per Mimmo Lucano

Riccardo Chiari

La Rete antirazzista fiorentina occupa pacificamente Ponte Santa Trinita per sostenere il modello Riace e il suo sindaco. Tante le donne indignate: "Per una volta che qualcosa funzionava bene, la fanno finire prendendosela con un uomo perbene".

Lavoro

Sky, reintegrati tre licenziati a Roma

Massimo Franchi

La sede nella capitale era stata quasi completamente chiusa per lo spostamento del Tg a Milano. Per il giudice illegittimo l'uso dei criteri per individuare gli esuberi che sfavoriva i dipendenti romani

L'Ultima

I patrioti della razza

Yurii Colombo

Al congresso di Kiev dei neofascisti europei - presente per l’Italia Casa Pound - Greg Johnson, l’ideologo nazista statunitense, saluta l’avvento al potere «di Trump, Salvini e Kurz»