closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 18.12.2018

Paragone, censore smemorato M5s

Massimo Franchi

L'ex conduttore de "La Gabbia" attacca la "casta dei giornalisti". Ma nel 2006, da direttore della Padania, l'attuale senatore difendeva il finanziamento pubblico

Anticorruzione, arriva la legge. Salvini forse non l’ha letta

Andrea Fabozzi

Il ministro dell'interno offre la sua versione di comodo della norma bandiera voluta dai 5 Stelle e ingoiata dalla Lega: «Se non entra in vigore la riforma della giustizia salta anche quella della prescrizione». Ma non è così. Alla camera le tensioni tra alleati non escludono una nuova fiducia contro i voti segreti

Lavoro

Bologna, i ciclofattorini si fermano

Giovanni Stinco

Troppo pericoloso guidare sotto la neve, domenica i riders hanno detto no. Sei su dieci aderiscono allo sciopero. Con l’appoggio del Comune: «Chiediamo ai cittadini di stare dalla loro parte»

Internazionale

«L’Egitto ritira l’ambasciatore». Il Cairo smentisce

Chiara Cruciati

Secondo l'agenzia indipendente Mada Masr, il regime sarebbe pronto a richiamare il proprio rappresentante entro il 25 gennaio, ma il ministero degli Esteri egiziano parla di notizia senza fondamento. Un diplomatico europeo afferma che il servizio di intelligence che ha rapito il ricercatore non è lo stesso che lo ha ucciso

Visioni

Susanna Egri: «La lezione di vita lasciata da mio padre»

Massimo Congiu

Parla la danzatrice, coreografa e insegnante, figlia dell’allenatore del Grande Torino Erno Egri Erbstein: «Con le leggi del 1938, all’improvviso, è emerso che contava l’origine delle persone, non ciò che queste professavano nella loro esistenza»

Se il fucsia è peggio della pipì

Mariangela Mianiti

Le norme sociali si possono ignorare e mutare quando ci vanno strette o non le condividiamo, ma per farlo servono disponibilità e apertura di idee. Serve, prima di tutto, essere capaci di farsi qualche domanda

COP24

Da Parigi a Katowice avanti a piccoli passi. E pesa un calo di leadership

Giuseppe Onufrio

Un quadro di generale arretramento con qualche luce, come la discussione, difficile, sui cambiamenti climatici proprio in Polonia, terra del carbone "sovranista". La bandiera dei 5Stelle era l’energia, ma ora sono in linea con il governo dell’ex ministro Calenda, che faceva del gas naturale il cuore della strategia energetica

Commenti

Quegli scherzi, brutali, del palinsesto

Giandomenico Crapis

Se c’era ancora qualche dubbio sulle caratteristiche pop- politiche di Matteo Renzi, è stato dissolto dalla sua comparsa in veste di conduttore nel documentario in onda sabato sera, per quattro puntate, su canale ‘Nove’

Campagna per il Nobel 2019 della pace a Riace

***

Riace è conosciuta in tutta Europa per il suo modello innovativo di accoglienza e di inclusione dei rifugiati che ha ridato vita ad un territorio quasi spopolato a causa dell’emigrazione e della endemica mancanza di lavoro