closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 18.04.2015

Mentre i lavoratori di Caserta protestano contro la chiusura della loro fabbrica decisa dalla Whirlpool, la Fiom smaschera la finta svolta «made in Marchionne»: «Si vuole cancellare il sindacato»

Lavoro

Renzi sfiduciato alla Whirlpool

Adriana Pollice

Seconda giornata di mobilitazione in Campania e nelle Marche contro i 1335 esuberi. Nessuno si fida dell'azienda che promette di riportare in Italia le produzioni delocalizzate in Cina, Polonia e Turchia. Palazzo Chigi aveva definito «fantastica» la fusione con Indesit

Altro che Germania: solo qualche spicciolo

Massimo Franchi

La partecipazione agli utili non è altro che un bonus. l modello Pomigliano va avanti. «Era l’unico modo per avere un aumento salariale», ammettono i sindacati firmatari. E sui nuovi modelli poche certezze

Scuola

Oggi in piazza a Roma c’è la «vera scuola»

Roberto Ciccarelli

Il presidio dei sindacati è a piazza SS. Apostoli dalle 10,30. Il sottosegretario alla scuola Faraone (Pd): «La Buona scuola è rivoluzionaria, normale che ci siano conservatorismi». Nella neolingua renziana significa: creazione del preside-manager a capo della scuola-azienda e potere di chiamata diretta dei 100.701 assunti (a settembre)

Italia

Fra barconi e pescherecci, canale di Sicilia nel caos

Riccardo Chiari

Nuovi sbarchi sulle coste italiane, mentre la Marina salva anche un motopesca bloccato dai militari di Misurata. I numeri del racket: nell'ultima settimana arrivati 11mila migranti, più di 1.500 al giorno. E almeno altri 950, denuncia l'Onu, sono annegati. Obama a Renzi: "Niente droni". Ue sempre più silenziosa.

Europa

Ciclone Schäuble su Francia e Grecia

Anna Maria Merlo

"La Francia sarebbe contenta che qualcuno forzi il parlamento" per imporre tagli al welfare e riforma del lavoro, "ma è difficile, è la democrazia". Per il ministro tedesco, "nessuno ha minima idea" di quando potrà venir raggiunto un accordo con Atene. Per Moscovici, riforme subito "non c'è un piano B". Varoufakis: "faremo compromessi, ma non ci comprometteremo". Fmi, Ue e Bce tirano la corda, giocando con il rischio Grexit. Ormai la dead line per la Grecia si sposta al 30 giugno, nessun accordo previsto all'Eurogruppo del 24 aprile, tutto rimandato all'appuntamento dell'11 maggio. Insofferenza verso Bruxelles: Cameron vuole annullare la legge sui diritti dell'uomo, per non dover tener conto delle decisioni della Corte europea

DEMOCRACK

Renzi: tratto anzi no, e la minoranza litiga

Daniela Preziosi

Il premier dagli Usa straparla: il senato potrebbe tornare elettivo. Troppo per essere vero, il Pd va in tilt. Palazzo Chigi smentisce. E nella sinistra ’dialogante’ Speranza finisce sotto accusa

GENOVA 2001

Grasso: «Tortura, basta rinvii»

Eleonora Martini

Il ddl torna da martedì prossimo in commissione Giustizia per il sì definitivo. Il presidente sprona i senatori: «Testo perfettibile ma gli italiani aspettano da troppo tempo». Amnesty Italia festeggia i 40 anni chiedendo il «reato subito»

Italia

Il congresso dell’Unione Inquilini: «Fare coalizione per il diritto all’abitare»

Roberto Ciccarelli

Inizia oggi il 14° congresso dell'Unione Inquilini a Livorno. Intervista al segretario Walter De Cesaris: "Abitare in Italia è un dramma: 1 milione e mezzo di famiglie in affitto con disagio abitativo, il 40% ha difficoltà nel pagare l'affitto, mentre si sono esaurite le loro riserve. Ecco le nostre proposte per affrontare l'emergenza e per una nuova politica della casa"

Reportage

Miseria e sangue a Yarmouk

Federica Iezzi

Nel campo palestinese alle porte di Damasco, dove continuano i combattimenti. popolazione senza acqua né cibo: è emergenza umanitaria. E dopo l’attacco dell’Isis gli abitanti sono passati da 160 mila a 6 mila. Restano i giovani, che «non andranno via se non per tornare in Palestina»

YEMEN

Sotto i raid sauditi, in Yemen avanza al Qaeda

Chiara Cruciati

I qaedisti prendono la città meridionale di Mukalla sostenuti da tribù locali e religiosi sunniti. L'Arabia Saudita minimizza, ma così si sgretola la strategia Usa della guerra al terrore

INTERVISTA

Il tribalismo commerciale

Alessandra Pigliaru

Un incontro con l'antropologo Marco Aime, in occasione del suo ultimo saggio uscito per elèuthera «Etnografia del quotidiano». Nel libro, lo studioso smaschera i rituali politici, finanziari e di potere della società

Cultura

Il bricolage della Storia

Manuela De Leonardis

«Slip of the Tongue», presso Punta della Dogana: una rassegna a cura di Caroline Bourgeois e dell'artista vietnamita Danh Vo che tenta di curare le ferite del mondo attraverso le opere di Charles Ray, Piero Manzoni, Marcel Broodthaers, Robert Manson, Paul Thek, ma soprattutto Nancy Spero

La pazzia confinata

Arianna Di Genova

«I volti dell’alienazione», presso il Museo in Trastevere di Roma: i disegni di Roberto Sambonet che passò sei mesi tra gli internati del manicomio di Juqueri, negli anni '50

Polleke alle prese col nonno

Arianna Di Genova

«Con il vento, verso il mare» di Guus Kuijer, uscito per Feltrinelli Kids. Continua la saga della bambina con una stravagante tribù affettiva

Visioni

Il sogno sprofonda nell’incubo

Gianni Manzella

Maurizio de Giovanni riscrive il romanzo di Ken Kesey, «Qualcuno volò sul nido del cuculo», ambientandolo nel 1982 all’interno dell’ospedale psichiatrico di Aversa. Regia di Alessandro Gassman, con Daniele Russo

Alias

Effetto Francesco sulla Sacra Sindone

Luciano Del Sette

Dopo cinque anni si ripete da domani a Torino il rito dell’Ostensione. Sono già oltre un milione le prenotazioni per un evento che travalica il significato religioso per trasformarsi in business

Dalla Terra del Fuoco a New York

Pippo Ciorra

Al Moma, una grande rassegna ripercorre l'avventura dell'architettura latinoamericana, dal 1945 al 1980, sganciando molte di quelle esperienze dal modernismo europeo

Etno story, l’altra faccia del folk

Domenico Ferraro

Nella stagione ’66-’67 debutta al Piccolo Teatro di Milano «Sentite buona gente» di Roberto Leydi. Veniva ribaltata l’idea di tradizione popolare. Sul palco gli artisti coinvolti rifuggivano dal concetto di «canzoniere» e politicizzazione estrema. Niente strumentalizzazioni, solo la voglia di rendere una «civiltà che ignoriamo»